n. 93 – DURO DI COMPRENDONIO – 2 minuti con Italiano semplicemente

Audio

LINK UTILI

Trascrizione

Ulrike: Ciao amici, sono Ulrike, membro dell’associazione italiano semplicemente. Giovanni mi ha dato il via libera per spiegarvi l’espressione essere duri di comprendonio. Grazie Gianni per avermi dato la possibilità di esercitarmi in questo modo.

Guardiamo per primo la parola duro/duri o dura, un aggettivo che conoscete bene ovviamente. Sono tante le cose che possono essere dure. Per comprendere il significato nel contesto dell’espressione aiuta l’immagine di un muro o una materia qualsiasi che non si può trafiggere facilmente. Pensate per esempio ad una parete che resiste quando provate ad appendere un quadro e il chiodo non vuole entrare.

Ho appena usato la parola comprendere, che significa “capire” e già siamo vicini alla seconda parola dell’espressione, la parola comprendonio. Il sostantivo comprendonio indica la capacità di comprendere, di afferrare con la mente, in pratica l’intelligenza.

Attenzione però, la parola comprendonio viene usato sempre in frasi negative, spesso con una connotazione scherzosa o ironica, quando una persona non capisce qualcosa. Faccio un esempio:

Immagina che tu stia con qualche amico e che tu abbia fatto una battuta. Tutti ridono, solo Giovanni – va bene prendiamo un altro nome, diciamo Marco – ti guarda con la faccia stordita, evidentemente non ha capito la battuta, che tutti gli altri avevano capito però. Tu ora potresti dire: dai Marco, sei duro di comprendonio oggi? Davvero non capisci ciò che tutti hanno capito?

Cos’ è successo allora? L’effetto finale della battuta non è arrivato a Marco, non è passato dagli orecchi fino al cervello; il cervello ha cioè opposto resistenza, possiamo dire, una dura resistenza, cioè Marco non riusciva a capire ciò che tutti avevano capito: è stato duro di comprendonio appunto.

Grazie della vostra attenzione! Se il significato dell’espressione ancora non è del tutto chiaro, di certo non è che siete voi i duri di comprendonio. Sarà invece che io non mi sono spiegata bene. Fatemi sapere.

Ripassiamo le espressioni passate con Cristine dal Brasile

Cristine (Brasile): Mi piace l’oggetto di cui verte l’episodio di oggi. Il comprendonio quindi, se ho capito, è la capacità di apprendere o di comprendere, l’intelligenza. Spero di essere morbida di comprendonio allora… ma ho la sensazione che questa frase non vada per la maggiore

Giovanni: Infatti Cristine, sei stata arguta, hai proprio ragione!

L’Inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con italiano semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

Donazione personale per italiano semplicemente

Se hai gradito questo episodio puoi aiutare Italiano Semplicemente con una donazione personale. Le donazioni sono utilizzate solamente per sviluppare il sito ed aiutare un maggior numero di persone nell’apprendimento dell’Italiano. Grazie. Giovanni

€10,00

CAPACITARSI – 2 minuti con Italiano semplicemente (n. 33)

Audio

scarica il file audio

LINK UTILI

Trascrizione

Bolsonaro ha vinto le elezioni in Brasile?

C’è qualcuno che non riesce ancora a capacitarsi di come questo sia potuto accadere.

E tu di cosa non ti riesci a capacitare?

Io non mi capacito ad esempio di come mai l’uomo sia così stupido da non capire fino in fondo gli effetti sul clima della propria stupidità.

E tu te ne capaciti?

Un mio amico non si è mai capacitato di come io possa insegnare l’italiano senza parlare di grammatica.

Ebbene, chi non si capacita di qualcosa, (capacita senza accento) non è detto che non abbia delle capacità (stavolta con l’accento), ma non riesce a capire qualcosa, possiamo dire che non riesce a farsi una ragione di questo qualcosa, non si spiega come qualcosa sia potuto accadere.

Capacitarsi è il verbo in questione. Quasi uguale a comprendere, a capire, ma anche a convincersi, a persuadersi.

Se non ti capaciti, allora non sei convinto, stai cercando di capire ma proprio non ti entra in testa il motivo per cui qualcosa è accaduto. Oppure non ne prendi piena consapevolezza.

C’è spesso della sofferenza nel non sapersi capacitare. È quindi più forte di capire e comprendere.

Se dici: non riesco proprio a capire!

Puoi anche dire, in alcuni casi:

Non riesco a capacitarmi!

Spesso chi perde una gara può non capacitarsi della sconfitta, e l’amarezza è tanta.

Non capisce come abbia fatto a perdere. Non se ne convince. Non trova delle ragioni valide per giustificare la sconfitta e soffre per questo.

Nell’insegnamento non si usa quindi: se non capisco il teorema di Pitagora non posso dire: non riesco a capacitarmi del teroema di Pitagora.

Meglio usare capire o comprendere in questi casi. Posso dire però che non mi capacito del motivo per cui non riesco memorizzare il teorema di Pitagora.

Si usa di, del, della eccetera:

Non mi capacito ancora della sua morte.

Ti riesci a capacitare di aver perso?

Bisogna capacitarsi del fatto che non possiamo più impedire a qualcuno di salvare i migranti sui barconi che sono in pericolo di vita. Capacitiamocene!

Ripeti dopo di me.

Me ne devo capacitare! Devo Capacitarmene.

Te ne devi capacitare. Capacitatene!

Se ne deve capacitare. Se ne capaciti! (deve capacitarsene)

Ce ne dobbiamo capacitare. Capacitiamocene!

Ve ne dovete capacitare. Capacitatevene!

Se ne devono capacitare! Devono capacitarsene (se ne capacitino)

—-

L’inizio e la fine di ogni episodio dei due minuti con italiano semplicemente servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione.