L’importanza del controllo e della programmazione nel lavoro

Audio

Descrizione

Questo episodio, scritto e registrato da una ragazza di nazionalità russa di nome Daria rappresenta una presentazione al pubblico della settima lezione del corso di italiano professionale, dedicata al “controllo dl futuro”.

Daria cera di utilizzare alcune delle espressioni imparate nel corso della lezione. Se vuoi ascoltare la lezione ed avere a disposizione l’intero corso fai9 la tua richiesta di adesione all’associazione culturale Italiano Semplicemente.

Daria è membro dell’associazione.

Buon ascolto.

Trascrizione

L’argomento della settima lezione è il controllo, che ha a che fare anche con la programmazione del lavoro.
Quando la programmazione e’ stata fatta precisamente e tutti gli accordi sono stati stabiliti, ci si comporta con calma e gesso e occorre controllare che tutte le fasi del progetto vadano tranquillamente.
Alle persone esperte non piace essere prese alla sprovvista: Preferiscono tenere il lavoro sotto controllo e se rispondono a qualcuno con una vaga frase come “a Dio piacendo”, manifestando una apparente mancanza di programmazione, è molto probabile che abbiano invece un asso nella manica e non vogliano svelare i loro piani.
In Russia ancora esistono le organizzazioni che danno poco importanza alla programmazione. Anziché descrivere nei dettagli delle varianti, anche quelle negative, spesso si dicono “Chi vivrà vedrà” e così mettono da parte le decisioni importanti.
Quando un momento rischioso si avvicina, invece di tentare di controllare le cose, contano su Dio e aspettano che Dio gliela la mandi buona.
Di fronte a una crisi i russi si sentono molto motivati e ce la mettono tutta per superarla.
Alle perse, si dicono di aver acquistato una esperienza utile per il futuro. Infatti, l’esperienza serve tanto.
Gli esperti di fronte a una crisi non dicono: mi venisse un colpo! ma sanno rimediare a un incomodo.
Alla fine vorrei aggiungere che a me personalmente a volte capitano giorni che invece di lavorare con produttività vado a caccia di farfalle.
Spero che questa situazione sia considerata “umana” e “normale”.
L’importante è che non accada tutti i giorni.
Buona giornata e buon lavoro a tutti, ciao!

 

Annunci

Va da sé

Audio

Trascrizione

Buongiorno a tutti e benvenuti su Italiano semplicemente.

Oggi cari amici, vediamo una espressione abbastanza colloquiale.

Come tutte le espressioni di questo tipo, risulta molto utile quando si parla in modo informale, cioè in modo colloquiale appunto, con persone che conosciamo.

va_da_se_immagine

L’espressione è “va da sé”. La frase ha a che fare con un argomento che abbiamo già affrontato, quell’episodio in cui vi ho parlato di come esprimere le conseguenze, che vi invito a leggere ed ascoltare.

In quell’episodio abbiamo visto, se ricordate, molte modalità di esprimere cause ed effetti, in particolare gli effetti di una azione.

Abbiamo visto infatti parole come perciò, quindi, di conseguenza e molte altre parole ed espressioni.

La puntata di oggi, dicevo, ha a che fare con le conseguenze, perché “va da sé” può essere un modo per esprimere la conseguenza di qualcosa, l’effetto di qualcosa, ma questa frase non esprime solamente una conseguenza, ma una conseguenza ovvia, una conseguenza scontata, automatica, naturale, che tutti riescono a capire. Questa è la caratteristica della locuzione “va da sé”.

Vi faccio un esempio:

Quando scaricate una applicazione sul vostro cellulare e scoprite che contiene molta, troppa pubblicità, va da sé che questo dà fastidio a tutti.

Quindi vogliamo dire che è naturale che un eccesso di pubblicità dia fastidio a tutti. Va da sé che troppa pubblicità dà fastidio a tutti, è fastidiosa infatti. È una cosa abbastanza ovvia, non esiste nessuno a cui faccia piacere la pubblicità.

Oppure, un altro esempio:

Se ascoltate persone parlare italiano in modo comprensibile per 30-60 minuti al giorno, va da sé che il vostro italiano farà un bel salto di qualità. Va da sé che migliorerete velocemente, quindi è scontato, è ovvio, per tutti funziona così, non c’è da stupirsi, è assolutamente comprensibile da tutti, non c’è bisogno di molte spiegazioni a riguardo. In poche parole “va da sé”.

D’altro canto, posso anche dire che va da sé che per imparare anche a parlare, occorre provare proprio a parlare, di tanto in tanto, e va da sé che se parlate tutti i giorni sbaglierete sempre meno e vi abituerete a ascoltare la vostra voce senza imbarazzo. E va da sé che in questo modo non potrete che migliorare di giorno in giorno.

Vedete quindi che si tratta di una espressione molto facile da capire. Non si usa molto nello scritto però, soprattutto nelle comunicazioni formali con persone che non si conoscono.

Provate a ripetere qualche frase anche voi, così da mettere in pratica ciò che vi ho appena detto sull’importanza del parlare:

Va da sé che se andate in vacanza con un’automobile nuova avrete meno rischi di rimanere in panne sull’autostrada.

Se fate i bravi, dice una mamma ai bambini, va da sé che avrete più possibilità di ricevere un bel gelato come premio.

Va da sé che se ripeto a voce alta questo esercizio qualcuno potrebbe prendermi per matto.

Bene ragazzi, vi sarete accorti che ogni volta che uso “va da sé” c’è sempre la congiunzione “che” a seguire immediatamente: va da sé che. Questo non dimenticatelo, altrimenti va da sé che gli italiani potrebbero non capire.

Ma perché si usa questa espressione per esprimere qualcosa di ovvio?

Beh, “va da sé”, se analizziamo questa locuzione, significa “è automatico”, “va da sola”.

