n. 61 – SBALLARE – 2 minuti con Italiano semplicemente

Audio

scarica il file audio 

CARTACEO - verbi professionali

Audiolibro + Kindle o cartaceo disponibile anche su Amazon
CARTACEO: US – UK – DE – FR – ES – IT – JP
KINDLE: US – UK DE – FR – ES – IT – NL – JP – BR – CA – MX – AU – IN

Trascrizione

Francesco Bergoglio (Roma): …la libertà non arriva stando chiusi in stanza col telefonino e nemmeno sballandosi un po’ per evadere dalla realtà.

Giovanni: Sballare, lo avete sentito utilizzare da Francesco Bergoglio in un recente discorso pubblico, e lo ha utilizzato in modo riflessivo: sballarsi.

Il papa è dispiaciuto per i ragazzi che si sballano per evadere dalla realtà. Allora si intuisce che sballarsi significa essere in uno stato di eccitazione per effetto della droga, o perdere l’autocontrollo per aver bevuto troppo, ovviamente quando uso il verbo “bere” in questo caso mi riferisco a sostanza alcoliche.

Nel gergo giovanile sballarsi significa in generale eccitarsi, esaltarsi.

Questa polverina mi fa sballare!

Questa musica mi fa sballare

Molti ragazzi amano sballarsi in discoteca

Che sballo!

“Che sballo”è un’esclamazione che si può usare ogni volta che ci si diverte molto, anche senza droghe voglio dire.

Nonostante questo, il verbo sballare si usa in molte altre occasioni. Non solo droga o divertimento esagerato.

Avete mai sballato un pacco ricevuto per posta? Sono sicuro che lo fate almeno una volta al mese!

Quest’uso non è riflessivo: sballare un pacco è togliere l’imballo, cioè togliere la merce che è stata chiusa in un imballo, che è la confezione protettiva usata per l’imballaggio e la spedizione.

Se fate dei conti invece (usando la matematica) potreste sballare i conti. Allora avete sbagliato clamorosamente un calcolo, una misurazione, ecc.. Si tratta di un grosso sbaglio commesso con i numeri: avete sballato i conti.

Se andiamo a cena al ristorante:

Guarda questo conto del ristorante, ma è tutto sballato!

Notate che c’è lo stesso senso di esagerazione che trovate nello sballo da discoteca, quello che ha usato il Papa. Sballare i conti si dice, ma si usa anche “sballare i calcoli”, “sballare una misura”, “sballare il conteggio” e cose di questo tipo. Sono sempre grossi errori di calcolo.

Infine può anche capitare di sballare la moto, o la macchina. Se riferito a un dispositivo, uno strumento, ecc., il verbo sballare significa danneggiare, guastare. Si usa sballare quando qualcosa di rompe, e spesso c’è un motore: che ad un certo punto… puf! Si rompe, si sballa! Un linguaggio familiare questo, informale sicuramente, e quindi molto usato, soprattutto dai giovani: anche a quelli che non si sballano in discoteca può capitare di sballare la moto. E adesso ripassiamo alcune espressioni precedenti con Bogusia.

Ripasso espressioni precedenti:

Bogusia (Polonia): Non avevo la più pallida idea di cosa arrivasse oggi nella rubrica dei due minuti con italiano semplicemente. Però so che siamo nati con la camicia. Non vi torna perché? Abbiamo trovato italiano semplicemente con i suoi due minuti giornalieri. Ma la fortuna aiuta gli audaci. E noi non ci siamo accontentati dei soliti corsi. Allora anche oggi abbiamo aumentato il nostro vocabolario. Se siete rimasti un po’ indietro, mettetevi all’opera e andate a ritroso seguendo l’indice delle espressioni: così facendo vi salverete in calcio d’angolo. Che sballo!

———

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con italiano semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro.

photography of woman listening to music
Photo by bruce mars on Pexels.com
Annunci

n. 60 – LA FORMA è SOSTANZA – 2 minuti con Italiano semplicemente

Audio

scarica il file audio in formato mp3

foto libro e penna usb

Audiolibro + Kindle o cartaceo disponibile anche su Amazon
CARTACEO: US – UK – DE – FR – ES – IT – JP
KINDLE: US – UK – DE – FR – ES – IT – NL – JP – BR – CA – MX – AU – IN

Trascrizione

Giovanni: eccoci qua, ancora oggi, che è domenica e pascio la parola a Flora, che vi spiegherà la seconda espressione che riguarda le due parole forma e sostanza. L’espressione è la forma è sostanza, oppure la forma fa la sostanza.

