Al limite


Audio

Video

Trascrizione

Buongiorno a tutti e benvenuti su radio Italiano semplicemente. Una notizia dall’Azerbaigian: Il prezzo del petrolio scende molto e nel mio paese tutti sono tristi. Se la situazione non migliora, al limite per tornare a sorridere dovremmo ricorrere alle barzellette.

Ciao ragazzi, e grazie ad Eldar, nuovo membro dell’Associazione Italiano Semplicemente. Avete sentito Eldar che ci ha dato una notizia dal suo paese, l’Azerbaigian. Eldar ha usato l’espressione “al limite”, che spieghiamo oggi.

Grazie Eldar. Non è una cattiva idea raccontare barzellette comunque, anche se il prezzo del petrolio dovesse aumentare. C’è sempre una buona ragione per farsi una risata.

Vediamo dunque oggi la spiegazione della locuzione grammaticale “al limite”.

Non è la prima locuzione grammaticale che spieghiamo sulle pagine di italiano semplicemente. Vi ricordo che si chiamano così quei gruppi di parole, due ad esempio, come. In questo caso, che hanno un significato proprio. Non bisogna leggere le singole parole che compongono la locuzione ma piuttosto è il gruppo di parole che tutte insieme hanno un significato proprio e vanno perciò interpretate a prescindere da quello che significano le parole singole.

“Al limite” è una di queste locuzioni.

Cosa significa? Come si usa questa locuzione?

Sono qui apposta quindi mi accingo a spiegarvelo.

Allora vi faccio qualche esempio.

Forse è difficile trovare delle notizie vere con l’espressione “al limite”. Però al limite potrei inventartene una per voi.

Iniziamo però dalla parola limite, che è quella più importante.

Il limite è solitamente inteso come una linea da non superare. Una linea, un punto, al di là del quale non si può andare, quindi un confine, qualcosa da non superare, perché se lo facciamo succede qualcosa.

Ad esempio c’è la linea gialla disegnata a terra nella metropolitana, davanti ai binari. Non si può superare quel limite, altrimenti è pericoloso. Si usa anche in senso figurato. Una madre può dire:

Adesso nostro figlio sta esagerando, torna sempre tardi la notte, sta oltrepassando il limite.

In questo caso la mamma del ragazzo si lamenta perché il figlio sta oltrepassando il limite, ma quale limite? Di quale limite parla? Si tratta evidentemente di un limite relativo al suo comportamento. Il figlio sta esagerando, sta ogni volta tornando sempre più tardi la notte e se continua così raggiungerà il limite, cioè la pazienza dei genitori potrebbe finire e potrebbero prendere provvedimenti ad esempio, se un giorno non rientra a casa senza avvvisare:

Basta, adesso hai superato il limite! Da domani non esci più per un mese!

Non bisogna far arrabbiare le mamme!

Quindi il limite è un punto da non superare. Ma l’espressione di oggi è “al limite” . Niente di complicato, perché la mamma potrebbe dire:

Adesso siamo arrivati al limite!

Al è semplicemente a + il. Quindi arrivare al limite vuol dire raggiungere il limite. Semplice.

Ma in realtà c’è un utilizzo di questa espressione, di questa locuzione, che è un po’ diversa. Si parla sempre di limiti, ma si usa quando si fanno delle proposte, e normalmente si parla al futuro o al presente.

Eldar ha detto che se non dovesse cambiare questa situazione del prezzo del petrolio che diminuisce, per far sorridere i suoi connazionali al limite potrebbe raccontare delle barzellette!

In questo caso “al limite” serve a proporre una soluzione per risolvere un problema.

Per risolvere un qualsiasi problema ci sono tanti metodi, e possiamo provare a proporne uno, ma se poi questo non funziona possiamo provarne un altro.

Questa è la situazione ottimale per utilizzare “al limite”:

Se non funziona la prima soluzione, al limite possiamo provare la seconda soluzione.

Al limite indica un momento preciso, il momento in cui ci accorgiamo che la prima soluzione non funziona.

Eldar potrebbe aspettare che il prezzo del petrolio aumenti, e se non aumenterà al limite racconterà delle barzellette per far sorridere le persone.

Si tratta sempre di un limite quindi, ma di un limite, un punto aldilà del quale possiamo rimediare ad una situazione, oppure possiamo in generale proporre qualcosa.

Possiamo fare molti esempi diversi:

Se non mi venissero altri esempi in modo spontaneo al limite potrei provare a cercare su internet,

Se non dovessi riuscire a trovare una notizia attuale che riguarda l’Azerbaigian, al limite possiamo provare con il Cemerun, ed in questo caso avrei chiesto a Guy o Eric, due recenti membri camerunensi dell’associazione.

Provate ad ascoltare questi esempi, e se non doveste capito bene il significato di questa espressione, al limite anche voi potete cercare su internet, o al limite provate a chiedere ad un amico italiano.

Adesso proviamo a ripetere qualche frase:

Mi piace molto quella ragazza, ma non mi guarda proprio. Al limite potrei chiederle il numero di telefono…

Che differenza c’è la zeta di “zucchero” e la zeta di “zanzara”? Se non capisco al limite potrei diventare membro di Italiano Semplicemente

Attenzione perché spesso “al limite” si confonde con “al massimo”. Potete anche farlo, ma “al massimo” si usa per indicare un limite da non superare:

Domanda: Mamma, io esco, posso tornare alle 3 di mattina?

Risposta: Al massimo puoi tornare a mezzanotte!

In questo caso non è corretto dire “al limite puoi tornare a mezzanotte” perché la madre non sta proponendo una soluzione alternativa. Non sta dicendo che si otterrà lo stesso risultato tornando a mezzanotte. Sta invece dicendo che l’orario massimo è mezzanotte. Non si può superare questo orario.

Bene ragazzi un saluto speciale a tutti voi grazie ad Eldar dall’Azerbaigian, abbiate cura di voi, e se volete ringraziarci e imparare l’italiano divertendovi dovete assolutamente diventare membri della nostra associazione culturale a cui appartiene anche Eldar. Se volete invece semplicemente ringraziarci, al limite andrebbe bene anche una donazione personale! 🙂

Ciao a  tutti

Donazione personale per italiano semplicemente

Se hai gradito questo episodio puoi aiutare Italiano Semplicemente con una donazione personale. Le donazioni sono utilizzate solamente per sviluppare il sito ed aiutare un maggior numero di persone nell’apprendimento dell’Italiano. Grazie. Giovanni

€10,00

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.