“Va” è il verbo andare (io vado, tu vai, lui va) ed indica un’azione, un qualcosa che si muove. Si parla della conseguenza di qualcosa, è questo che si muove da solo. Si parla di una logica conseguenza, e che quindi “va da sé”, cioè si muove da sola, cioè “non ha bisogno di aiuto”.

Stiamo parlando quindi di un qualcosa di semplice da capire, perché non ha bisogno di spiegazioni dettagliate: va da sé.

La parola “sé” (con l’accento) sta quindi ad indicare un qualcosa che va avanti senza l’intervento o l’aiuto di altri: da sé, cioè da sola.

Ci sono altre espressioni molto simili che usano la parola “sé” in questo stesso modo. Il significato può cambiare ma sé è usata nello stesso modo.

Farò altri episodi su questo argomento, per il momento vorrei solamente farvi capire che il “sé” in questo senso è comune ad altre espressioni:

Se dico ad esempio che una cosa “procede da sé”, ebbene sto dicendo la stessa identica cosa, ha lo stesso identico significato. Procedere è proprio come andare, quindi una cosa, quando procede, va avanti.

Non identiche sono le espressioni “di per sé” o “da per sé” che hanno un diverso significato, che spiegheremo in un altro episodio che contengono comunque la parola “sé” con lo stesso senso di “da solo”, senza l’aiuto di altro.

La cosa si capisce facilmente con la locuzione: “da sé”, più breve, che significa semplicemente “da solo, da sola”, ad esempio nell’espressione:

Chi fa da sé fa per tre”, simpatica espressione che indica che chi fa le cose da solo, senza coinvolgere altre persone, le fa meglio, come se a farle fossero state tre persone.

Fare da sé” quindi vuol dire proprio “fare da solo/sola”, diverso, completamente diverso da “farsi da sé” che usa il verbo fare in modo riflessivo. Rimandiamo le spiegazioni dettagliate in un futuro episodio di Italianosemplicemente.com.

Fare da sé però ve lo spiego subito. Infatti fare da sé può essere anche sostituito da “andare da sé”, e questo può generare la frase “va da sé” che si riferisce alla terza persona singolare.

Quello che voglio dire è che “va da sé” si può usare anche in senso proprio, nel senso di andare fisicamente, ed in questo caso mi riferisco a delle persone o cose che si muovono da sole e non a dei concetti e a delle conseguenze.

Ad esempio, se qualcuno mi chiede:

Come va tuo figlio a scuola? Qualcono lo accompagna con la macchina?

Io potrei rispondere: no, nessuno lo accompagna, va da sé! Mio figlio va a scuola da sé. Il che equivale a dire che mio figlio fa da sé. Mio figlio fa da sé, oppure va da sé. Il significato è lo stesso ma significa semplicemente che lui, mio figlio, fa da solo, lui non viene aiutato e pertanto va o fa da solo, o anche va da sé.

Mio figlio pertanto va a scuola da solo, non lo accompagna nessuno, ma va con le proprie gambe, e comunque insieme a nessun altro.

Abbiamo terminato l’episodio di oggi, grazie a tutti per l’ascolto, grazie ancora ai donatori che sostengono economicamente il progetto di Italiano Semplicemente, che è quello di aiutare gli stranieri ad imparare questa bella lingua.

Ciao a tutti. Va da sé che questo episodio è terminato.

Donazione personale per italiano semplicemente

Se hai gradito questo episodio puoi aiutare Italiano Semplicemente con una donazione personale. Le donazioni sono utilizzate solamente per sviluppare il sito ed aiutare un maggior numero di persone nell’apprendimento dell’Italiano. Grazie. Giovanni

€10,00

Dispiacersi del passato

Audio 1

Audio 2

Trascrizione

Buongiorno amici di italiano semplicemente. Ho una domanda per voi.

Avete qualcosa da lamentarvi? Avete rimpianti, rimorsi? Rimpiangere qualcosa del vostro passato? Oppure siete pentiti di qualcosa che avete fatto? Non so se tutti voi abbiate capito ciò che ho detto e se le domande siano chiare per tutti, ma qualunque sia la vostra risposta, credo che potreste aver avuto difficoltà ad esprimervi correttamente in italiano nelle vostre risposte

Ed è questo il motivo per cui oggi, in questa puntata di italiano semplicemente, parliamo di pentimenti, di lamentele, di rammarico, di dispiacere, di rimorsi e di rimpianti.

Perché tutti questi termini insieme? Cosa accomuna questi termini tra loro? Semplicemente il dispiacere. Non è divertente, lo so, non vi arrabbiare con me! Ogni tanto si deve parlare anche di questo però se vogliamo conoscere bene la lingua italiana.

Anche un’altra cosa però a dire il vero accomuna questi termini. In tutti i casi, in tutti i termini che ho usato, si parla di sentimenti negativi sul passato, cioè di qualcosa che è già accaduto.

È questo un episodio molto particolare, che mi è stato suggerito da un membro dell’associazione Italiano Semplicemente, e colgo l’occasione per salutare Bernadette.

Parliamo sempre del passato, più o meno tutti i giorni. A volte ne parliamo con piacere, a volte con dispiacere.

Parliamo di quello che abbiamo fatto, di quello che ci è accaduto, delle scelte che abbiamo fatto e di quelle che non abbiamo operato. Parliamo di cose che ci riguardano direttamente, in prima persona, e cose che non ci riguardano personalmente.

Ogni tanto in questo episodio proviamo anche a ripetere qualche frase ok? Non dimenticate la settima regola d’oro di italiano semplicemente: parlare.

Dinqie, quando ad esempio ci lamentiamo, possiamo farlo in diversi modi e non solo del passato. Ma se ci lamentiamo di cose accadute o di come sono andate certe cose nel passato vuol dire che non siamo molto contenti e se potessimo cambieremmo molte cose del passato: le cose in questo caso non sono andate per il verso giusto, cioè non sono andate per il meglio (due espressioni equivalenti) e noi, come conseguenza, ce ne rammarichiamo: Ci rammarichiamo, cioè ci dispiace del fatto che le cose non siano andate nel verso giusto, o per il verso giusto.

C’è anche chi non si lamenta mai però. E queste persone lo fanno perché dicono che tutti gli errori fatti in passato ci insegnano sempre qualcosa, ci insegnano a non sbagliare più ad esempio.

C’è invece chi ha un atteggiamento meno costruttivo e tende a lamentarsi a rammaricarsi di quanto accaduto. Lamentarsi e rammaricarsi sono abbastanza simili come verbi.

Il rammarico è un sentimento di dispiacere, di amarezza, di contrarietà. Provare rammarico o anche sentire rammarico o sentirsi rammaricati è come dire essere contrariati, amareggiati, per qualcosa che è accaduto. Si prova rincrescimento per qualcosa, afflizione. Il rincrescimento è simile al rammarico.

Il rammarico, questo è importante da dire, si usa principalmente quando è accaduto qualcosa nel passato a cui non si può rimediare, esprime ovviamente un dispiacere ma difficilmente si usa quando succede qualcosa di molto grave a un nostro conoscente. In questi casi si usa maggiormente il rincrescimento o l’afflizione: sono rincresciuto, sono afflitto per quanto accaduto.

Quando accade qualcosa di brutto a un nostro amico posso dire:

Mi rincresce veramente tanto!

Con questa frase si esprime rincrescimento, cioè un forte dispiacere, una afflizione. Si è vicini alla persona con cui si parla, si esprime pertanto empatia, vicinanza emotiva, coinvolgimento emotivo.

Le espressioni dispiaciute del volto spesso accompagnano una frase di questo tipo, proprio a dimostrazione della volontà di comunicare vicinanza e comprensione.

Il rincrescimento si usa esclusivamente nei rapporti sociali però, quando accade qualcosa di negativo a qualcun altro. Solitamente è per qualcosa di grave, tipo delusioni sentimentali, obiettivi falliti o anche perdite familiari. In quest’ultimo caso in genere si fanno le cosiddette “condoglianze” se parliamo direttamente con la persona che ha perso un familiare, ma se parliamo con altre persone possiamo dire:

Sono veramente rincresciuto per quanto accaduto a Maria (ad esempio)

Vediamo adesso la desolazione e la costernazione. Sono altri due modi per esprimere dispiacere.

Sono desolato, sono costernato. Quando possiamo usare queste due modalità?

La desolazione è abbastanza simile al rammarico, ma è più distante, sicuramente. A dire il vero il termine desolazione ha molti utilizzi diversi.

Nel senso di dispiacere per qualcosa di accaduto posso dire:

Sono veramente desolato!

Questa frase esprime dispiacere, sicuramente, ma non coinvolgimento emotivo, non una vicinanza affettiva.

Equivale a: sono veramente dispiaciuto, mi spiace veramente, ma è più distante come dicevo e per questo motivo magari è più usata la desolazione quando parliamo con qualcuno che conosciamo poco.

Comunque non vi consiglio di usare la desolazione in questo modo. Sicuramente meglio esprimere un normale dispiacere quando non sapere quale modalità usare.

Si usa molto invece la desolazione quando si fanno grossi errori, quindi è un modo per chiedere scusa. Dispiacere e scuse nello steso tempo quindi.

Un giocatore di calcio fa un autogol?

Sono desolato, ho fatto un errore inspiegabile!

La desolazione infatti esprime in questo caso un modo per dire: è tutta colpa mia, c’è il concetto di solitudine (desolazione contiene la parola “solo”); è come dire: mi isolo, mi prendo tutta la responsabilità da solo.

Fate un errore al lavoro?

Sono desolato, veramente desolato e vi porgo le mie scuse.

La desolazione però, dicevo, ha diversi significati, non si usa quindi solamente per esprimere dispiacere e per scusarsi.

Un luogo desolato ad esempio può essere un luogo dove non c’è nessuno, e con questo termine vogliamo indicare la sensazione che proviamo noi osservando questo luogo: ci sentiamo tristi guardando questo luogo, vediamo un luogo abbandonato e ci fa tristezza.

Magari è un luogo che avrebbe grosse potenzialità, o che in passato aveva un aspetto molto migliore invece adesso è stato abbandonato da tutti.

Può anche trattarsi di un luogo in condizione di rovina, di abbandono, di squallore, un luogo senza apparente possibilità di ripresa.

Ad esempio la desolazione di una città che è stata bombardata è assolutamente indescrivibile.

Ma attenzione perché in questo senso possiamo anche non parlare di luoghi, ma anche di situazioni sociali. Io potrei sentirmi in uno stato di desolazione nel senso che mi sento molto triste, mi sento in uno stato di afflizione o di solitudine senza conforto. È impossibile confortarmi, riprendermi, migliorare il mio umore.

In questo senso esprime solitudine (la parola parla chiaro ancora una volta).

Posso dire ad esempio che alla sua morte, un papa lascia a comunità cristiana in una profonda desolazione. I Cristiani si sentono soli, abbandonati quando muore il loro papa.

Quindi la desolazione si usa per esprimere dispiacere per il passato, che è l’argomento di oggi, ma anche per scusarci, per descrivere la tristezza di un luogo o anche una sensazione di solitudine e di abbandono.

Vediamo adesso la costernazione.

Termine analogo al rammarico, al rincrescimento all’afflizione ed alla desolazione. Anche la costernazione infatti si usa per cose gravi.

La costernazione ha però delle sue caratteristiche peculiari. Prima di tutto esprime anche stupore per quanto accaduto. C’è un grave abbattimento, una afflizione profonda, ma anche uno stupore, uno sgomento.

Sono costernato!

Potete sentire o leggere questa frase in diverse circostanze, e spesso si usa quando non c’è una vicinanza stretta con le persone o con i fatti accaduti. Un po’ come la desolazione.

