579 Diminutivi, spregiativi e vezzeggiativi:

Diminutivi, spregiativi e vezzeggiativi (scarica l’audio)

Trascrizione

Giuseppina: una domanda che spesso pongono i visitatori di Italiano Semplicemente:ma quanti diminutivi ci sono nella lingua italiana?

La barbetta, lo stanzino, il capoccione, il ragazzetto, il vinaccio, pienotto, poveraccio, benone, la bestiaccia, alberello e tanti altri termini.

Quando vogliamo indicare una caratteristica particolare, spesso in italiano si ricorre, anziché agli aggettivi, ai suffissi, cioè modifichiamo una parola alla fine, aggiungendo qualcosa

Si parla di alterazione. Alterare significa modificare.

La caratteristica che si vuole evidenziare spesso è la dimensione, piccola o grande. Altre volte c’è un giudizio: una cosa brutta, bella, delicata. Una caratteristiche di questo tipo. Altre volte però il termine indica un particolare tipo di oggetto, che non risponde necessariamente alla regola generale dell’uso di quel particolare suffisso.

Si cambia la parte finale di una parola, che in genere è un sostantivo ma può anche essere un verbo o anche spessissimo un aggettivo o un avverbio.

Ecco allora che si possono formare delle parole a partire da altre.

Si tratta quasi sempre di linguaggio colloquiale, di termini che si usano all’orale.

La parte finale che si aggiunge si chiama suffisso. La parte iniziale non cambia in questi casi.

Come cambia la parte finale?

Quali e quanti suffissi esistono?

Non molti ma neanche pochi:

Ino” è il più diffuso.

Un tavolino ad esempio è un tavolo in cui si usa il suffisso “ino”. Si tratta di un piccolo tavolo, ma in realtà un tavolino non è solamente un piccolo tavolo, ma indica anche quella tavola su cui si scrive e si studia, quindi è un nome normalmente usato per particolari tipi di tavoli.

Sempre con “ino” c’è anche piccolino, che viene da piccolo. Gli aggettivi in generale che finiscono con ino indicano, con ironia o meno, una caratteristica di una persona o un oggetto. Questa caratteristica si riferisce in genere alle piccole dimensioni ma c’è spesso una nota di simpatia e di affetto. Ma non sempre.

Un ragazzo piccolino ad esempio è solamente non troppo alto di statura.

Un giochino invece? Spesso è un piccolo gioco, ma altre volte è qualcosa con cui ci si diverte, come un gioco, ma poco impegnativo, oppure un modo per giudicare negativamente il comportamento di una persona:

Non fare questi giochini con me! Non sono uno stupido!

Invece ci sono termini che indicano cose specifiche come il pannolino che chiamiamo così perché esiste anche il pannolone. Il primo è per i bambini, è più piccolo, e il secondo è per gli anziani, più grande. Non esiste il “pannolo” però.

Il termine “birichino” analogamente, non deriva da nessuna parola. Si tratta di un ragazzo o bambino vivace e impertinente, che fa i dispetti e che non obbedisce, è un po’ indisciplinato. Comunque si addice spesso ai bambini, che sono piccoli.

Comunque generalmente “ino” si usa per indicare una piccola dimensione, cosi come “one” è per le grandi dimensioni. Le cose di piccole dimensioni però terminano anche con “etto“.

Se prendiamo una stanza, uno stanzone è una grande stanza, mentre una piccola stanza la chiamiamo stanzetta, e parliamo solamente delle dimensioni, mentre lo stanzino è sempre una piccola stanza, un ambiente di piccole dimensioni, ma senza finestre, quindi buio, adibito però a ripostiglio o spogliatoio. Un oggetto che non usiamo lo mettiamo nello stanzino e non nella stanzetta.

Questo accade con molti termini.

Ragazzino e ragazzina indicano un ragazzo/a che è nell’età dell’adolescenza o della giovinezza. Spesso si usa per indicare semplicemente l’età:

È un ragazzino di 10 anni.

Oppure per giudicare comportamenti:

Ti comporti come un ragazzino viziato.

È un bravo ragazzino

È un ragazzino giudizioso e obbediente

Esiste però anche il ragazzaccio. Il suffisso “accio” si usa sia per giudicare la cattiva qualità, sia come forma amichevole.

