Italiano Professionale – Lezione n. 13: FIDUCIA E DIFFIDENZA


Audio – prima parte (17 minuti)

SECONDA e TERZA PARTE : solo abbonati

italiano dante_spunta Parliamo delle espressioni idiomatiche sulla fiducia e sulla diffidenza.
spagna_bandiera Vamos a hablar de las expresiones idiomáticas acerca de la confianza y la desconfianza.
france-flag Abordons les expressions idiomatiques concernant la confiance et la méfiance.
flag_en We’ll talk about idiomatic expressions concerning trust and distrust.
bandiera_animata_egitto نحن نتكلم من التعابير المتعلقة الثقة وعدم الثقة.
russia Мы говорим об идиомах относительно доверия и недоверия.
bandiera_germania Wir sprechen von Redewendungen über Vertrauen und Misstrauen.
bandiera_grecia Μιλάμε για ιδιώματα που αφορούν την εμπιστοσύνη και τη δυσπιστία.

Prenota il corso: https://www.facebook.com/events/1163915776956739/

Trascrizione

Introduzione

Benvenuti alla lezione numero 13, dedicata alla fiducia ed alla diffidenza. La fiducia la possiamo definire quell’atteggiamento verso gli altri che è il risultato di una valutazione positiva delle cose, per cui chi ha fiducia confida negli altri e generalmente la fiducia produce un sentimento di sicurezza e tranquillità. Se mettiamo una s, (la lettera s) davanti alla parola fiducia otteniamo il sentimento contrario: la sfiducia, chiamata anche “diffidenza”.

La diffidenza è quindi il sentimento o l’atteggiamento opposto, cioè la mancanza di fiducia negli altri, che deriva da timore o da un sospetto verso gli altri. Chi prova diffidenza verso un’altra persona ha il crede, ha paura o anche ha il sospetto di essere ingannato. Se non ci fidiamo di una persona, si dice che siamo diffidenti nei suoi confronti.

Abbiamo già affrontato nella lezione scorsa, quella sulla condivisione e sull’unione, qualche espressione relativa alla fiducia, Ad esempio le frasi “metterci una mano sul fuoco” e “nutrire una fiducia incondizionata”.

Si tratta in effetti di due argomenti molto vicini tra loro quelli della fiducia e della condivisione. Oggi però vediamo altre espressioni, non solo sulla fiducia ma anche legate alla diffidenza.

Le frasi che vediamo vi saranno particolarmente utili in un ambiente di lavoro, soprattutto quando si parla di lavoro di gruppo e di riunioni, ma è importante anche in fase di presentazione e colloquio di lavoro.

La prima parte di questa lezione, disponibile per tutti sarà quindi dedicata alle prime espressioni sulla fiducia, per continuare il percorso iniziato nel corso dell’ultima lezione, continueremo anche nella seconda parte dove vedremo anche le frasi sulla diffidenza, poi nella terza parte faremo come al solito un approfondimento sui rischi di pronuncia ed un esercizio di ripetizione con domande e risposte.

In questa lezione mi farà compagnia Giuseppina che mi aiuterà nelle spiegazioni.

La Fiducia in coppia

Vediamo prima di tutto delle frasi molto brevi che contengono la parola fiducia, e che si usano spessissimo in ogni circostanza, soprattutto nel lavoro, per esprimere rapidamente un concetto legato a questo importante sentimento. Le frasi sono: “Clima di fiducia”, “Persona di fiducia”, “Incarico di fiducia”, “Questione di fiducia”.

Son tutte frasi, quattro in tutto, composte da tre parole di cui una è proprio fiducia. La prima frase è “clima di fiducia”, che si usa spesso al lavoro per descrivere un ambiente dove si ha subito la sensazione che le persone si fidino tra loro. Normalmente si dice:

In quel luogo si respira un (certo) clima di fiducia.

E dicendo questo si vuole evidenziare un’atmosfera speciale, un luogo dove tutti coloro che lavorano lì hanno fiducia l’uno dell’altro, oppure hanno tutti fiducia in uno futuro positivo. Se ad esempio un’azienda non attraversa un buon momento ma i lavoratori sono fiduciosi nel futuro, allora posso sicuramente dire che in quell’azienda si respira un certo clima di fiducia.

La parola “certo” della frase “si respira un certo clima di fiducia” significa un buon clima, un clima positivo.

Si usa poi il verbo “respirare”, perché si respira l’aria, e l’aria, simbolicamente, porta con sé l’atmosfera positiva o negativa.  Se provate poi a cercare la frase “clima di fiducia” su internet probabilmente troverete tutti siti web che si occupano di economia. Infatti la frase “clima di fiducia” è molto usata quando si parla di indicatori di fiducia economici, ed infatti esistono il Clima di fiducia delle imprese e quello dei consumatori. Il clima di fiducia delle imprese misura, essendo un indicatore, il grado di ottimismo delle imprese italiane, quindi è chiaramente un indicatore economico. Lo stesso vale per il clima di fiducia dei consumatori, dove i consumatori sono tutte le persone, perché tutti siamo consumatori. Anche questo è un indicatore economico. Ma quando usate il verbo respirare vi state riferendo ad una atmosfera di fiducia in un posto specifico, come il vostro luogo di lavoro ad esempio.

La seconda frase è “Persona di fiducia”: molto intuitiva come frase, ed infatti è molto usata soprattutto nelle offerte e nelle domande di lavoro. Chi cerca lavoro, cioè chi sta cercando un lavoro, può ad esempio pubblicare su internet un annuncio, cioè un messaggio pubblico che recita più o meno così:

“Cerco lavoro serio come persona di fiducia presso famiglie private”

Oppure chi offre lavoro, cioè chi sta cercando una persona di fiducia può invece scrivere:

“Cercasi baby sitter, preferibilmente persona di fiducia per lavorare presso una famiglia”

Oppure

“Cerco una persona di fiducia, automunita per un lavoro da colf”

Spesso troverete annunci di questo tipo su internet o giornali italiani.

Al posto della frase “persona di fiducia” potreste anche trovare la parola “referenziata”: cercasi persona referenziata è una frase molto usata. Ma che significa “persona con referenze?” Quando una persona ha delle referenze questa persona si dice che è referenziata.

Le referenze sono tutte quelle informazioni sulle qualità morali e professionali di una persona. Quindi se una donna ad esempio ha delle ottime referenze significa che esiste una persona che conosce questa donna, e che può garantire per lei, perché la conosce e quindi sa con certezza che questa donna è una persona seria, quindi può garantire sulla serietà di questa donna. Anche un’azienda può avere delle ottime referenze, ed anche in questo caso esistono prove sulla solidità e sulla serietà di questa ditta. Ad esempio queste referenze possono venire da chi ne ha avuta diretta esperienza.

Se quindi venite a conoscenza di una baby sitter con ottime o buone referenze, ebbene questa è una persona di fiducia, di conseguenza questa persona – questa ragazza ad esempio – si presenta con buone referenze e sarà subito assunta in servizio. Nel caso soprattutto di ditte, di aziende, si dice anche che questa azienda gode di una buona reputazione. La reputazione è di conseguenza ciò a cui ispira maggiormente una azienda.

La reputazione è la considerazione altrui, ciò che pensano gli altri, e quindi è una misura della qualità e della moralità. Non c’è neanche bisogno di dire ottima reputazione o buona reputazione, è sufficiente “avere una reputazione”.

Possiamo tranquillamente dire ad esempio che Tripadvisor può dare una buona o una cattiva reputazione ad una azienda, come può essere un ristorante o un hotel. Chi ha una media di quattro o cinque stelle sicuramente gode di un’ottima reputazione. Chi ne ha una o due di stelle sicuramente non gode di una buona reputazione.

Vedete quindi che se si tratta di una persona è più facile parlare di persona di fiducia, o in modo più formale “avere ottime referenze” mentre per una azienda è più usata l’espressione “godere di una buona reputazione”.

L’incarico di fiducia” è invece un incarico, cioè un lavoro, un lavoro con un obiettivo ben determinato, ben individuato – questo è un incarico – di fiducia: quindi questo incarico è molto particolare, molto delicato, e solamente una persona di fiducia può essere la persona incaricata di realizzarlo. Alle persone di fiducia quindi si affidano incarichi di fiducia.

Infine “questione di fiducia” è una cosa che ha a che fare con la politica. Quando il Governo deve prendere una decisione importante non vuole che il Parlamento si esprima secondo le consuete modalità, dicendo ciò che pensa sul quell’argomento, ma piuttosto il Governo dice: la questione è talmente importante che se siete d’accordo il Governo continuerà a governare, altrimenti se i parlamentari non sono d’accordo il Governo cadrà. Questa è la questione di fiducia.