Se muoiono delle persone in una città, il sindaco di quella città può dire:

Sono costernato e desolato per le vittime

Il sindaco è costernato e desolato. La costernazione indica un grave dispiacere, ma verso accadimenti che non ci riguardano personalmente o i nostri cari (Se muore tuo padre non puoi dire di essere costernato!).

Posso anche dire:

Sono costernato dalle parole di Giovanni!

In questo caso si esprime anche stupore, non solamente dispiacere. Più che stupore comunque meglio parlare di sgomento, quella sensazione che proviamo quando siamo profondamente turbati da qualcosa, siamo visibilmente smarriti, sbigottiti, attoniti. Ci sono molti modi per esprimere questa forte sensazione di stupore legata ad una sensazione negativa: stupore e dispiacere insieme.

La costernazione si usa molto nelle dichiarazioni di tutti i personaggi pubblici. Se andate su Google News e digitate “sono costernato” trovate tutte dichiarazioni di sindaci, presidenti e altri personaggi, che si dispiacciono, esprimono un forte dispiacere per qualcosa di grave che è accaduto, o per delle parole dette da altre persone, parole che stupiscono e turbano allo stesso tempo.

Allora ricapitoliamo: abbiamo parlato di dispiacere – concetto abbastanza generico, di rammarico, più utilizzato per le cose non troppo gravi che accadono e di rincrescimento, più usato nei rapporti sociali. Abbiamo parlato di afflizione (un forte coinvolgimento emotivo) e di desolazione (dispiacere ma un po’ lontano, scuse, tristezza e solitudine).

Abbiamo infine parlato di costernazione, termine molto usato dalle autorità pubbliche. Si può usare di conseguenza anche al lavoro, in occasioni formali, in caso di eventi, cioè cose accadute, che colpiscono i nostri colleghi o società: licenziamenti, fallimenti eccetera. Adatto anche allo scritto, per comunicare in una lettera o email un dispiacere in questi casi.

Adesso vediamo invece due concetti particolari: il rimpianto ed il rimorso.

Qualcosa è accaduto nel passato. in conseguenza di questo si prova del dispiacere. Questo accomuna sia il rimpianto che il rimorso. In entrambi i casi poi si parla di scelte personali. Si parla di scelte quindi, di nostri possibili errori passati che hanno portato delle conseguenze negative.

Ma qual è la differenza tra rimpianto e rimorso?

Vi faccio degli esempi e vediamo se riuscite a capire:

Ho un rimpianto: se avessi studiato di più all’università mi sarei potuto laureare e adesso farei il medico!

Ho un rimorso: Se non avessi perso così tanto tempo durante gli anni dell’università, adesso farei il medico!

Maria ha un rimpianto: se avesse avuto un figlio, ora sarebbe felice!

Maria ha un rimorso: se non avesse deciso di abortire, ora avrebbe un figlio e sarebbe felice!

Ogni volta che si ha un rimpianto quindi si è dispiaciuti per qualcosa accaduto nel passato, ed in particolare, attenzione, per qualcosa che non si è fatto, che non si è potuto fare, non importa il motivo. Quello che importa è che qualcosa non è accaduto, e la colpa è nostra.

Se avessi studiato di più all’università (cosa che non ho fatto evidentemente) mi sarei potuto laureare e adesso farei il medico! Invece non ho studiato molto. Avrei potuto studiare di più, quindi ho un rimpianto per qualcosa che non ho fatto. In questi casi posso anche usare il verbo rimpiangere.

Io rimpiango il fatto che se non avessi perso così tanto tempo durante gli anni dell’università, adesso farei il medico!

Questo è dunque il verbo rimpiangere, mentre il sentimento che si prova è il rimpianto.

Il rimorso invece è un sentimento analogo, simile, ma il rimorso si prova quando si è fatto qualcosa e si è sbagliato. In questi casi si dice: se non avessi fatto… quindi il sentimento si chiama rimorso in questo caso.

Ho un rimorso: Se non avessi perso così tanto tempo durante gli anni dell’università, adesso farei il medico!

Vedete che la frase è quasi identica con rimpianto e con rimorso, cambia solo il punto di vista: col rimpianto si “piange”, anzi si rimpiange per una scelta, per un qualcosa che non è stato fatto. Per il rimorso invece ci si rammarica per un errore: non per quanto non è stato fatto, ma per quello che si è fatto, che ha portato delle conseguenze negative.

Nel secondo esempio si vede ancora più chiaramente la differenza:

Maria ha un rimpianto: se avesse avuto un figlio, ora sarebbe felice!

Maria ha un rimorso: se non avesse deciso di abortire, ora avrebbe un figlio e sarebbe felice!

Quindi Maria rimpiange il fatto di non aver avuto un figlio. Se fosse accaduto la vita oggi sarebbe diversa e lei sarebbe felice.

Ma Maria ha anche un rimorso. Perché non ha avuto un figlio? Perché a suo tempo decise di abortire, e questo è l’errore di cui Maria si è pentita oggi. Maria ha un tremendo rimorso. Ha abortito, quindi questo errore oggi è il motivo della sua infelicità.

Ho parlato di “pentimento” descrivendo il rimorso. In realtà anche il rimpianto è un pentimento. entrambe sono decisioni sbagliate, scelte sbagliate, errori di cui oggi siamo consapevoli.

Quello che non vi ho detto è che la parola rimpianto ha anche altri significati abbastanza vicini a quello di cui vi ho parlato. Si ha sempre dispiacere nel passato, ma per altri motivi.

Ad esempio se parlo di mio nonno, posso dire “il mio rimpianto nonno” (o anche compianto) per dire che era una persona cara che mi dispiace aver perduto.

Oppure posso dire: “i rimpianti giorni della giovinezza” ad esempio, per indicare il dispiacere che quei giorni, i giorni della giovinezza, della gioventù, sono passati.

In questi due casi non si tratta di errori o di scelte sbagliate, di pentimenti o cose del genere, ma semplicemente di dispiaceri legati al passato.

Notate infine che esiste il verbo rimpiangere, legato al rimpianto, e il verbo legato al rimorso è invece rimordere. Rimpiangere si usa però non solo per evidenziare errori o scelte sbagliate, come abbiamo visto finora con rimpiangere ma anche semplicemente per ricordare con malinconia il passato. Sempre di dispiacere però si tratta. Ad esempio

Io rimpiango il passato.

Rimordere invece si usa solamente in un modo, analogamente al rimorso. Quindi posso dire:

Mi rimorde di essere giunto troppo tardi

Mi rimorde, cioè mi spiace, sono dispiaciuto (attenzione perché si usa “mi”). Sono dispiaciuto, cioè ho un rimorso. Ho fatto uno sbaglio, come abbiamo visto prima con rimorso, per l’appunto.

Si dice spesso anche “mi rimorde la coscienza” per indicare un rimorso molto sofferto, un errore fatto che chiama in causa la propria coscienza, i nostri valori. Evidentemente si tratta di un errore gravissimo di cui siamo pentiti e a cui pensiamo molto spesso.

Questa puntata di Italiano Semplicemente è stata utile anche perché, parlando del passato, inevitabilmente abbiamo usato la particella “se” ed ovviamente anche le diverse forme del congiuntivo e del condizionale:

se avessi fatto…avrei… se fosse stato…sarebbe… eccetera

Se può esservi utile potete ascoltare anche due episodi passati di Italiano Semplicemente che hanno dei legami con l’episodio di oggi. Sto parlando di quello dedicato a tutti i modi di dire “se” e quello relativo al periodo ipotetico, se vi fa piacere.

Grazie a tutti per l’ascolto, visitatori e donatori, grazie a Bernadette per avermi suggerito questo interessante episodio e grazie a tutti i membri dell’associazione italiano semplicemente. 

Un abbraccio da Giovanni

 

Ah, quasi dimenticavo.

Ho accennato alla delusione, che è un sentimento o una sensazione che ha molto a che fare col passato e con il dispiacere.

La delusione è un disagio morale, una sensazione di disagio provocata da un risultato contrario alle proprie speranze, alle proprie previsioni.

Quando si usa il termine delusione vuol dire che qualcosa è accaduto che mi ha lasciato deluso, mi aspettavo qualcosa in più, credevo accadesse qualcosa di positivo, ed invece la realtà è diversa… che delusione…

Il verbo è “deludere” che significa venire meno alle aspettative, alle previsioni appunto, alle speranze. La delusione suscita disagio, amarezza, sconforto, disappunto. Vedete quanti termini ci sono: il disagio (è il contrario di agio) non si riferisce al passato, perché il termine indica una condizione o una situazione sgradevole, cioè poco gradevole, non gradevole, per motivi forse morali, economici o di salute. L‘amarezza, lo dice la parola, ci lascia l’amaro in bocca, è quindi legato alla sgradevolezza degli eventi, quindi è una forma di dispiacere legata al passato, o al presente, o anche al futuro, se sappiamo che accadrà qualcosa di negativo.

Lo sconforto è un senso di amarezza o di prostrazione in conseguenza di gravi fatti o continui eventi avversi. Lo sconforto si prova quando accade qualcosa, e quello che si prova è che non si vedono sbocchi, soluzioni, non si capisce come si può risolvere il problema, allora è un avvilimento. Quindi posso dire che  in un momento di sconforto una persona ha tentato di suicidarsi, ha tentato di uccidersi, di togliersi la vita. A questo può portare lo sconforto.

C’è una espressione idiomatica tipicamente legata allo conforto: “farsi cadere le braccia“.

Se dico: mi cadono le braccia, è un’immagine che indica non la caduta, la perdita fisica delle braccia, ma una sensazione di sconforto: sento che non posso fare più nulla per risolvere il problema. Sono veramente sconfortato.

Ed a te c’è qualcosa che ti fa cadere le braccia? Qualcosa che ti causa un dispiacere, uno sconforto?

La prostrazione è anch’essa molto grave: è una grave depressione fisica o anche morale, spesso conseguente a gravi malattie che ti consumano il fisico e ti mettono alla prova. Spesso la prostrazione arriva a seguito di eventi traumatici, molto negativi: mi sento prostrato! Questa è veramente una sensazione molto brutta.

Ho parlato anche di disappunto. Abbiamo visto in un episodio le “espressioni di disappunto“. Ebbene anche queste sono sensazioni negative legate ad eventi accaduti. Spesso non si tratta di cose gravi però. Quello che si prova è un senso di delusione per un improvviso accadimento che ci ha contrariato.

 

 

 

 

 

 

 

Nazionalità

Audio

Video con sottotitoli

Trascrizione

Buongiorno a tutti e benvenuti su Italiano semplicemente.
Oggi cari amici, membri dell’associazione o semplici appassionati della lingua italiana, ci occupiamo di nazionalità.
Spesso non sappiamo infatti come si chiamano gli abitanti di un certo paese. Lo vediamo oggi quindi.
Recentemente ho scoperto come si chiamano gli abitanti dell’Azerbaigian: azeri. Con una sola zeta. Gli azeri dunque sono coloro che hanno la nazionalità azera, cioè dell’Azerbaigian.
Allora oggi facciamo una bella carrellata di nazionalità, e lo facciamo in un modo divertente.
Questa idea mi è venuta perché nel gruppo WhatsApp dell’Associazione Italiano Semplicemente spesso i membri si presentano tra loro e capita di dire: ciao, io sono danese, io sono spagnola eccetera. Allora dirò una cosa per ogni paese, una specialità, un tratto distintivo di ognuno di questi paesi. Un modo alternativo di imparare gli aggettivi relativi alla nazionalità. Non parliamo di persone solamente, ma di tutte le cose caratteristiche di una popolazione.
Ad esempio se parlo della popolazione dell’Azerbaigian dirò:

Azerbaigian: Agli azeri piace mangiare il Dolma.

