623 Essere da meno

Essere da meno (scarica audio)

Trascrizione

Giovanni: nell’ultimo episodio ci siamo occupati di un argomento interessante (abbiamo visto l’espressione essere soliti) ma oggi non voglio essere da meno.

Questa locuzione: “essere da meno” si può usare quando si fa un confronto.

Non essere da meno di qualcuno, significa non essergli inferiore. Solitamente si utilizza con due persone diverse:

Non sono da meno di lui

Non sei da meno di tuo fratello

Non voglio essere da meno del mio collega

Non voglio essere da meno rispetto a ieri

Ecc.

Si usa quindi nei confronti, nei paragoni, generalmente quando è coinvolto l’orgoglio, o la dignità, la propria fierezza, il proprio onore o il prestigio.

In generale potremmo dire che è coinvolto il valore di qualcuno.

Lui è riuscito a laurearsi in soli 4 anni? Io non voglio sicuramente essere da meno! Ce la farò anch’io.

Vedete che spesso c’è coinvolto l’orgoglio e anche il valore di una persona, la voglia di non fare una brutta figura.

Anche io, come lui, voglio laurearmi in 4 anni. Non voglio fare peggio di lui, non voglio essere da meno di lui, poiché non valgo meno di lui.

Si usa quasi sempre con la negazione:

Non possiamo essere da meno degli italiani. Alle prossime olimpiadi dobbiamo vincere noi la gara dei 100 metri. Essere da meno sarebbe un disonore.

Si usa spesso anche “per non essere da meno“, per evidenziare il comportamento di una persona che fa qualcosa per non apparire “meno” importante di un’altra. Si usa però anche in senso ironico:

Es:

Gli americani hanno detto che andranno sul pianeta Marte entro il 2050. I russi, per non essere da meno, hanno detto che loro ci andranno entro il 2040.

forma ironica: Nella partita Roma-Juventus, il portiere della Roma ha fatto una papera sul gol della Juventus. Poi però, per non essere da meno, anche il portiere della Juventus si è fatto fare un gol da principiante.

L’espressione di oggi si usa in tutti i tempi e non solo con le persone. Inoltre con senso simile si può usare anche con verbi diversi da essere, tipo “sentirsi da meno” e “mostrarsi da meno” o “sembrare da meno”:

Il 2018 fu una annata eccezionale per i vini italiani e il 2019 non fu da meno.

Il nuovo iPhone non sarà certamente da meno dell’ultimo.

Non devi sforzarti a dire qualcosa come se fossi da meno se non lo fai.

Non devi sentirti da meno di lui

Mio fratello era bellissimo e io per non sembrare da meno, mi truccavo!

Bravissima l’atleta statunitense nel salto in alto, ma adesso non vorrà mostrarsi da meno l’atleta italiana.

Ultimamente abbiamo fatto bei ripassi e oggi non vogliamo essere da meno.

Allora ascoltiamo cosa hanno da dirci alcuni membri dell’associazione Italiano Semplicemente

Ripasso a cura dei membri dell’associazione Italiano Semplicemente

Anthony: Chi l’ha detto che una poesia debba essere lunga per essere bella? Tant’è vero che Il poeta Giuseppe Ungaretti, parlando dei soldati che muoiono in battaglia ne ha scritta una bellissima intitolata “Soldati” dedicata alla scelleratezza della guerra:

Si sta come
d’autunno
sugli alberi
le foglie

Mary: in pratica vorrebbe dire che per i soldati morire è solo una questione di tempo. Via via il vento della guerra se li porta via tutti.

Edita: la questione però interessa l’essere umano in generale. Tutti siamo vittime dello scorrere del tempo, proprio come i soldati in guerra. Prima o poi ci troveremo tutti a tu per tu con la morte. Che allegria eh?

Khaled: brava, L’allegria. Proprio questo è il titolo della raccolta in cui si trova questa breve poesia. È questa la sensazione che si prova nel farcela, quando si scampa alla guerra.

Irina: le guerre sono tutte infami, fermo restando che bisogna fare tesoro dei loro insegnamenti, che sembrano a volte insostituibili. Vorrei allora concludere con un messaggio di speranza citando una frase di Gibran:

Per arrivare all’alba non c’è altra via che la notte.

