531 Si mette bene o male?

Si mette bene o male? (audio)

Trascrizione

Giovanni: ricordate quando abbiamo parlato di “Mettiamo che” , oppure “metti che”? abbiamo detto che questo è un modo informale per fare un’ipotesi. Era l’episodio 395 di questa rubrica.

Sarebbe bello se il verbo mettere non avesse altri strani utilizzi, ma dovete purtroppo rassegnarvi.

In particolare oggi vorrei parlarvi di un’espressione interessante:

Si mette male

Oppure:

Si mette bene

In queste espressioni si usa il verbo mettere per descrivere il cambiamento di una situazione.

Quando una situazione si mette bene, significa che inizia a seguire un certo andamento giudicato positivo rispetto a prima.

È molto simile al verbo “volgere” che tuttavia ha un uso meno colloquiale ma sicuramente più adatto in situazioni più formali.

Quando una situazione si sta trasformando in senso positivo possiamo quindi dire che si mette bene, o che si sta mettendo bene. Al contrario invece se diciamo che si mette male.

Si usa spessissimo in ogni situazione:

La partita era iniziata malissimo ma si è messa proprio bene nel secondo tempo.

Allora questa partita ora, nel secondo tempo ha assunto un andamento positivo, promettente, e sembra avviata verso un risultato positivo.

Guarda che brutto tempo! Si mette male credo!

Aspettiamo un po’ e vediamo come si mette, poi decidiamo se andare o meno al mare

Ammettiamo adesso di progettare una rapina in banca. Io allora dico al mio complice:

Andiamo a rapinare la banca. Io entro e faccio alzare a tutti le Mani. Poi entri tu e svuoti la cassaforte. Va bene? Se inizia a mettersi male scappiamo!

Questo vuol dire che se qualcosa va male, se accade qualcosa di imprevisto che rovina il nostro piano, dobbiamo scappare.

Si può usare anche con altri tempi ovviamente:

Ieri ho avuto un sacco di problemi ma alla fine la giornata si è messa bene.

Se la situazione si metterà bene sarò più tranquillo.

All’inizio persi molti soldi giocando a carte, ma poi la serata si mise bene e iniziai a vincere.

Andava tutto bene con lei ma dopo il mio tradimento si è messa assai male per me.

Spesso queste espressioni vogliono indicare la fortuna o la sfortuna che interviene e cambia le cose, altre volte invece semplicemente la conseguenza di un evento qualsiasi che genera un cambiamento in meglio o in peggio rispetto a prima.

Infatti allo stesso modo si usa anche mettersi meglio/peggio. Comunque ciò che conta è che si sta trasmettendo una sensazione, un segnale di cambiamento quando ancora l’esito, il risultato finale, non è però determinato.

Adesso facciamo un breve ripasso delle puntate precedenti:

Carmen:

Oggi mi è andata bene. Infatti stamani mi sono imbattuto in Ezio, Il rappresentante dell’azienda joyveicoli. Mi ha proposto una moto di seconda mano, molto
a buon mercato. Ebbene, ho colto la palla al balzo e,
senza remore mi sono tolto lo sfizio di acquistarla. Abbiamo firmato il contratto e la consegna avverrà immagino a stretto giro. Poi faremo una capatina insieme al lago di Bolsena, ci stai?

Irina:

Eccome se ci sto! Sai che mi colpisci sempre! Non ti ci facevo stavolta.

Carmen:

Mannaggia… Ezio mi ha appena risposto picche. dicendomi che la moto è già stato venduta ad un altro cliente.

Irina:

Ma come sarebbe a dire?
Non riesco a capacitarmene. Si dà il caso che il contratto sia stato firmato da entrambe le parti. Sbaglio?

Carmen:

Si, vero, però Ezio ha omesso di dire che lui agiva solo per conto dell’azienda, e non anche a suo nome, ergo, il contratto sarebbe stato valido solo previo beneplacito dell’azienda per cui lavora.
Gliela farò pagare. gli farò causa per questo tiro mancino.

Irina:

Accidenti. Ma che vuoi farci? Se avesse preteso di agire in nome dell’azienda, ma così non è, non ti potrei dar torto. Ma perché non ti sei senza sincerato prima di firmare l’accordo, e farti illusioni?

Carmen:

Eh .. del senno di poi son piene le fosse!