Flora: In italiano però si dice anche un’altra cosa che sembra essere in contrasto con questa frase proverbiale.

La frase a cui sto pensando, è: la forma fa la sostanza.

Quindi in italiano abbiamo due frasi sulla stessa questione che si contraddicono sia nell’aspetto più letterale che sia proprio in quello che vogliono dire.

La prima frase è quella di cui parlavamo prima (ieri) che bisogna guardare la sostanza non la forma.

Poi si dice anche che la forma fa la sostanza.

Questa frase che cosa vuole dire?

È vero che bisogna guardare la sostanza eccetera eccetera, però questa stessa sostanza, i comportamenti, il carattere, la formazione di una persona viene fuori alla fine anche nella forma, nel modo in cui si presenta, in cui si relaziona con gli altri eccetera eccetera.

È quindi se noi abbiamo a che fare con una persona che ha una certa sensibilità, un certo modo di essere, un certo modo di comportarsi, possiamo desumere, benché dobbiamo sempre conoscerla bene, che alla base abbia una buona o cattiva sostanza.

Esempio pratico: se io devo andare dal presidente della Repubblica so che mi devo vestire in un certo modo e che mi devo comportare in un certo modo.

Se non mi vesto così, io posso essere la persona più buona di questo mondo però non so, non ho l’educazione, non so l’educazione di come mi debba presentare di fronte a un personaggio così importante.

Invece se avessi avuto l’educazione, la personalità, la formazione ed anche la sensibilità… . Attenzione che in italiano sensibilità significa due cose: significa sia l’emozione propria rispetto al mondo ma significa anche avere naso, sapere come comportarsi in determinate situazioni.

Se io vado a trovare una persona che è stata operata avrò la sensibilità di non parlare di viaggi … Se so che questa persona deve avere una lunga convalescenza.

Quindi le due frasi, fate attenzione, sono in contrapposizione.

Questa seconda frase proverbiale significa appunto dire che la forma, cioè come una persona si muove all’esterno, in determinate situazioni eccetera eccetera, fa anche la sua stessa sostanza perché alla fine ti dimostra che ha “il naso”, ha la formazione, ha la sensibilità in tutti contesti della vita.

Giovanni: grazie Flora, una spiegazione di sostanza, la tua, indubbiamente fatta con la giusta forma.

Adesso invece Natalia ci aiuta a ripassare le espressioni passate insieme alla sua amica Anna.

Ripasso espressioni precedenti:

Natalia (Colombia 🇨🇴):

Ripasso per cazzeggiare una domenica qualsiasi.

– NATALIA:
Pronto, Ciao Anna, sono Natalia! E allora, che aria tira a Barcellona?
– ANNA:
Ciao Natalia, alla grande! sono felicissima in questa città perché mi permette di conoscere tante culture diverse, tutto l’opposto alla solita solfa della mia piccola città.

E tu, cosa mi racconti? Come va il tuo livello d’italiano?
– NATALIA:
Non ti dico! dopo aver fatto diversi corsi tradizionali senza troppi risultati, mi sono trovata a tu per tucon un metodo d’apprendimento di Italiano senza l’uso delle regole grammaticali con cui devo dire che sussistono gli estremi per adoperare un linguaggio quotidiano ed allo stesso tempo sviluppare la capacità di comunicare come un italiano nativo.
– ANNA: Macché, davvero?
– NATALIA: Eccome!, guarda un po’, mi sono iscritta ad una associazione che si chiama Italiano Semplicemente dove mi trovo benissimo, ci sono circa 70 membri di tutto il mondo e la maggioranza di loro hanno raggiunto risultati eccezionali seguendo questa metodologia.

Ora anch’io appartengo a questo gruppo di allievi dove abbiamo molte soddisfazioni con questa meravigliosa lingua.

Anna, dovresti valutare anche tu tutti gli annessi e connessidi non utilizzare la grammatica.
– ANNA:
Ma dai!, non ci credo, come si può imparare una lingua senza studiare la grammatica? Secondo me è una roba impossibile!
– NATALIA:
All’inizio anch’io la pensavo cosi, poi, sono andata a controllare le informazioni che si trovano sul sito ea stretto giro ho verificato la potenza del metodo in questione.

Anzi, mi sono subito affezionata alle diverse rubriche giornaliere, e ce ne sono un sacco.

