628 Tediare

Tediare

File audio disponibile per i membri dell’associazione Italiano Semplicemente (ENTRA)

Se non sei membro ma ami la lingua italiana puoi registrarti qui

 

Trascrizione

Giovanni: continuiamo a parlare di atteggiamenti e comportamenti che non ci piacciono.

Abbiamo visto “sopra le righe“, e prima ancora avevamo visto ortodosso. Poi abbiamo incontrato lezioso e stucchevole. Un bel repertorio di espressioni finora, e ne vedremo delle altre anche nei prossimi giorni. 

Oggi vediamo come tediare una persona. Non faremo esattamente questo in realtà, ma mi limiterò a spiegarvi il senso del verbo, perché tediare è molto simile a stancare, ma mentre stancare si rivolge quasi sempre a sé stessi (stancarsi), tediare si  usa prevalentemente verso gli altri.

Quindi normalmente stancare si usa così:

io mi stanco, tu ti stanchi, lui si stanca, noi ci stanchiamo, voi vi stancate e loro si stancano.

Invece se uso tediare:

Io tedio Giovanni

Tu tedi Francesca

eccetera. Quindi è una azione che si rivolge contro altre persone.

In realtà il verbo stancare si può usare allo stesso modo, e in questo caso sono molto simili:

Io ti stanco.

Credo che tu mi stia stancando adesso.

Non voglio stancarvi con le mie chiacchiere

Ci stancate con tutte queste polemiche

eccetera

Il verbo tediare è simile, ma la differenza è che, oltre ad essere più “forte” o meglio, più intenso, come verbo, si usa quasi sempre con la negazione:

Non voglio tediarvi

Non volevo tediare nessuno

E’ più intenso rispetto a stancare perché trasmette anche fastidio e noia, quindi è simile a infastidire qualcuno causando “tedio“, e annoiare profondamente. Il tedio sarebbe proprio una sensazione di noia, di profonda noia, quasi esistenziale. Qualcosa di opprimente direi: Si usa poco come termine ma rende molto bene l’idea:

Non voglio inondarvi di tedio leggendovi le mie poesie…

Il tedio delle ore passate in casa in attesa che la pandemia scompaia

Direi che è anche più letterario come termine, rispetto alla noia

C’è dunque una forte insofferenza anche, cioè una Incapacità di adattamento ad una situazione o di sopportazione, di impazienza.

Si può tediare qualcuno con dei lunghi discorsi che risultano noiosi e stancanti

Volendo, ma l’uso non è frequente, si può usare anche verso sé stessi, come stancarsi:

Mi sto tediando su questo libro di grammatica italiana

Questo significa che, non seguendo le sette regole d’oro di Italiano Semplicemente, stai provando una profonda noia, e anche un intenso fastidio. Cosa aspetti allora a cambiare metodo?

Consigli a parte, vediamo altri esempi:

Giovanni ha iniziato a tediarmi qualcuno con domande inopportune. Un fastidio che non ti dico.
 
Non vorrei tediarvi con le mie lunghe spiegazioni
 
Adesso allora smetto per non tediarvi ulteriormente
 
Come avrete capito si usa spesso anche come forma di chiusura di un discorso, ed è anche abbastanza simpatica e auto ironica come chiusura, e quindi non è detto che ci si renda conto che forse non è il caso di continuare a fare qualcosa che potrebbe risultare noioso e stancante.
Adesso allora per non tediarvi ulteriormente la finiamo qua e ripassiamo alcuni episodi precedenti:

Ripasso a cura dei membri dell’associazione Italiano Semplicemente 

Harjit (India) e Mary (Stati Uniti): E’ possibile mai che tu non abbia ancora messo mano sul dossier assegnatoci dal direttore? Di questo passo non lo porteremo a termine manco entro la fine dell’anno.

Sofie (Belgio): ci ho messo mano eccome! È solo che ci sono molte questioni delicate. Il lavoro stavolta ci sta dando dato molto filo da torcere.

Hartmut (Germania): appunto! Il direttore questo dossier ve l’avrà assegnato perché sa che non siete mica da meno degli altri collaboratori di questa unità.

Irina (California): ti ringrazio ma mi puoi togliere una curiosità? A cosa dobbiamo queste parole belle nei nostri confronti? Nel passato, se non ricordo male, eri ben disposto a sparlare alle nostre spalle, almeno a tratti, o meglio, quando più ti è convenuto.

Karin (Germania): sapete una cosa ragazzi? Mi ha sempre colpito come siete riusciti a prenderla con filosofia davanti a questo trattamento certamente non meritato . Ma adesso sembra che Hartmut si sia dato una regolata dopo essere stato apostrofato dal direttore per non avergliela raccontata giusta un paio di volte. Vai a capire come sia riuscito a scampare al licenziamento!

n. 168 – ESSERE INSOFFERENTI – 2 minuti con Italiano semplicemente

File audio

Trascrizione

Giuseppina: siete insofferenti al classico studio della grammatica ed agli esercizi? Bene allora siete sul posto giusto. Lo sono anch’io.

Anch’io lo sono da sempre Intendo insofferente. Sono insofferente allo studio della grammatica anch’io.

Questo però non significa che sono sofferente. Non è esattamente questo che intendo.

La sofferenza è un termine riservato alle sofferenze fisiche e psicologiche, dove c’è dolore o malessere in generale.

Il termine insofferenza invece si usa quando qualcosa non si riesce a sopportare. Quando una persona è insofferente a qualcosa non riesce a sopportare qualcosa, è incapace di sopportare e di adattarsi.

Si usa in questo modo, per indicare l’incapacità alla sopportazione, l’assenza di pazienza.

Ma chi è insofferente, soffre?

Beh direi di sì, talmente tanto che non riesce a sopportare questa sofferenza. Soffre al solo pensiero di questa cosa di cui è insofferente o verso cui è insofferente.

Vedete che mentre incapace è il contrario di capace, nell’insofferenza c’è della sofferenza ma non c’è pazienza, non c’è sopportazione.

Si dice anche: non riuscire a soffrire qualcosa o qualcuno. Equivale ad essere insofferenti a/verso qualcosa o qualcuno.

Giovanni è troppo antipatico, non riesco proprio a soffrirlo.

Quindi sono insofferente a Giovanni. Sono insofferente verso Giovanni.

C’è chi è insofferente ad essere controllato, c’è chi prova insofferenza verso le persone che parlano troppo. Ci sono partiti politici insofferenti alla democrazia, ma ci sono, fortunatamente, anche molte persone insofferenti verso di loro.

Bene, se non mi soffrite più, vi lascio ascoltare una frase di ripasso da un membro dell’associazione Italiano Semplicemente.

Cristine (Brasile 🇧🇷) e Camille (Libano 🇱🇧):

Questo capodanno sarà il migliore della mia vita. Me lo sento.

Però qualcosa non torna: non ho ancora deciso dove andare.

Dovrei spostarmi con la macchina ma non me la sento. Dovevo chiamare il mio amico, sennonché mi ha detto che si è ammalato e sta in ospedale.

Divertirsi dove quindi? A casa? Sembra un’ipotesi veramente peregrina, e dire che sono ancora convinto che sarà un capodanno con i fiocchi.

Vedremo!

– – –

Rauno (Finlandia 🇫🇮):

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!