Naturalmente potete usare la frase anche in altri contesti: se non vi fidate più di un vostro amico, sarà inutile che continuate a frequentarvi, perché l’amicizia è soprattutto una questione di fiducia; quindi questo vuol dire che se non c’è fiducia non c’è amicizia: è una questione di fiducia.

Godere e nutrire

Prima abbiamo visto la frase “godere di buona o ottima reputazione”.

Ebbene il verbo “godere” è uno dei due verbi sui quali voglio soffermarmi. Mentre la frase “godere di buona reputazione” è, come abbiamo detto, più specifica per le aziende, per le persone possiamo ugualmente usare il verbo godere, semplicemente dicendo “godere di fiducia”, o “godere della fiducia di qualcuno”.

Ad esempio se un mio amico si chiama Carlo, posso dire che Carlo gode di fiducia, oppure Carlo gode della mia fiducia, o gode della fiducia della mia azienda. Il verbo godere si riferisce quindi a Carlo.

Se io mi fido di Carlo, è Carlo che gode della mia fiducia.

Se invece voglio riferirmi a me, devo usare il verbo “nutrire”:

Io nutro fiducia in Carlo

oppure:

Io nutro fiducia nei confronti di Carlo.

Carlo gode della mia fiducia ed io nutro fiducia in Carlo.

Godere e nutrire sono quindi due verbi molto adatti quando si parla di fiducia.

Notate però che i due verbi godere e nutrire sono due verbi che cambiano completamente il loro significato naturale associati alla parola fiducia, e per questo motivo sono poco usati dagli stranieri. Vedremo nella seconda parte, quando parleremo di rischi, che dovete fare molta attenzione quando usate questi verbi.

Non verrebbe naturale quindi associarli alla fiducia, ma sono utilizzatissimi nel lavoro e vi consiglio sicuramente di utilizzarli.

Essere degni di fiducia

Adesso prima di terminare la prima parte della lezione vediamo la frase “essere degni di fiducia”.

Essere degni di fiducia non è una frase idiomatica perché essere degni significa semplicemente “meritare”. Quindi essere degni di fiducia e meritare fiducia o meritare la fiducia di qualcuno sono la stessa cosa.

Vale la pena di soffermarci sulla parola dignità, importantissima quando si parla di lavoro. Essere degni significa come detto “meritare”, e più precisamente avere una qualità chiamata “dignità”. Anche questa parola è simile alla parola fiducia, ma mentre la fiducia è una sentimento che riguarda due persone, un sentimento che una persona ha verso un’altra (io ho fiducia di te, tu hai fiducia di me eccetera), la dignità riguarda una sola persona, ed è una cosa che si possiede oppure non si possiede. La dignità o la si ha oppure non la si ha.

Cos’è la dignità? La dignità è il rispetto che l’uomo deve sentire nei confronti di se stesso e di conseguenza deve trasformare in un comportamento adeguato. Se un uomo è consapevole del proprio valore sul piano morale, se è consapevole delle proprie qualità, allora quell’uomo ha dignità.

Si dice spesso che avere un lavoro significhi dare dignità all’essere umano. Senza lavoro si perde la propria dignità, si perde cioè il rispetto verso se stessi. Ogni lavoro, si dice ha la sua dignità. Ogni lavoro è dignitoso.

Se quindi io ho dignità, se io posseggo dignità, io ho rispetto di me stesso, ma anche un lavoro, un mestiere, come detto, ha la sua dignità, cioè ogni lavoro onesto merita di essere rispettato; quindi la dignità non è una caratteristica solamente dell’essere umano: il lavoro è collegato spesso alla dignità, e se un lavoro non è dignitoso vuol dire che chi lo fa, chi fa quel lavoro non ha dignità, non ha rispetto di se stesso, sta mancando di rispetto a se stesso.

Meritare qualcosa quindi si dice anche “essere degni di qualcosa”. Se si posseggono le qualità morali necessarie, si è degni di qualcosa, ed in particolare si è degni di fiducia.

– spezzone della canzone “Non son degno di te” di Gianni Morandi –

Pertanto essere degni di fiducia è una qualità importantissima, perché implica una fiducia profonda, basata sule qualità morali di una persona.

Finisce qui la prima parte della lezione dedicata alla fiducia ed alla diffidenza. Nella seconda parte vedremo molte altre belle espressioni. Poi nella terza parte come detto parleremo di rischi di pronuncia e faremo un esercizio di ripetizione

 

Fine prima parte

prenota-il-corso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...