Addirittura devo andare a ritroso per rispolverare la valanga di argomenti, qualora fosse necessario affrontare una situazione particolare.
– ANNA:
Sei stata fortunata a trovare questa tecnica Natalia, ne vadel tuo futuro in Italia!
– NATALIA:
Hai ragione Anna, è stato uno strappo alla regola che mi ha permesso, bontà sua, di ingranare con la lingua.
Senti, È stato bello parlare con te, adesso devo andare, ci sentiamo dopo, ti mando un forte abbraccio, saluta tutti, ciao, ciao!

———

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con italiano semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro.

n. 59 – GUARDARE LA SOSTANZA E NON LA FORMA – 2 minuti con Italiano semplicemente

Audio

scarica il file audio

foto libro e penna usb

Audiolibro + Kindle o cartaceo disponibile anche su Amazon
CARTACEO: US – UK – DE – FR – ES – IT – JP
KINDLE: US – UK – DE – FR – ES – IT – NL – JP – BR – CA – MX – AU – IN

Trascrizione

Ripasso espressioni precedenti:

Rauno (Finlandia):
In men che non si dica è arrivato di nuovo il fine settimana. Imparare anche oggi oppure no? A volte ci viene voglia di lasciarci andare, un po’ di riposo non guasterebbe. Un certo non so che ci abbatte fisicamente e mentalmente. Come fare a mascherare questa indisposizione? Forse far finta che si è impallato il cellulare i il pc? Così però questa giornata potrebbe prendere una brutta piega. E allora, nessuno strappo alla regola, anche per non sentirsi un’anima in pena.

Giovanni: oggi e domani lascio la parola a Flora, una vera professoressa di italiano, che ci spiegherà il significato di due parole, la forma e la sostanza. Iniziamo con la frase di oggi che è “guardare la sostanza e non la forma”. Vai Flora!

Flora: Buona sera a tutti, ciao Giovanni, ciao Ulrike, ciao Natalia, ciao a tutti!

Guardare la sostanza ebnon la forma in italiano significa che quando si analizza qualcosa, quando si bisogna giudicarla, quando bisogna esprimere un parere, un pensiero, quello che volete, bisogna rendersi conto, studiare, riflettere, non sull’involucro esterno, cioè sulla forma.

La forma può essere anche fisica. Io ti posso dire che la mia forma fisica è un po’ rotondetta perché non faccio palestra da tanto tempo.

Bisogna guardare invece la sostanza, la sostanza ha sia il valore proprio tecnico del termine e sia il valore metaforico.

Per quanto riguarda il valore tecnico la sostanza è ciò che contiene, è cioè la natura di qualcosa.

Che ti devo dire, la sostanza della crema pasticcera sono il latte, le uova, lo zucchero eccetera eccetera.

La sostanza della pizza è la farina, il lievito, il sale, l’olio, i pomodori, la mozzarella eccetera eccetera.

Sostanza in italiano però riferito alle persone, alle situazioni, eccetera, indica come sono formate, come sono fatte eccetera eccetera.

Quando si conosce una persona bisogna “guardare la sostanza”, cioè come si comporta realmente, come parla, come agisce nei momenti di difficoltà, nelle situazioni difficili, quando non deve fare bella figura eccetera eccetera.

Non la forma, cioè come invece si muove nei contesti ufficiali.

Questo significa guardare la sostanza è non la forma.

La forma è la prima parte di una persona.

Una persona può avere un viso d’angelo e invece essere una persona cattiva e viceversa.

Una persona può sembrare tanto buona per i modi che ha, perché parla sempre a voce bassa, perché non risponde mai a nessuno, eccettera, può invece essere una persona cattiva di animo.

Nel caso di altre situazioni significa anche che bisogna guardare oltre la superficialità. Due minuti e 54.vi dovete sorbire 54 secondi in più!

Spero di essere stata chiara.

Giovanni: grazie Flora, adesso Bernadette, dall’Australia, ci aiuta a ripassare un po’ espressioni passate.

Ripasso espressioni precedenti:

Bernadette (Australia): a me piace andare in giro a fare compere, ad acquistare vestiti, anche un po’ osé qualche volta, e soprattutto quando è periodo di saldi. Non vi dico quanto mi piace girare alla ricerca di vestitini particolari. A me non piacciono quelli che vanno per la maggiore. Ed a volte passo l’intera giornata girando di negozio in negozio cercando come un’anima in pena l’offerta più conveniente. Che volete sono una donna!

———

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con italiano semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro.