Annessi e connessi (Italiano per ispanofoni) – di Davide Martini

Audio in Italiano

Link utili

Descrizione di questo episodio per ispanofoni

davide_martini_foto

Questo episodio è un approfondimento per madrelingua spagnola dell’episodio “Annessi e Connessi” e fa parte della rubrica “Italiano per Ispanofoni“, coordinata dal prof. Davide Martini.

Si tratta di uno degli episodi del libro “2 minuti con gli ispanofoni” – in fase di pubblicazione – che sarà disponibile per tutti i membri dell’associazione Italiano Semplicemente.

– – – – –

Analisi contrastiva del testo ed esercizi di riutilizzo di Davide Martini, tutor online (ilcommentatore.com) – davideprofe@gmail.com

– – – – – –

Annessi e Connessi

Quest’oggi siete sulla buona strada per diventare veri italiani, con tutti gli annessi e connessi.

Quest’oggi > El día de hoy
La expresión italiana correspondiente a “El día de hoy” suena como “este hoy”.
Distinto sería con la expresión “hoy en día”, que equivale a oggigiorno, o al giorno d’oggi.
Estamos aquí reunidos, el día de hoy, para celebrar este enlace… > Eccoci riuniti, quest’oggi, per celebrare quest’unione…
Hoy en día esas cosas no suceden. > Al giorno d’oggi quelle cose non succedono.

sulla buona strada > por el buen camino
En italiano usamos su (sobre, encima) en muchas más circunstancias que en español. En particular, se entiende que siempre estás “encima” de un camino que recorres.
Camino, por su parte, es un falso amigo (en italiano significa “chimenea”), mientras que en sentido figurado, como en este caso, se utiliza strada en su lugar.
¿Cuál es el camino más rápido? > Qual è la strada più veloce?
Sin embargo, si estamos hablando desde el punto de vista moral o legal, disponemos en italiano de “sulla retta via”.
Esa mujer lo ha llevado por el buen camino. > Quella donna l’ha portato sulla retta via.
Se trata, naturalmente, de una expresión algo antigua, pero que se puede utilizar.

gli annessi e connessi > todo lo que conlleva
La expresión italiana objeto de este post no tiene una traducción directa en español. Su significado es muy similar al de la expresión española “con todo lo que eso conlleva”.
En italiano existe la expresión correspondiente, “con tutto ciò che comporta”, con el mismo significado.
Nota que el verbo “conllevar” debe hacerse corresponder a “comportare” (de hecho, si lo piensas, “llevar” es “portare”).
La medida conlleva la mejora de las condiciones de vida de los habitantes del sector. > La misura comporta il miglioramento delle condizioni di vita degli abitanti del settore.

Annessi e connessi è la frase di oggi, non facile da spiegare, ma ci proviamo lo stesso. Gli annessi ed i connessi; entrambe le parole hanno a che fare con l’unione.

da spiegare > de explicar
En español usarías “de”, pero en italiano no podrías usar “di spiegare” en este contexto. Es como si estuvieras diciendo “para explicar”.
Pienso explicártelo. > Penso di spiegartelo.
ci proviamo > lo intentamos
Ese “lo” es un “lo neutro”, que en italiano no existe. En muchos casos se sustituye con ci. Algunos verbos, como provare y riuscire (lograr) lo usan con frecuencia.
Lo intento, pero no lo consigo. > Ci provo, ma non ci riesco.
Se trata de una pareja de verbos sumamente útil, que además tiene la particularidad que forma sus pasados con auxiliares distintos.
Lo he intentado varias veces, y al fin lo he logrado. > Ci ho provato diverse volte, e finalmente ci sono riuscito.
lo stesso > igualmente
En español es bastante frecuente utilizar la forma del adjetivo en lugar de la forma en “-mente” (por ejemplo: “Seguro nos vemos” = “Seguramente nos veamos”.)
El italiano no es tan flexible, y en especial, uguale puede ser sólo adjetivo, no adverbio, como en este caso.
2+2 o 3+1, es lo mismo. > 2+2 o 3+1, è uguale.
De vainilla o de chocolate, me gusta igual (igualmente) > Alla vaniglia o al cioccolato, mi piace lo stesso.
entrambe le > ambas
¿Conocías esta palabra? Tiene que estar seguida por el artículo, si le sigue el sustantivo. En español, nunca lo necesita.
Juan tiene dos hijos, ambos adolescentes. > Gianni ha due figli, entrambi adolescenti.
Ambos hijos han decidido estudiar ingeniería. > Entrambi i figli hanno deciso di studiare ingegneria.
hanno a che fare > tienen que ver
Además de “tener que ver” (avere a che vedere), se dice mucho en italiano “tener que hacer” (avere a che fare), con el mismo significado.
Nótese que es necesaria la preposición “a” en ambos casos.
Sin embargo, cuando en español utilizamos “no tener nada que hacer” para indicar que es imposible conseguir algo, en italiano no podremos utilizar avere a che fare.
Frente al poder de una gran cadena multinacional, los pequeños comerciantes no tienen nada que hacer. > Davanti al potere di una grande catena multinazionale, i piccoli commercianti non hanno alcuna possibilità.

Ad esempio quando un paese europeo diventa membro dell’Unione Europea, possiamo dire che il paese è stato annesso all’Unione Europea. Questo significa che ne fa parte, il paese da oggi fa parte dell’Unione Europea. Il termine è abbastanza formale però: difficilmente sentirete che un ragazzo si è annesso ad un gruppo, ad esempio. Unirsi è sicuramente più usato, quasi sempre.

diventa > se hace, se vuelve
El verbo diventare, muy socorrido y recuerda un poco al verbo “devenir” del español, que sin embargo se usa poco en nuestro idioma, donde existen muchas otras expresiones para indicar lo mismo.
Su significado es parecido a to become, del inglés, o a devenir, del francés.
ne fa parte > es parte (de la UE)
En vez de “de ella”, el italiano utiliza el pronombre ne, que no existe en español (pero sí en francés y catalán).
Siendo un pronombre átono, va antes del verbo. Nota que en esta expresión el verbo no es essere, como lo sería en la expresión española correspondiente (ser parte de algo).

da oggi > desde hoy
Nunca olvides cómo decimos “desde” en italiano.
Es especialmente importante tomar en cuenta que en muchos casos, aunque utilicemos “de”, en italiano deberemos utilizar “da”. Eso ocurre cuando podríamos intuir en el “de” del español que “esconde” un “desde”, o, más en general, el concepto de “origen”.
El tren de las tres ya está en el andén 2. > Il treno delle tre è già sul binario 2.
La clase es de tres a cuatro > La lezione è dalle tre alle quattro. (su inicio, su origen, es a las tres. “desde las tres hasta las cuatro”)
El argumento de la película está tomado del libro del mismo nombre. > L’argomento del film è tratto dal libro omonimo. (el argumento tiene su origen en la película)
La decisión depende de factores económicos. > La decisione dipende da fattori economici. (tiene su origen en factores económicos.)
si è annesso > se ha anexado
Es un verbo reflexivo, por lo tanto, su auxiliar no es “avere”.
El participio pasado no es *annessato*, que sería regular, sino irregular.

Annettere > anexar
Cuidado con las dobles letras, y con el acento (annéttere).

simile > similar
La palabra similare existe, en italiano, pero… ¡casi sólo en los diccionarios! Su uso es muy culto y escaso. Normalmente se utiliza una palabra… mas corta, esdrújula: símile.

Esiste quindi il verbo annettere, simile ad unirsi: diventare un tutt’uno con qualcosa, entrare a far parte di qualcosa già esistente.
Connettere è simile ad annettere, ma la connessione serve a stabilire un collegamento, un legame, non a diventare parte integrante di qualcosa, come annettere: la connessione ad internet ad esempio: ci si connette ad internet, ci si collega, non ci si annette ad internet (cioè non si diventa parte di internet).

un tutt’uno > una sola cosa
Claro que podrías decir una sola cosa también en italiano, pero existe esta otra expresión, mucho más elegante.

serve a stabilire > sirve para establecer
El verbo servire no lleva la preposición “para”, como en español, sino “a”. Aunque sería correcto utilizar per, el italiano suele preferir a.
Nota que las siguientes expresiones españolas en italiano serán siempre non serve a niente.
No sirve de nada llorar. > Non serve a niente piangere.
Este trasto no sirve para nada. > Quest’aggeggio non serve a niente.

un collegamento > una conexión
Existe la palabra connessione, pero es sinónima de esta otra, que recuerda… ¡colega!: collegamento
En el hotel hay conexión wifi. > Nell’albergo c’è collegamento / connessione wifi.

un legame > una “atadura”
La palabra legame (legáme) viene siendo un sinónimo de “conexión”. Deriva del verbo legare (ligar, atar) que en italiano se usa frecuentemente en sentido figurado. En español también, pero con menos frecuencia. Y el sustantivo “atadura” (legame) apenas se utiliza en español en sentido figurado.

ci si connette > uno se conecta
El grupo ci si corresponde al español “uno se”. Hablamos de la forma impersonal de un verbo reflexivo.
En fin de semana, uno se levanta más tarde. > Nel fine settimana, ci si alza più tardi.

cioè > es decir, o sea, eso es
ciò es un sinónimo de quello, que en español sería “eso”.
Unida al verbo è, forma cioè, que corresponde a las tres expresiones españolas.
Nótese que en español son de registros muy distintos (“o sea” es más bien coloquial), pero en italiano será siempre cioè, coloquial o formalmente.
En italiano existen también otras expresiones de registro más alto, como “vale a dire”, con el mismo significado.
Cuando hablamos de “eso es”, nos referimos a cuando se utiliza como forma de introducir una explicación… eso es como equivalente a “es decir” u “o sea”.
En otros contextos, se usará casi siempre “questo è”:
¡Eso es cierto! > Questo è vero! / Ciò è vero! (si confonde con: Cioè, vero! > Es decir, ¡cierto!)

Le cose che si connettono a qualcosa, una volta stabilita la connessione, sono quindi connesse a questo qualcosa. La parola connessi, come sostantivo maschile plurale però non si usa mai, se non nella frase “annessi e connessi”. Gli annessi e connessi. Cosa sono?

una volta stabilita > una vez establecida
El uso del participio de un verbo (establecer, stabilire) como adjetivo es común a ambos idiomas. Lo encontrarás en las gramáticas como ablativo assoluto.
Hecha la ley, hallada la trampa.

non si usa mai > nunca se usa / no se usa nunca
Aunque en español “nunca” puede ponerse antes del verbo, sin usar “no”, en italiano esto no es posible, y debe siempre utilizarse la forma non + verbo + mai.
Esto sucede también con muchos otros adverbios, por ejemplo, “siempre”.
Siempre me equivoco en esto. > Mi sbaglio sempre su questo.

se non > a no ser que sea
Esta expresión española en italiano no se puede traducir directamente, sino que se reduce a dos sencillas palabras: se non.
También disponemos de a meno che, con el mismo significado.
Tiene razón, a no ser que esté equivocado. > Ha ragione, a meno che non si sbagli.

Per “annessi e connessi” si intendono tutte le questioni legate all’argomento di cui stiamo parlando. Non parliamo di oggetti, ma di legami logici.

si intendono > se indican / nos referimos a
También en español se podría utilizar el verbo “entender”, pero sería sin duda más normal utilizar el verbo “indicar” u otra expresión similar. El italiano usa con mucha naturalidad el verbo “intendere” en este sentido.
Por otra parte, también en italiano se entendería si dijéramos si indicano, pero no sería la elección más natural.
Las salidas están indicadas por los carteles verdes. > Le uscite sono indicate dai cartelli verdi.
Con “usuarios” nos referimos a las personas registradas en el servicio. > Per “utenti” si intendono le persone iscritte al servizio.

le questioni legate > los asuntos relacionados
La palabra “asunto” puede traducirse con questione, faccenda, o storia (de más formal a más coloquial).
No utilices nunca la palabra questione como sinónimo de domanda (pregunta). Es un calco del inglés de pésimo gusto. Hay muchas alternativas mejores.
Profe, tengo una pregunta. > Professore, ho una domanda.
Mal asunto! > Brutta storia!
¿Todavía no has resuelto ese asunto? > Non hai ancora risolto quella faccenda?
La cuestión es que todavía no sabemos qué hacer. > Il problema è che non sappiamo ancora cosa fare.

di cui > del cual
Existe del quale, pero en italiano disponemos del pronombre relativo cui (pronunciado cú-i) que lo sustituye después de preposición. Su uso es muy socorrido, porque es invariable y no lleva artículo.
La chica de la cual te hablé. > La ragazza di cui ti ho parlato.

È come dire “insieme a tutto ciò che comporta”, “con tutto ciò che ne deriva”.
Ad esempio se Mario sposa Sara, diventerà suo marito, con tutti gli annessi e connessi.
Quindi si sta parlando di tutto ciò che comporta il matrimonio: figli, diritti, doveri e tutto ciò che è legato al vincolo coniugale.
L’Inghilterra sta uscendo dall’Unione Europea, con tutti gli annessi e connessi.

Quindi > así que
Existe cosicché, pero es bastante arcaico. Quindi es prácticamente sinónimo de dunque y allora.

Se ti piace l’Italiano puoi iscriverti ad un classico corso di lingua, con tutti gli annessi e connessi: frequenza obbligatoria, lezioni di grammatica, esercizi alla lavagna eccetera.

iscriverti > apuntarte
No es *appuntarti*, hablando de un curso, sino “inscribirse”…

classico > típico
Aunque podrías decir tipico también en italiano, y “clásico” en español, el italiano usará más a menudo la opción del texto.

frequenza > asistencia
Hablando de un curso, la palabra no es assistenza (un italiano la vería como “médica”), sino frequenza. De hecho, en italiano le lezioni si frequentano.
Lista de asistencia. > Lista di frequenza.

Oppure diventi membro dell’associazione Italiano Semplicemente, anche qui con tutti gli annessi e connessi: niente grammatica, niente lavagna, gruppo WhatsApp per parlare, programma settimanale di lezioni e divertimento assicurato. A te la scelta!

Oppure > o bien
En español “o bien” es una expresión que deriva de “o también”. En italiano pure es un sinónimo de anche, por lo tanto no es de extrañar que exista esta expresión, unión de o y pure.

anche qui > también en este caso
En italiano también podríamos decir anche in questo caso, así como en español también podríamos decir “aquí también”.
Pero nota que qui anche sonaría muy mal.

niente > nada de
Cuando queramos decir “nada de” lo que sea, en plan exclamación, en italiano tendremos que quitar “de”.
¡Nada de cuentos: vete a la cama, ya! > Niente storie! Vai a letto, subito!
Por supuesto, no lo confundas con este otro caso:
No hay nada de comer, pidamos una pizza. > Non c’è niente da mangiare, chiediamo una pizza.
¿Ves la diferencia entre los dos?
De todas maneras, la expresión “nada de nada” se traduce como niente di niente.
-¿De verdad no hay nada? -No, nada de nada! > -Davvero non c’è niente? -No, niente di niente!
Sin embargo, todo esto son “excepciones”, ¡ya que en italiano los indefinidos sí que van seguidos por “di + aggettivo”!
Por cierto, los “indefinidos” son palabras como qualcosa, qualcuno… y niente!
Non c’è niente di bello da vedere al cinema? > ¿No hay nada bueno que ver en el cine?
Forse c’è qualcosa d’interessante al cinema Verdi. > Puede que haya algo interesante en el cine Verdi.
Per risolvere questo problema ci vuole qualcuno di esperto, non un principiante. > Para resolver este problema hace falta alguien que sea experto, no un principiante.

lavagna > pizarra
La pizarra… se “lava” (¡o al menos, eso se hacía cuando se inventaron!). De allí el nombre lavagna.

divertimento > diversión
No es diversione, ¡cuidado!
El italiano es… fácil y divertido, ¿no es cierto? > L’italiano è… facile e divertente, vero?

A te la scelta! > ¡Elige tú! (¡A ti la elección)
Es posible decir Scegli tu, pero de la manera en que se dice en el texto es más expresivo.
Ahora puedes comprobar cuáles y cuántas de las expresiones que has aprendido arriba eres capaz de recordar.
Puedes realizar este ejercicio en su versión interactiva con mi herramienta Il Commentatore, en esta dirección. Link: svel.to/20e7