Ho un solo amico azero. Si chiama Eldar.
Farò quindi un elenco di nazioni, ad iniziare da quelli che visitano maggiormente il sito italianosemplicemente.com. Sarà anche un modo interessante di conoscere queste nazioni, i loro gusti, eccetera. Ovviamente qualche volta si tratta di luoghi comuni, cose che si sentono dire spesso, quindi spero che nessuno si offenderà.
Non seguirò quindi un elenco alfabetico. Pronti? Via! Attenzione anche agli articoli!
Brasile: I brasiliani non sono molto puntuali, ma sono i più simpatici.
Stati Uniti: gli statunitensi hanno un accento che mi piace molto.
Spagna: gli spagnoli ballano il flamenco.
Argentina: gli argentini bevono il mate. Sono sempre più curioso…
Germania: i tedeschi amano le vacanze in Italia. Non sono i soli credo.
Francia: i francesi hanno la erre moscia.
Russia: ai russi piace molto la cucina italiana.
Regno Unito: agli inglesi piace fare lo spuntino di metà mattina.
Polonia: ai polacchi piace molto il dibattito e la partecipazione.
Svizzera: Gli svizzeri apprezzano enormemente il miele locale.
Australia: gli australiani in vacanza preferiscono affittare case o andare in campeggio.
Giappone: gli uomini giapponesi preferiscono le donne dai capelli rossi
Messico: i Messicani preferiscono i vini importati a quelli nazionali.
Belgio: I belgi preferiscono consumare ortaggi biologici locali.
Canada: I canadesi adorano la loro bandiera. In effetti è una bella bandiera.
Olanda: Agli olandesi piace l’extra vergine d’oliva cento per cento italiano.
Finlandia: della Finlandia si dice spesso sia uno dei paesi più felici al mondo, ma i finlandesi non la pensano proprio così. Mi piacerebbe saperne di più…
Egitto: Gli Egiziani sono stati i primi nel mondo a istituire feste, processioni e cortei religiosi. Su questo “non ci piove” (anche in Egitto non piove molto vero?)
Svezia: Gli svedesi amano le tradizioni nonostante siano uno dei popoli più moderni.
Grecia: Italiani e greci, cos’hanno in comune? Un proverbio dice: “una faccia una razza”: vale a dire: siccome si somigliamo, allora è come se fossimo dello stesso popolo.

