247 – A tempo debito

Audio

Trascrizione

Giovanni: l’uso della parola debito, fortunatamente, non ha solo a che vedere con il denaro. Il debito sarebbe in quel caso il contrario del credito. Chi presta i soldi ha un credito con la persona che prende i soldi in prestito, che ha a sua volta un debito con chi ha prestato questi soldi.
Il termine debito però si usa anche in un secondo modo, e si usa anche al femminile: debita.
fare qualcosa a tempo debito
stare a debita distanza
dare la debita paga
tenere a debita considerazione
eccetera
Debito o debita, usati in questo modo significano “giusto”, opportuno, ma forse il termine migliore è “dovuta” o “dovuta”, o anche “che merita”.

Bisogna stare a debita distanza per non essere infettati dal virus.

Si parla quindi della giusta distanza, non sto dicendo qual è la giusta distanza (1, 2 metri) ma sto solo dicendo che deve essere almeno quella minima possibile in questo caso.
C’è in qualche modo il concetto di “rispetto” legato a questo aggettivo.

Ti risponderò a tempo debito

Questa frase indica che ti risponderò quando sarà il caso che io risponda, non prima. Lo farò al momento giusto, o anche a suo tempo, come abbiamo visto nell’episodio scorso.
Sì, probabilmente col tempo è un modo abbastanza formale di parlare, si usa molto nel linguaggio della pubblica amministrazione o nelle comunicazioni formali.

Bisogna riaprire le attività economiche ma con la debita considerazione per la sanità e la sicurezza di tutti.

Quindi senza trascurare la sanità e la sicurezza, cioè considerando la loro importanza nella giusta misura, quella che merita.

Bisogna garantire a tutti la debita remunerazione

Cioè bisogna riconoscere la giusta paga, la paga dovuta, quella che gli spetta, quella che ciascuno merita. C’è rispetto in questo.
Esiste anche l’avverbio “debitamente“, che si usa anche questo quando si fa qualcosa nel modo giusto. C’è anche il senso del dovere spesso in “debitamente”.

I moduli vanno compilati debitamente.

Cioè vanno compilati “come si deve“, potremmo dire, cioè nel modo giusto, facendo attenzione che tutte le informazioni richieste vengano ben scritte nel modulo.

Nella nostra azienda viene debitamente riconosciuta l’elevata professionalità di tutti.

In questo caso il senso del rispetto emerge maggiormente: il rispetto delle persone, che vanno pagate come meritano, cioè debitamente.
Credo di aver dato la debita spiegazione, ora passo la parola a Andrè dal Brasile, che ha debitamente provveduto a fare una frase di ripasso di qualche episodio passato della rubrica due minuti con Italiano Semplicemente.Andre_arena_brasile2Andrè: Se avessimo un minimo rispolverato la storia, forse non saremmo stati colti alla sprovvista dal coronavirus.
Sembra che, ad esempio, non abbiamo imparato nulla dall’influenza “spagnola”, che nel 1918 provocò 100 milioni di decessi circa! Che vuoi farci! Ormai è tardi? Non credo! Non dobbiamo essere restii verso gli esperti anzi dobbiamo dare seguito alle misure istituite dal governo dietro i loro consigli, senza badare a tutti gli annessi e connessi economici e sociali. È da condannare qualsiasi pretesto per fare il bastian contrario.

– – –

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

147 debito debita

246 – A suo tempo

Audio

Trascrizione

Xiaoheng (Cina): Vi presento la prossima espressione della rubrica “due minuti con italiano semplicemente”

Giovanni: oggi ci occupiamo di una locuzione abbastanza complicata da spiegare. “A suo tempo“.

È un’altra locuzione che contiene il termine “suo”, che ricorre spesso nella lingua italiana, come abbiamo visto nei passati episodi. Per questo motivo adesso siete in grado di comprendere più facilmente questa nuova locuzione perché ogni cosa fa fatta a suo tempo.

Ogni cosa va fatta nel momento opportuno, nel momento adatto. Ogni cosa va fatta a suo tempo.

Questo è il significato dell’espressione. Ma attenzione perché ho alcune cose da dirvi.

Ci sono locuzioni simili nella scrittura con diverso significato. Ad esempio “ai suoi tempi”.

Ai suoi tempi significa generalmente “quando lui o lei era giovane. Quindi tra l’altro parliamo di una persona.” Suoi” (che è il plurale maschile di suo) si riferisce agli anni in cui una persona (quella di cui parliamo) era giovane. Generalmente ci si riferisce alla gioventù.

Poi “a suo tempo” ha due utilizzi. Nel primo caso indica, come abbiamo detto un tempo opportuno, un tempo giusto, adatto.

Spesso in questo senso si usa anche una esclamazione: “al tempo!” per dire che bisogna aspettare, che non è arrivato ancora il momento giusto.

Allora? Cosa aspettiamo?

Al tempo!

Questa è una risposta, se vogliamo, un po’ brusca ma significa che bisogna aspettare. È un po’ come dire: “calma e gesso!” Oppure semplicemente “calma!”.

Questa cosa andrà fatta a tempo debito.

Ecco questo è un altro tipo di risposta analoga, meno brusca, in cui si usa la parola “debito” che vediamo meglio nel prossimo episodio.

Il secondo modo di usare “a suo tempo” è parlando del passato, di un momento preciso del passato, quando si vuole dire che c’era qualcosa di diverso rispetto ad oggi. È un’espressione analoga a “a quei tempi” ma non è identica perché a quei tempi indica dei tempi lontani, molto lontani (parlando dei nonni ad esempio).

Questo contratto non è più valido. A suo tempo lo era, ma la legge è cambiata.

Quando a suo tempo non c’era il corona virus (bei tempi, ve li ricordate?) non apprezzavamo la libertà di poter andare dove ci pareva.

Ora è arrivato il tempo del ripasso:

Natalia (Colombia):

Adesso vorrei aprire una parentesi per condividere un pensiero.

L’associazione Italiano semplicemente oltre che divulgare la lingua e la cultura italiana è anche, a mio avviso una sorta di agenzia di viaggi… vedete che, ogni volta che interagiamo con persone di tutto il mondo, è come se all’improvviso facessimo una capatina in un’altra cultura, ragion per cuiquesta comunità, bontà sua, ci permette di avere una certa ampiezza di vedute e soprattutto impariamo a guardare la sostanza e non la forma, alla faccia di tutti i nostri pregiudizi.

– – –

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!