Cloze di ricapitolazione

(El día de hoy) siete (en el buen camino) per diventare veri italiani, con tutti (lo que eso implica).
Annessi e connessi è la frase di oggi, non facile (de explicar), ma (lo intentamos) (igual). Gli annessi ed i connessi; (ambas) parole (tienen que ver) con l’unione.
(Por ejemplo) quando un paese europeo (se convierte en) membro dell’Unione Europea, possiamo dire che il paese è stato annesso all’Unione Europea. Questo significa che (es parte de ella), il paese (desde hoy) fa parte dell’Unione Europea. Il termine è abbastanza formale (sin embargo): difficilmente sentirete che un ragazzo (se ha anexado) ad un gruppo, ad esempio. Unirsi è sicuramente più usato, quasi sempre.
Esiste quindi il verbo (anexar), (similar) ad unirsi: diventare (una sola cosa) con qualcosa, entrare (a ser parte) di qualcosa già esistente.
Connettere è simile ad annettere, ma la connessione (sirve para) stabilire (una conexión), (una “atadura”), non a diventare parte integrante di qualcosa, come annettere: la connessione ad internet ad esempio: (uno se conecta) ad internet, ci si collega, non ci si annette ad internet ((es decir) non si diventa parte di internet).
Le cose che si connettono a qualcosa, (una vez establecida) la connessione, sono quindi connesse a questo qualcosa. La parola (conexiones), come sostantivo maschile plurale però (nunca se usa), (a no ser que sea) nella frase “annessi e connessi”. Gli annessi e connessi. Cosa sono?
Per “annessi e connessi” (se indican) tutte (los asuntos relacionados) all’argomento (del cual) stiamo parlando. Non parliamo di oggetti, ma di (“ataduras”) logici.
È come dire “insieme a tutto (lo) che (conlleva)”, “con tutto ciò che (se deriva (de ello))”.
Ad esempio se Mario sposa Sara, (se convertirá en) suo marito, con tutti gli annessi e connessi.
(Así que) si sta parlando di tutto ciò che comporta il matrimonio: figli, diritti, doveri e tutto (lo relativo) al vincolo coniugale.
L’Inghilterra sta uscendo (de la)Unione Europea, con tutti gli annessi e connessi.
Se ti piace l’Italiano puoi (apuntarte) ad un (típico) corso di lingua, con tutti gli annessi e connessi: (asistencia) obbligatoria, (clases) di grammatica, esercizi alla (pizarra) eccetera.
(O bien) (te haces) membro dell’associazione Italiano Semplicemente, (también en este caso) con tutti gli annessi e connessi: (nada de) grammatica, niente (pizarra), gruppo WhatsApp per parlare, programma settimanale di lezioni e (diversión) assicurato. (¡Elige tú!)!

Ejercicio de repaso

Completa le frasi con le espressioni del testo precedente, convenientemente adeguate al contesto. Per una versione INTERATTIVA dell’esercizio, con i suggerimenti delle parole da usare in spagnolo, vai su svel.to/20e7

  1. Gianni ha due figli. ____ i figli vanno al liceo.
  2. L’Associazione è una grande idea, ma purtroppo io non ____ ancora parte.
  3. Gli incendi forestali sono ____ al turismo di massa irresponsabile.
  4. La situazione migliora… siamo ____ per risolvere questa crisi,
  5. Per ____ un corso come questo bisogna prima ____ , ____ pagare la quota d’iscrizione. ____ sono il lunedì e il giovedì dalle 18:00 alle 20:00.
  6. Puoi partecipare al gruppo di WhatsApp ____ no, come preferisci.
  7. Se non sai come ricordare ____ che hai imparato, prova ____ fare questi esercizi.
  8. Questo è il ____ esercizio di riempimento, ____ devi scrivere la parola o le parole che mancano.
  9. ____ siamo qui riuniti per celebrare un avvenimento trascendentale.
  10. Nelle aule ci sono i gessi perché c’è anche una ____ , ma da quando abbiamo il computer e lo schermo, ____ .

Davide ha 21 anni, e suo padre, che era un ricco uomo d’affari, muore improvvisamente in un incidente d’auto. Davide si trova improvvisamente ad ereditare tutto, e non sa ancora bene cosa significa tutto questo. Il commercialista di suo padre si riunisce con lui e cerca di spiegarglielo.
Completa il suo discorso con le espressioni mancanti, prese dal testo di Giovanni.
La tua eredità consiste nella proprietà della ditta di tuo padre, con tutti ___ . I problemi relativi alla gestione di questa compagnia non sono facili ____ , ma dato che sono il tuo consigliere, ____ . Comprendono diversi fattori, ____ il pagamento dei contributi sociali e la gestione dei rapporti con i sindacati. A partire ____ , se firmerai il contratto, ____ il capo, quindi devi dimenticarti della tua vita di ____ , e cominciare a lavorare sodo.
____ la tua partecipazione, diventeresti ____ con la società, e stabiliresti con i tuoi soci un ____ di stretta collaborazione che si manterrà per molti anni. Non so se riesci a vedere con chiarezza tutto ____ . Comunque, puoi ancora scegliere: puoi firmare, ____ decidere di rinunciare a tutto: ____ !

