539 Nutrito

Nutrito (audio)

Trascrizione

Giovanni: Un modo alternativo di dire “numeroso” è “nutrito“.

Sicuramente molti di voi stanno pensando al verbo nutrire e nutrirsi, che hanno a che fare con l’alimentazione. Nutrirsi significa nutrire sé stessi, cioè alimentarsi, ciò mangiare e bere. Il participio passato di questo verbo è proprio nutrito.

Mio figlio è stato nutrito.

Ho nutrito gli animali della fattoria

Oggi mi sono nutrito abbastanza

C’è da dire che il verbo nutrire si usa anche al di fuori dell’alimentazione. Si possono nutrire dubbi, speranze, amore, odio, rancore, gratitudine. In questo caso è simile a coltivare, come si fa con le piante, quindi ha sempre il senso di far crescere, simile a alimentare ancora una volta.

Ma il termine “nutrito” , nel senso di cui voglio parlare oggi è appunto quello di “numeroso” che poco ha a che fare con il verbo nutrire. Poco ma non niente comunque.

Infatti sicuramente, visto che esistono entrambi gli aggettivi, c’è sicuramente un motivo. Evidentemente qualche volta è opportuno usare l’uno e a volte l’altro.

Allora vediamo meglio.

L’aggettivo nutrito, innanzitutto, si usa praticamente solo al singolare perché qualifica un gruppo.

Invece “numeroso” diventa spesso numerosi o numerose, che è come dire molti e molte, tanti e tante, quando si parla di una quantità.

C’erano molte persone al mare oggi

C’erano numerose persone al mare oggi.

Le persone erano numerose.

Quanta persone c’erano? Numerose? Molte? Tante? Parecchie? Svariate?

Il termine nutrito non si usa in questo modo.

Non posso dire: “le persone erano nutrite” e neanche “c’erano nutrite persone”.

Infatti nutrito, sempre al singolare, precede sempre il termine gruppo o numero (di qualcosa), o un termine simile a gruppo e esiste anche al femminile.

Un nutrito gruppo di persone hanno manifestato davanti al parlamento italiano.

Un nutrito manipolo di rapinatori ha assaltato la banca

Un nutrito numero di genitori ha protestato oggi perché contrari alla didattica a distanza

Una nutrita rappresentanza di lavoratori ha manifestato contro il nuovo contratto di lavoro.

Nutrito e nutrita infatti non hanno solo il senso di numeroso, ma anche di notevole, fitto, intenso. C’è una intensità oltre che una numerosità.

Si usa solitamente parlando di persone.

Si usa in particolare per indicare che un gruppo di persone è abbastanza numeroso, e questa numerosità rappresenta la sua forza.

Ci sono in genere interessi coinvolti, e questo gruppo, considerata la sua numerosità, può diventare anche pericoloso, ma non necessariamente.

La cosa che conta è che il gruppo si riunisce per un motivo, legato all’ottenimento di un risultato.

A volte un nutrito gruppo può essere di 10 persone, altre volte di 1000, dipende dal motivo per cui si raggruppano.

Non si parla sempre di persone. A volte si usa semplicemente al posto di numeroso, sempre davanti a “numero” o “gruppo“, e simili.

Si usa quasi sempre per dire che questa numerosità è abbastanza elevata per rappresentare gli interessi di questo gruppo o per destare preoccupazione.

Un nutrito numero di cinghiali oggi ha invaso la piazza del paese.

Evidentemente erano parecchi cinghiali, che, visto il loro numero, facevano paura, rappresentavano un pericolo. Si poteva anche dire molti cinghiali, parecchi, tanti, svariati, numerosi cinghiali, un numero elevato, ma la numerosità non è l’unica cosa che conta in questa frase.

Più raramente, si usa anche solo per non ricorrere a termini come numeroso, numerosi, molti, tanti, che danno appunto solamente l’idea del numero elevato, senza aggiungere altro.

Se dico ad esempio:

Nel Friuli Venezia Giulia ci sono delle valli ricche di fauna: cervi, camosci, tassi, caprioli, che si sommano a un nutrito numero di uccelli tipici dei boschi.

Nutrito quindi è meno freddo come aggettivo, perché non contiene solo il concetto di numerosità.

Qui possiamo quindi ricollegarci al senso del verbo nutrire. Anche la nutrizione serve a dare forza, a vivere o a sopravvivere.

Ecco allora che un nutrito gruppo di persone, sebbene non indichi delle persone che sono state nutrite, alimentate, ugualmente ci dà l’idea di un gruppo che ha una certa importanza, forza, dati dalla numerosità del gruppo.

D’altronde, cone afferma un famoso proverbio, l’unione fa la forza!

Adesso ripassiamo qualche episodio precedente:

Bogusia:

Siamo un nutrito gruppo di amanti della lingua e cultura italiana, su questo non ci piove. E al contempo, viviamo agli antipodi.
Questo non vi fa un po’ strano? Di volta in volta ci incontriamo per fare una chiacchierata grazie ai dispositivi elettronici e a zoom, laddove possiamo parlare a braccio, esercitandocidi buona lena, destreggiandoci nel parlare e facendo progressi che non vi dico. Con noi c’è sempre il nostro professore indefesso, nonché presidente dell’associazione IS, che all’uopo ci dà manforte ritagliandosi del tempo per noi. E ci sa fare, eccome! Vorrei togliermi lo sfizio per esaltare i bei tempi che viviamo per imparare le lingue straniere. Ed avere agganci per aderire al nostro gruppo, non ce n’è bisogno. Non penso che vi sia qualcuno di diverso avviso e ho sentore che io sfondi una porta aperta con voi .