Marcelo: vorresti dire che la guerra è inevitabile ? Di primo acchitto direi che sono di diverso avviso, ma urge una riflessione profonda su questo. Ognuno può farla sulla scorta delle proprie esperienze e della propria sensibilità.

n. 149 – UNA RIPICCA – 2 minuti con Italiano semplicemente

File audio

Audiolibro COPERTINA.jpg

Trascrizione

Giuseppina: episodio n. 149 della rubrica “due minuti con Italiano Semplicemente“, per tutti gli stranieri che sono desiderosi di aumentare il loro vocabolario.

Oggi vediamo insieme la parola “ripicca” con due c. La ripicca, una ripicca, ripicche al plurale.

Si tratta di un dispetto, di uno sgarbo fatto da una persona ad un’altra.

Molto comune nel linguaggio colloquiale, quello di tutti i giorni, ma non è dialettale. E’ molto comune perché è legato agli atteggiamenti delle persone, che quando agiscono, quando si comportano in un certo modo possono farlo “per ripicca“.

Ma cosa significa?

Sapete che le persone spesso agiscono mossi dall’orgoglio, o magari sono semplicemente arrabbiate con qualcuno, spesso per questini di poca importanza.

Allora in queste circostanze, una persona potrebbe credere di aver ricevuto un torto, e in questi casi, parecchie persone possono agire per ripicca.

Questo accade quando il loro comportamento è una reazione al torto che credono di aver subito, e non per altri motivi: non perché è normale comportarsi in quel modo, perché è razionale, non perché hanno un carattere particolare e agiscono sempre allo stesso modo, non perché sono pazzi, non perché non hanno capito bene o per qualsiasi altra ragione, ma solo per ripicca: sono arrabbiati, e agendo per ripicca, in qualche modo si sfogano, vogliono dimostrare che hanno subito un torto, non sono d’accordo con una decisione presa, oppure agiscono per ripicca perché sono molto orgogliosi, o perché se la prendono, si offendono facilmente e non sanno nascondere la loro delusione e la loro arrabbiatura. Spesso si tratta di persone impulsive.

Non è positivo fare qualcosa semplicemente per ripicca, perché potrebbe essere illogico, e si rischia di non fare neanche i propri interessi per via del nostro orgoglio che prende il sopravvento sulla razionalità.

Perché oggi non parli?  La tua è solo una ripicca, ammettilo! Smettila di fare il bambino!

Per ripicca” equivale a “per dispetto“, ma un dispetto dovuto ad un presumibile torto subito. Come avrete immaginato, fare una ripicca o agire per ripicca spesso è giudicata come una cosa infantile.

Dai, non essere così esagerato, non puoi non invitare Giovanna al nostro matrimonio solo per ripicca. E’ una nostra amica da sempre!

Il vigile fa una multa a Marco che poi per ripicca danneggia l’auto dello stesso vigile!

Un ragazzo, lasciato dalla fidanzata, per ripicca ha pubblicato le loro foto intime su Instagram!

Ora ascoltiamo una frase di ripasso delle espressioni precedenti.

Giovanni: sì, grazie mamma, ascoltiamo una frase di ripasso da uno dei membri dell’associazione. Chi si offre? Nessun volontario?

Sofie (Belgio): Mi sa che non ci accalchiamo per fare una frase di ripasso. Infatti, spesso bisogna che Giovanni torni alla carica e ci incalzi di richieste. Ogni 2 per 3 ci vediamo costretti a dare seguito alle sue domande, e la sua tenacia non ci fa sballare ma fatto sta che ci impressiona! Che vuoi, è un professore molto indefesso, ma, Ahimè, sento già una voce che dice: “Non ti ci facevo ma adesso fai proprio la ruffiana!” E allora io posso rispondere: vuoi che non lo sappia?

Giovanni: grazie Sofie. Hai utilizzato ben 14 espressioni, e io sinceramente ti ci facevo, perché no!

149_ripicca_immagine

Donazione personale per italiano semplicemente

Se vuoi e se puoi, aiuta Italiano Semplicemente con una donazione personale. Per il sito significa vita, per te significa istruzione.

€10,00