¿Quién es Davide Martini – Il Commentatore?

Davide Martini ha nacido en Milán en 1964. Actualmente reside en Madrid.
Egresado del Máster en Didáctica del italiano como lengua extranjera de la Universidad de Venecia Ca’ Foscari en 2002, enseña italiano a hispanófonos adultos hace más de 20 años.
Da clases en el Centro Superior de Idiomas Modernos de la Universidad Complutense de Madrid hace 19 años, además de una amplia actividad que incluye, entre otras áreas, la creación y suministro de exámenes Erasmus, enseñanza en empresas, ministerios e instituciones culturales de renombre.
Es creador de herramientas didácticas para la clase presencial y online, entre ellas el Abbinatore y el Commentatore, que recoge en su blog “la formula didattica”.
Actualmente se especializa en ayudar a los estudiantes hispanófonos a alcanzar sus mejores resultados posibles en los exámenes de certificación oficiales de conocimiento del idioma italiano a través de su programa de Tutorías Lingüísticas personalizadas.
davideprofe@gmail.com
Il Commentatore en Facebook
Davide Martini en LinkedIn

Haz click en las imágenes o copia el link abreviado en tu navegador para conocerme mejor.

davide1

davide2
davide3

305 – Fare mente locale

File audio disponibile per i membri dell’associazione Italiano Semplicemente

Trascrizione

Giovanni: benvenuti nell’episodio n. 305 della rubrica due minuti con italiano semplicemente.

Vi succede mai di dimenticare qualcosa?

Spesso, in questi casi, in realtà non avete dimenticato, ma avete soltanto bisogno di pensare.

Si dice spesso in questi casi:

Ho bisogno di fare mente locale

Fammi fare mente locale

Aspetta che faccio mente locale

Questa espressione, di utilizzo universale, si può usare ogni volta che dovete pensare un attimo prima di ricordare qualcosa.

Dove si trova il supermercato più vicino?

Dunque vediamo… Devo fare un attimo mente locale prima. Ah ok dunque: bisogna andare a destra e poi a sinistra.

Ho dovuto fare mente locale per ricordarmi dove avevo messo il cellulare.

Si usa soprattutto quando devo ripercorrere mentalmente alcuni passaggi, quando devo ricordarmi cosa ho fatto esattamente in sequenza:

Dunque dove saranno gli occhiali? Faccio un attimo mente locale… prima sono andato in camera, e avevo gli occhiali con me. Poi al bagno e ce li avevo. Poi sono andato in cucina e li… Sì ! Adesso ricordo! Ho dovuto usare gli occhiali per leggere la ricetta della pizza e li ho lasciati proprio in cucina!

Si usa “locale” perché dovete localizzare la mente, dovete andare con la mente, usando la vostra memoria, nei luoghi dove siete stati.

Ulrike: una volta che mi è sfuggito qualcosa, che so, l’orario di un appuntamento, la chiave della macchina, faccio sempre mente locale, sperando che mi torni in mente. Che poi non ricordi nulla lo stesso… sarà la vecchiaia!!

Bogusia: Che coincidenza, stamattina non mi sono fatta viva perché avevo dovuto fare mente locale a lungo, cercando il telecomando del cancello d’ingresso. L’avevo lasciato sull’aiuola ieri sera. Vai a capire come abbia potuto pensare all’aiuola per trovarlo? Bell’episodio! Utile. Grazie mille.

Andrè: In virtù della notizia appena appresa sulla sua morte, vorrei aprire una parentesi per fare un omaggio a Ennio Morricone, colui che ci ha regalato una caterva di musiche bellissime, colone sonore di tanti film! Il maestro non era solo un grandissimo compositore, ma, a suo modo, anche un bravissimo aforista! Tra le tante frasi ha scritto che “La musica esige che prima si guardi dentro se stessi, poi che si esprima quanto elaborato nella partitura e nell’esecuzione”. La colonna sonora del film Cine Paradiso* è quella che più delle altre ha fatto accusare il colpo al mio cuore! La ascoltavo quando ho agganciato mia moglie!

Ha funzionato!

– – –

L’inizio e/o la fine, o le frasi intermedie di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

304 – per eccellenza/antonomasia

File audio disponibile solamente per i membri dell’associazione Italiano Semplicemente

Trascrizione

Giovanni: benvenuti nell’episodio n. 304 della rubrica due minuti con italiano semplicemente, il sito per eccellenza per imparare a comunicare in italiano.

Ho detto:

il sito per eccellenza per imparare a comunicare in italiano.

L’espressione “per eccellenza” è equivalente a “per antonomasia“. Stesso significato. Potrei dire anche “in assoluto” o “in senso assoluto“.

Si possono usare queste locuzioni ogni volta che abbiamo nella nostra mente qualcosa o qualcuno che rappresenta perfettamente alcune caratteristiche, qualcosa o qualcuno a cui possiamo associare un aggettivo, una qualifica, una denominazione. E questo qualcuno o qualcosa rappresenta perfettamente questa caratteristica.

Ad esempio se pensiamo che Dante Alighieri rappresenti al meglio, più di chiunque altro, l’idea, l’immagine del poeta, allora dico che:

Dante è il poeta per eccellenza

Dante è il poeta per antonomasia

Dante è il poeta in senso assoluto

Allo stesso modo:

Aristotele era ritenuto il filosofo per eccellenza.

Qualsiasi caratteristica è adatta:

La Ferrari potrebbe essere considerata l’automobile da corsa per eccellenza.

Naturalmente qualunque sia la caratteristica di cui parliamo, si tratta sempre di qualcosa che più o meno tutti conoscono. Altrimenti non si può usare.

Nicole: Quando qualcuno o qualcosa viene annoverato fra i migliori e i più tipici del suo genere quindi posso dire è un qualcuno o qualcosa per eccellenza?

Non è esattamente così, dipende se esiste già oppure no qualcuno o qualcosa da sempre noto per rappresentare perfettamente quella immagine. Poi non si può improvvisamente diventare qualcosa “per eccellenza” perché occorre del tempo prima che tutti lo sappiano.

Ulrike: La pizza è il piatto italiano per eccellenza, non si può essere di diverso avviso!

Questo è sicuro! Nulla quaestio.

Emma: Agosto è il mese delle vacanze per antonomasia. Nulla quaestio anche qui.

Solitamente è un caratteristica positiva (perché l’eccellenza rappresenta il meglio) ma non è obbligatorio.

Maradona è il calciatore mancino per eccellenza (mancino significa che il piede sinistro era il suo preferito).

Il cianuro è il veleno per eccellenza

L’oro è il minerale prezioso per eccellenza

Come a dire che per le sue qualità, per le sue caratteristiche, l’oro è considerato da tutti il simbolo della ricchezza, del lusso. Attenzione, non si dice solitamente che è il materiale “più prezioso” per eccellenza, ma semplicemente che è il minerale prezioso per eccellenza.

In questo modo creiamo una associazione diretta tra il concetto di “minerale prezioso” e l’oro.

Dimmi il nome di un minerale prezioso!

L’oro! Questo è il minerale prezioso per eccellenza.

– – –

L’inizio e/o la fine, o le frasi intermedie di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

303 – Essere in debito con

File audio disponibile solamente per i membri dell’associazione Italiano Semplicemente

Trascrizione

Giovanni: credevate di aver finito con il debito?

Lejla: Balza agli occhi, Gianni, che vuoi spiegarci l’uso della parola debito con tutti gli annessi e conessi.

Giovanni: Infatti Lejla, hai ragione.

Nello scorso episodio abbiamo visto “essere a debito di” che si usa, come abbiamo visto quando viene a mancare qualcosa di importante, come l’ossigeno, il fiato, risorse, energie.

Dovete sapere che nel caso dell’ossigeno, e solo in quel caso, si può anche dire essere “in debito di ossigeno”.

Il significato è identico, ma usiamo “in”. È una eccezione però. Negli altri casi si usa invece sempre la preposizione “a”, proprio come “a corto di”, che come detto è più colloquiale.