Romania: secondo i rumeni, gli occhi sono lo specchio dell’anima. Questo è un proverbio che esiste anche in lingua rumena dunque.
Portogallo: fare il “portoghese” in Italia significa usufruire di un servizio senza pagarlo. Si usa dire anche “genovesi” in questi casi comunque.
Ungheria: gli ungheresi sono talvolta indicati come magiari, o anche ungari, ma solo in contesti storici.
Croazia: I croati sono uniti da un’unica religione: il cattolicesimo.
Danimarca: I danesi sono un popolo pragmatico, con molto senso pratico.
Turchia: alcuni turchi utilizzano la cosiddetta lingua degli uccelli, fatta fondamentalmente di fischi. Questa è una cosa che mi ha colpito molto.
Bulgaria: in Italia c’è l’espressine “maggioranza bulgara” che esprime l’esito unanime di una votazione. Se tutti votano allo stesso modo si dice che c’è stata una maggioranza bulgara. Si usa anche dire “maggioranza schiacciante”.
Lituania: I lituani non sono dei bravi venditori. Se entrate in un negozio il commesso difficilmente vi farà delle domande o cercherà di convincervi ad acquistare qualcosa.
Repubblica Ceca: i cechi non chiedono informazioni sulla strada perché pensano di essere in grado di raggiungere qualsiasi posto al mondo da soli.
Haiti: La maggioranza degli haitiani in Italia si trovano nel Lazio, Lombardia e Liguria
Slovacchia: gli slovacchi invece sono concentrati nel Trentino-Alto Adige, in Lombardia e in Veneto.
Albania: nella regione del Molise ci sono 810 albanesi al 1 gennaio 2018. Più maschi che femmine.
Ucraina: La presenza degli ucraini in Italia è variabile, ma tende a crescere. Una caratteristica degli ucraini? Poche parole e molti fatti!
Colombia: i colombiani sono il popolo più felice al mondo. Lo dice una ricerca del 2016, dove l’87% dei colombiani si è dichiarato felice. Il doppio degli statunitensi.
Serbia: le ragazze serbe sognano di sposare un italiano. I connazionali serbi non saranno molto felici di questo!
Algeria: i ragazzi algerini e le ragazze algerine che amano la lingua italiana, possono farlo in 27 scuole algerine diverse.
Perù: Sono i peruviani. Gli italo-peruviani o anche italo-peruani è il nome degli Italiani che sono residenti da molti anni nel Perù, ed anche i discendenti da emigrati italiani, sempre nel Perù.
Irlanda: i pub irlandesi sono molto diffusi in Italia. E pare si trovi a Roma il miglior pub irlandese del mondo. A deciderlo è stata la giuria degli “Irish Pubs Global Awards”. Devo andarci…
Lettonia: I lettoni sono molto orgogliosi della loro nazione, come anche i lituani e gli estoni. I lettoni sono altresì molto orgogliosi della loro birra.
Venezuela: i venezuelani adorano chiacchierare con tutti, anche con gli estranei. Si dice siano poco puntuali e che amino godersi la vita.
Libia: I piatti tradizionali libici sono molto speziati e la base, secondo la tradizione, è il kuskus
Marocco: Sposarsi per i marocchini è molto importante, tanto che molti marocchini si indebitano per organizzare un bellissimo matrimonio.
Kuwait: il Kuwait ha una popolazione di più di 3 milioni di abitanti, ma solo 960.000 sono cittadini kuwaitiani.
Bielorussia: si dice che i bielorussi siano simili ai tedeschi: parsimoniosi, operosi, accorti e puntuali, ma rispetto ai tedeschi sembra siano più ospitali, calorosi e gentili. Chissà cosa ne pensano i bielorussi…
Slovenia: gli sloveni amano molto praticare lo sport. Uno sport molto diffuso tra gli sloveni è in particolare la caccia al fagiano. Povero fagiano 
Israele: l’Italia è una delle mete preferite dagli israeliani.
Tunisia: l’olio d’oliva tunisino è molto utilizzato in Italia. Sono una quarantina le aziende tunisine che esportano olio d’oliva in tutto il mondo. I tunisini ne saranno molto felici.
Cile: i vini cileni sono famosi in tutto il mondo. Ed anche l´olio di oliva cileno è molto apprezzato.
Congo: nel 2017 alcuni congolesi molto generosi hanno inviato del denaro per solidarietà nei confronti dei terremotati del Centritalia.
Uruguay: moltissimi calciatori uruguaiani hanno giocato nel campionato italiano si calcio: tra questi Recoba, Aguilera e Cavani.
Vietnam: con la compagnia vietnamita, è possibile imbarcare bagagli di dimensioni massime 56x36x23 cm.
Cina: esistono ma non sono molti i cinesi dalla pelle scura. Il politico Jean Ping è uno di loro: padre cinese e madre gabonese.
Norvegia: Il gatto delle foreste norvegesi è una antica razza di gatti originaria dei paesi scandinavi. Il gatto norvegese è buono, affettuoso e molto giocherellone.
Repubblica di Macedonia: tra le specialità macedoni c’è il Turli Tava, una teglia di carne e verdure molto simile allo spezzatino italiano.
Nuova Zelanda: sia i neozelandesi che gli australiani sono oceaniani, cioè abitanti dell’Oceania.
Malta: Qualunque persona nata a Malta tra il 21 settembre 1964 e il 31 luglio 2001 ha acquisito automaticamente la cittadinanza maltese alla nascita. Quindi queste persone sono maltesi. Invece Dal 1/8/2001 una persona nata a Malta diventa maltese alla nascita solamente se almeno un genitore è un cittadino maltese oppure è nato a Malta.
Camerun: gli abitanti del Camerun si chiamano camerunensi o camerunesi. Qualcuno conosce quella più giusta?
Libano: a Roma ci sono otto ristoranti libanesi.
Lussemburgo: i lussemburghesi sono quasi 600 mila, circa il doppio dei molisani (gli abitanti della regione Molise, nel Centritalia)
Emirati Arabi Uniti: gli emiratensi.
Giordania: I giordani che abitano la capitale giordana Amman erano poco più di 4 milioni nel 2015.
India: esistono due tipi di indiani. Gli indiani d’America e gli abitanti della nazione indiana, che si chiamano semplicemente indiani.
Ecuador: gli abitanti dell’Ecuador si chiamano ecuadoriani. Equadoregni si usa ma non è molto corretto. Da non confondere con gli equatoguineani (stavolta si scrive con la lettera “q”) che sono gli abitanti della Guinea Equatoriale, lo stato dell’Africa Centrale.
Bosnia ed Erzegovina: Si parla di bosniaci, bosniaco-erzegovini e di bosniaco-erzegovesi. I bosniaci musulmani poi sono chiamati bosgnacchi. I bosgnacchi, insieme ai croato-bosniaci e ai serbo-bosniaci, sono uno dei tre popoli che hanno formato la Bosnia e l’Erzegovina. Bosgnacchi non va quindi confuso col termine bosnìaci che si riferisce a tutti i cittadini della Bosnia ed Erzegovina a prescindere dall’appartenenza etnica.
Corea del sud e del nord: attenzione, gli abitanti della Corea si distinguono in sudcoreani e nordcoreani, col trattino o senza. Non corre buon sangue tra i due popoli, ma ultimamente sudcoreani e nordcoreani pare si stiano riavvicinando.
Estonia: gli estoni sono bellissimi! (anche le estoni). L’ho sentito dire un sacco di volte. Chissà perché non sono ma Stato in Estonia…
San Marino: i sammarinesi sono innanzitutto pochi: appena 33 mila.
Moldavia: dei moldavi si dice che non sia gente pretenziosa (cioè non pretendono molte cose), che non siano prodighi (cioè non spendono molto), che siano persone modeste e non aggressive.
Indonesia: degli indonesiani che dire? Sono giovanissimi: circa il 70% degli indonesiani ha meno di 30 anni.
Panamà: Il Geisha panamense è il caffè più costoso al mondo. Più di millecinquecento euro al kg.
Costa Rica: i costaricani, o costarichensi, invece, pare amino molto le feste: sono persone festaiole.
Singapore: I singaporiani sono consumatori molto particolari, molto ricercati, nel senso che ricercano sempre prodotti innovativi da acquistare.

Ce ne sono molti altri: Italiano semplicemente, sempre andando in ordine di numero di visitatori ha anche molti cubani, thailandesi, guatemaltechi (molto curioso questo), taiwanesi, dominicani, per non dimenticare i senegalesi e i paraguaiani (con la i o con la y), gli honduregni (con o senza h), i sud-africani (con o senza trattino), boliviani e malesi, che sono gli abitanti del Malaysia, con la y o con la i.
La lista non finisce qui, ma non vorrei annoiarvi. Ciao amici, e grazie ancora a tutti i visitatori e i donatori a prescindere dalla vostra nazionalità.

Donazione personale per italiano semplicemente

Se hai gradito questo episodio puoi aiutare Italiano Semplicemente con una donazione personale. Le donazioni sono utilizzate solamente per sviluppare il sito ed aiutare un maggior numero di persone nell’apprendimento dell’Italiano. Grazie. Giovanni

€10,00

Il rafforzamento (pronuncia)

Audio

Video

Trascrizione

Buongiorno amici.