Se il ragazzone ad esempio indica un ragazzo grande o alto, più del normale, un ragazzaccio si usa per indicare simpaticamente una persona che si comporta a volte in modo infantile solo per divertirsi, magari un ragazzo che fuma, beve alcool e cambia partner continuamente.

Non sempre accio è pertanto uno spregiativo.

Pensiamo a fisicaccio che indica un fisico muscoloso o agile. Tutt’altro che qualcosa di negativo.

Accidenti che fisicaccio che ti è venuto!

Givanni è un ragazzaccio, ma è molto simpatico!

La maggioranza delle volte però accio indica cose scadenti, di bassa qualità:

Attento alle stradacce di campagna ché si rompe la macchina.

Quella signora è una vecchiaccia invidiosa!

È successo un fattaccio oggi a scuola: hanno picchiato un insegnante.

Il quel quartiere è pieno di donnacce!

Si tratta quasi sempre di giudizi negativi: con una donnaccia ci si riferisce alle abitudini sessuali, se invece parlo di vecchiaccia si parla di cattiveria pura. Se parlo di scarpacce parlo di scarpe di bassa qualità, mentre le parolacce sono parole da non usare perché volgari e offensive. Un fattaccio è un brutto fatto.

L’episodio si chiama diminutivi, dispregiativi e anche vezzeggiativi perché i diminutivi servono a ridurre (non solo le dimensioni), a diminuire qualcosa, in genere le dimensioni (tavolino, bambino, ecc) mentre i vezzeggiativi sono una particolare forma di diminutivo, perché l’immagine della piccolezza è accompagnata dalla simpatia o dalla grazia. Vezzeggiare infatti significa trattare con tenerezza, con affetto.

Non solo ino quindi, ma anche etto e uccio:

È nato un bel maschietto!

No, ci siamo sbagliati, è una femminuccia!

Che bel nasetto che ha quel bambino.

Ha una boccuccia molto carina

Che tesoruccio che sei stato a regalarmi le rose 🌹

Se parliamo di spregiativi, oltre che accio, come suffisso per dare un’immagine negativa c’è anche – ucolo, accio, uccio, astro, aglia:

Giovanni non è una persona onestà ma solo un omuncolo insignificante.

Questi suffissi, aggiunti in genere a sostantivi o aggettivi, esprimono valore diminutivo con un senso peggiorativo, e molto raramente affettivo:

Non ascoltare il giudizio delle persone a cui non stai simpatico. Si tratta di gentucola (piccole persone, di poca importanza)

Peppe non è uno scrittore, scrive solo su giornarucolo di paese. Niente di importante.

Tutt’altra cosa che dire: il mio è un giornalino per ora ma se ci comportiamo bene possiamo crescere.

Che gentaglia che ci sta in questo posto. Andiamo via subito! Veramente un postaccio! (un brutto posto)

Attenzione perché non sempre è così. La vestaglia ad esempio è un indumento che si indossa in camera, maschile o femminile, più o meno lunga, tenuta chiusa da una cintura allacciata in vita o, per la donna, anche da una fila di bottoni. Non c’è niente di male nell’indossarla.

Riguardo ad uccio, si è detto che esprime affetto, questo quasi sempre: tesoruccio, caruccio (che è simile a carino) ma raramente può diventare spregiativo:

Paolo è un impiegatuccio del comune di Roma.

Poi c’è da dire che succede anche che dal maschile al femminile si aggiunge un diminutivo e le dimensioni non c’entrano granché:

Sapone, saponetta

Sigaro, sigaretta

Palazzo, palazzina

Una cosa curiosa è quando usiamo due suffissi insieme:

Palo, paletto, palettino

salto, saltello, saltellino

quadro, quadretto, quadrettino

Casa, casetta, casettina

Mora, moretta, morettina

Bestia, bestiola, bestiolina

uomo, omaccio, omaccione

Stanza, stanzetta, stanzettina

Altre volte non esiste il passaggio intermedio:

Fiore, fiorellino (non c’è fiorello)

Buono, bonaccione

Bonaccione è interessante perché si usa per descrivere le persone buone, ma anche di indole semplice e mite. Si usa anche quando queste persone hanno un aspetto imponente, ma per questo non sono da temere:

Pietro sembra cattivo. È alto e grosso ma è un bonaccione.