Sono a corto di energie

Sono a debito di risorse

Sono a corto di idee

Usare “in” solitamente dà un altro significato alla frase. Infatti l’espressione “essere in debito con qualcuno” non si usa generalmente né con i soldi, né con le mancanze. Significa invece che questo qualcuno mi ha fatto un favore importante ed io sento che devo fare qualcosa per lui.

In genere non mi ha prestato soldi però. Semplicemente, questa persona, ha fatto qualcosa per me, qualcosa che sento di dover restituire proprio come se fosse denaro.

Nel caso di soldi direi: ho un debito con Giovanni. Userei il verbo avere quindi.

In questo caso invece “sono in debito con Giovanni“.

Giovanni è stato molto gentile con me, e ha fatto di tutto perché non mi sentissi in debito con lui.

Questo significa che Giovanni è stato gentile e non vuole che io senta di dovergli restituire il favore. Non vuole che io mi senta in debito con lui.

La famiglia Rossi ci ha aiutato molte volte. Siamo in debito con loro. Perché non li invitiamo a cena?

Ma no caro dai, oggi non sono in vena di cucinare.
E poi non me la sento di sorbirmi la solita solfa di sua moglie.

Un altro esempio:

Non ho fatto nulla di male, sono innocente. Non sono in debito con la giustizia.

Si usa moltissimo “essere in debito con la giustizia“, sebbene non si tratti di una persona. Significa che dovrei pagare per qualcosa che ho fatto. Un ladro ad esempio, se non viene scoperto, è in debito con la giustizia.

Si usa spesso anche “essere in debito con la fortuna” (o con la sorte) per indicare che sono stato molto fortunato in passato. La fortuna è stata molto generosa con me.

Ovviamente si può anche essere in credito con la fortuna e con la giustizia.

– – –

L’inizio e/o la fine, o le frasi intermedie di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

302 – Essere a debito/corto di

File audio disponibile solamente per i membri dell’associazione Italiano Semplicemente

302_a_debito

Trascrizione

Giovanni: in questo episodio n. 302 della rubrica due minuti con Italiano Semplicemente parliamo di debiti, ma solo al singolare: “debito”. Abbiamo già visto l’espressione “a tempo debito“, nell’episodio 247, quindi già sapete che quando parliamo di debito, non è detto che stiamo parlando di denaro. Infatti è vero che il debito, in generale, è un ammontane di denaro che dobbiamo dare ad una persona, o ad una banca. Il debito è il contrario del credito.

Quindi se Carlo ha un credito con Giovanni di 100 euro, significa che Carlo deve riscuotere 100 euro da Giovanni, e Giovanni deve dare 100 euro a Carlo.

Questo è avere un credito o avere un debito. Ci sono ovviamente anche i debiti, al plurale, in questo caso.

Ma il termine debito, solo al singolare stavolta, si può usare anche con il verbo essere, nella locuzione “Essere a debito di“.

Xiaoheng: Non restare sul vago Gianni, facci qualche esempio.

Ad esempio:

Io oggi sono a debito di energie

L’ufficio è a debito di risorse umane

Franco è a debito di sangue

Maria è a debito di tempo

Ulrike: Capisco, il debito di cui parli qui non ha niente a che spartire con con i soldi.

Giovanni: Infatti. Però in tutti questi esempi, pur se non parliamo di soldi, di denaro, stiamo parlando di qualcosa che manca, qualcosa di cui si avrebbe bisogno ma che non è disponibile.

Quindi:

Io oggi sono a debito di energie, cioè mi mancano delle energie

L’ufficio è a debito di risorse umane, cioè ci mancano delle risorse umane, cioè delle persone.

Franco è a debito di sangue, quindi avrebbe bisogno di sangue.

Maria è a debito di tempo, quindi Maria avrebbe bisogno di più tempo, non ha tempo a sufficienza.

In genere è una persona che è “a debito di” qualcosa, inoltre non si può essere a debito di oggetti.

Nel linguaggio corrente si usa spessissimo anche “Essere a corto di” qualcosa. Stesso significato, ma più colloquiale. Con le idee, ad esempio, si usa in pratica sempre “a corto” essendo le “idee” sempre utilizzate in contesti informali.

Mi auguro di non essere a corto di idee per i prossimi episodi…

Veronica: Oggi mi gira tutto bene, ho capito tutto. Non c’è dubbio di sorta.

– – –

L’inizio e/o la fine, o le frasi intermedie di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!