Oggi è giovedì, e come tutti i giovedì, nel gruppo Whatsapp dell’Associazione ci occupiamo di pronuncia. È sicuramente uno dei giorni più divertenti il giovedì: a tutti i membri piace mettersi alla prova, leggere ed ascoltare parole nuove, parole che possono nascondere problemi particolari, a seconda della nazionalità.

Immagine

Ogni giovedì nel gruppo ci occupiamo di un argomento diverso, ed oggi eccezionalmente volevo condividere con tutti voi l’argomento del giorno: voglio condividere con tutti i visitatori di ItalianoSemplicemente.com, anche se non sono membri dell’associazione, l’argomento di cui ci occupiamo oggi: Il Rafforzamento.

La parola rafforzamento fa pensare alla forza. Una persona che fa ginnastica in effetti si rafforza, fa del rafforzamento. Ma non è questo il rafforzamento di cui parliamo. Parliamo di rafforzare non i nostri muscoli, non il nostro corpo, ma delle lettere di alcune parole. Rafforziamo alcune lettere che si trovano in alcune parole.

Tutte le parole? No, non tutte. Alcune parole. Dentro queste parole ci sono alcune lettere che vanno rafforzate, lettere che diventano più forti quando le pronunciamo.

Sì, perché stiamo parlando di pronuncia, non parliamo di scrittura. Sapete che la lingua italiana si legge come si scrive, ma a dire il vero non è esattamente così. Ci sono alcune attenzioni, alcuni accorgimenti da mettere quando si pronunciano delle parole. Gli italiani neanche ci fanno caso, e nelle varie regioni italiane cambia molto la pronuncia e gli accenti: ci sono i dialetti, i dialetti regionali, locali, e ci sono le inflessioni, le tonalità diverse. Nelle varie regioni italiane si parla sempre la stessa lingua ma ci sono alcune differenze.

Una di queste differenze sta proprio nel rafforzamento.

Allora proprio di questo parliamo oggi nel gruppo. Per questo ho raccontato una storia ai membri dell’associazione, come faccio tutti i giovedì.

Questa storia, un brevissimo racconto, è una storia divertente, un semplice gioco, ma che contiene moltissimi casi di rafforzamento.

Allora condivido con voi questa storia. Io la leggerò e vi chiederò di fare un piccolo esercizio di ripetizione. Provate a ripetere la storia dopo di me, frase per frase, e notate che alcune lettere, anche se sono scritte una volta sola, nel parlato vanno raddoppiate, anzi vanno “rafforzate”: queste lettere si allungano, diventano più forti. In pratica è come se si scrivessero doppie.

Ecco la storia. È scritta al femminile, perché è una donna che parla, ma non è importante questo, possono provare tutti a leggere la storia_

Vogliamo provare a fare questo esercizio di pronuncia?

Dai, *perché no!*

*È vero*, potrei sbagliare. Allora facciamo un patto *fra noi*: se sbaglierò *sarò tua* stanotte. *E poi* non dire che non sono generosa!

Non verrò però nella *città santa*, ma ti aspetto a casa mia. Tardissimo. *Berrò sia* un *caffè nero* che un tè per tenermi sveglia. In *virtù di* ciò, non sbaglierò!

Se non *sbaglierò mai* invece, se cioè *avrò vinto* io, allora sarai tu a pagare.

Farai una prova di pronuncia: associazione, dissociazione, zanzara e zuzzurellonando. *A proposito* di associazione: *A noi* tutti verrà da ridere se sbaglierai, è vero, ma se vincerai, te l’ho *già detto*, *sarò tua* stanotte. Forza allora, iniziamo: dall’emozione *fa già* caldo!

Un ultima cosa: *più che* di un esercizio si tratta di uno scherzo! *E’ falso* tutto ciò che ho detto! *Fra noi* possiamo scherzare! *Ma dai*, sarà mica che non l’avevi capito! *Se dici* questo non apprezzi l’ironia. *O no*?

Bene, avete ascoltato la storia. Adesso scommetto che volete sapere quali sono le regole. Giusto?

Beh, è inutile che ve le dica, tanto domani lo avreste dimenticate.

Se ne volete sapere di più, allora unitevi anche voi all’associazione, dove proverete a pronunciare la storia per intero e capirete se sbaglierete oppure no. Io pronuncerò per voi le singole frasi, e vi faccio capire le differenze, una frase alla volta. Molto divertente ed isruttivo

Molti italiani sbagliano a dire il vero. Sbagliano ma nemmeno ne sono consapevoli. Non è un problema grande in fin dei conti comunque. Gli accenti e le inflessioni sono una cosa anche gradevole da ascoltare. Questo infatti è una di quelle cose che insegnano agli attori, sia del cinema che teatrali, oppure a coloro che fanno dei corsi di dizione per pronunciare bene le parole. Molti italiani sentono questa esigenza, soprattutto per motivi di lavoro, per non sentirsi in imbarazzo. Per uno straniero è un problema minore, ma se volete siamo qui per aiutarvi. Perché no.

Vi aspetto nell’associazione, dove periodicamente ripetiamo le giornate dedicate alla pronuncia, quindi se saltate un giovedì, qualche mese dopo ricapiterà la stessa giornata, nessun problema. Scrivete a italianosemplicemente@gmail.com oppure andate sul sito e scoprirete tutti i vantaggi nell’essere membri.

Ricordate che non esiste un’altra associazione come la nostra.

Un abbraccio.

Gli strumenti del pizzaiolo (presentazione)

Audio di presentazione

Descrizione

“Gli strumenti del pizzaiolo” è una lezione del corso di Italiano Professionale. Se sei interessato puoi prenotare il corso diventando socio dell’Associazione Italiano Semplicemente.