Per sapere quale diminutivo usare, per un non madrelingua non è facile, perché bisogna leggere molto e conoscere bene la lingua per sapere alcune differenze.

Basti pensare al fiore. Un piccolo fiore non si chiama fioretto perché questo è una specie di promessa a Dio, un sacrificio, una astinenza, un atto di rinuncia fatto volontariamente per devozione, per fede. Se faccio un fioretto alla Madonna faccio una promessa alla Madonna, ad esempio prometto di non fare piu l’amore con nessuno.

Un fiorino invece oltre ad essere una moneta è anche un tipo di macchina. Il fioruccio invece non si usa proprio. Allora un piccolo fiore si chiama solamente fiorellino. Ma bisogna saperlo.

Lo stesso vale per altri sostantivi e aggettivi. Bisogna praticare per capire quale suffisso usare.

Per i nomi delle persone è molto frequente l’uso di un diminutivo:

Paolo può diventare, per gli amici, Paoletto, Paolino, Paolone, Paoluccio.

Questo vale per ogni nome di persona: Franceschina, Marchetto eccetera.

Esistono comunque anche altri suffissi più rari: – ello:

Adesso sei grandicello, puoi iniziare a cucinare da solo che ne dici?

attolo

Omiciattolo ad esempio è come omuncolo nel significato.

otto, come – one, può formare accrescitivi, qualcosa di grande nelle dimensioni o nelle caratteristiche, ma otto è particolare perché si usa per dare ambiguità, nel senso che non è ben chiaro se stiamo sottolineando un accrescimento o una diminuzione. Dipende dal caso. In effetti qualcosa di barzotto di trova in uno stato intermedio.

Può dirsi barzotto un tempo meteorologico variabile, come anche una persona un po’ ubriaca. O anche delle uova cotte a metà sono, se vogliamo, barzotte.

Con i sostantivi dipende. Un cipollotto è inteso come più piccolo di una cipolletta o cipollina, mentre un barilotto è inteso come più grande d’un bariletto.

Poi in quanto ambiguo si presta bene a situazioni scherzose: scemotto e cretinotto al posto di scemo e cretino. È meglio o peggio? Dipende dal l’occasione.

Quanto detto finora ci fa capire che non esiste una regola per capire esattamente quando un suffisso indichi una cosa precisa, senza sbagliare. Pazienza!

Credo sia abbastanza per oggi che ne dite? Spero che avete apprezzato l’episodio, in tal caso ho fatto un figurone, altrimenti una figuraccia.

Adesso ripassiamo:

Irina: sono stata colpita dal termine accattivante, che è stato usato nella lezione dedicata ai suggerimenti, nel corso di Italiano Professionale. Una spiegazione non lascerebbe il tempo che trova secondo me. Mi dispiacerebbe se passasse in cavalleria.

Bogusia: va detto subito che non ha niente a che fare con la cattiveria.

Harjit: infatti, invece è simile a attraente. È qualcosa che cattura la nostra attenzione e interesse. A volte ispira simpatia e fiducia, altre volte c’è una sfumatura di furbizia, come un sorrisetto accattivante.

Flora: in virtù di questa spiegazione, adesso credo che non perderò occasione per usare “accattivante“, laddove ovviamente sia adatto.

Hartmut: non abbiamo che da aspettare allora…

Ulrike: Questo è un ripasso particolare, senz’altro degno di nota. Abbiamo preso due piccioni con una fava, cioè rispolverato qualche espressione già trattata e al contempo letto e ascoltato una concisa lezione sull’aggettivo accattivante. Veramente impressionante, bravissimo Gianni, ma come si fa a non iscriversi all’associazione italiano semplicemente?

Bogusia: È il nostro professore indefesso, appunto, che ci propone una caterva di idee per ingranare con l’italiano. Non molla neanche nel caso di duri di comprendonio come siamo talvolta e va avanti cercando di inculcarci qualcosa anziché darci il benservito. Avercene di professori come Gianni

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.