Le specialità italiane: le coppiette

Audio

scarica il file audio in formato mp3

Trascrizione

Giovanni: buonasera a tutti, o buongiorno, bentornati con italianosemplicemente.com e con Giovanni, il sottoscritto, chi vi parla in questo momento e anche da parte di mia madre Giuseppina, che ascolterete tra poco.

20190112_150320.jpg

Se dico Giuseppina avete già capito che questo è un episodio dedicato alle specialità culinarie italiane. Ebbene si! Stavolta parliamo di coppiette.

Ma cosa sono le Coppiette? Lasciamo che ce ne parli mia madre.

Giuseppina: Le coppiette sono un antipasto, certamente non romantico ma di sicuro molto appetitoso.

Cosa saranno mai?

Si tratta di striscioline di carne magra, larghe circa 3 cm e lunghe circa 10, originalmente solo di cavallo, ma in seguito anche bovina o suina, salata, pepata e aromatizzata.

Da noi, nel viterbese, vengono preparare con i fiori di finocchio selvatico e legate due a due, ecco perché si chiamano coppiette, con un pezzettino di spago e sono messe ad asciugare appese in un luogo freddo e arioso o sotto il camino.

Si conservano per mesi e questo, negli anni passati, faceva si che fossero cibo dei pastori durante i periodi estivi sui pascoli in montagna.

Questo una volta, perché adesso per noi che abbiamo vite diverse, per fortuna, sono semplicemente uno snack carnivoro buono e nutriente, con cui è gradevole gustare una birra o un buon bicchiere di vino. Provatele, sono piccantine e buonissime.

Giovanni: la parola coppietta ora è più chiara dunque: parliamo di carne essiccata, cioè privata dell’acqua attraverso un processo naturale: si lascia asciugare in un luogo. In questo modo la carne si secca ed assume l’aspetto particolare oltre che quella durezza fibrosa al morso.

Ma forse qualcuno di voi saprà che con questa parola “coppietta” viene indicata anche una coppia di fidanzati, di innamorati dunque. In senso affettuoso quindi la coppietta è una coppia di fidanzati, generalmente giovane. Più in generale una coppietta è costituita da due unità considerate come una cosa sola. È quello che avviene anche con le coppiette di carne essiccata.
Mia madre vi ha parlato della preparazione delle coppiette nel viterbese, la sua zona, quella in cui anche io sono cresciuto.

Il viterbese è l’area del territorio della provincia di Viterbo, una delle città della regione Lazio.

Viterbese quindi vuol dire “di Viterbo” e questo è sia un aggettivo sia un sostantivo. Il viterbese, come sostantivo, può quindi indicare sia un abitante di Viterbo, la città laziale, sia lo stesso territorio, come lo ha utilizzato mia madre.

viterbese_immagine.jpg

Questo si fa con un po’ tutte le città italiane. Esiste quindi il bellunese per la città di Belluno, come esiste anche il palermitano per la città di Palermo, solo per fare due esempi.

Spero riusciate prima o poi ad assaggiare questa specialità laziale, piccante e salata al punto giusto per via del sale e del peperoncino, preparatevi a bere molto quando mangiate le coppiette.

Un saluto dal Lazio.

Le specialità italiane: l’olio extravergine d’oliva del Lazio

Audio

scarica il file audio in formato mp3

audiolibro di italiano semplicemente

Trascrizione

Giovanni: Buongiorno amici di Italianosemplicemente.com. Io sono Giovanni, il creatore di italiano semplicemente, il sito web per migliorare il proprio italiano ed imparare un po’ della cultura italiana. È anche questo l’obiettivo della rubrica “le specialità italiane” curata da mia madre Giuseppina.

Imparare l’italiano e conoscere l’Italia e le sue specialità. Oggi tocca all’olio extravergine di oliva della regione Lazio.

Ce ne parla appunto mia madre, Giuseppina, che abita come me nel Lazio, una regione del centritalia. A te la parola mamma.

Giuseppina: vi parlo dell’olio doliva delle nostre colline, quelle del Lazio, dove vivo io.

L’olivicoltura, nella nostra area, risale al tempo degli Etruschi che hanno raffigurato scene relative alla raccolta delle olive, sui vasi e sugli affreschi delle tombe; ma l’antichità di questa tradizione è testimoniata anche dalla presenza di piante secolari di dimensioni maestose, che caratterizzano le dolci colline di questa zona.

L’olio, denso e profumato, che si ricava dalle olive, è ormai ritenuto universalmente alimento fondamentale della dieta Mediterranea.Esso è particolarmente

Esso è particolarmente ricco di vitamina E, polifenoli ed antiossidanti. Grazie alla sua alta digeribilità è particolarmente adatto per insaporire e valorizzare le pietanze più diverse, che siano a base di carne, pesce, zuppe o semplici verdure.

A me piace tantissimo crudo, come unico condimento di verdure cotte o crude o semplicemente sul pane.Provate, vedrete non c’è niente di più buono.

Provate, vedrete non c’è niente di più buono.

Giovanni: bene grazie mamma. Giuseppina ci ha parlato dell’olivicoltura, una sola parola che significa semplicemente la coltivazione della pianta dell’olivo, la pianta che ha anche il nome di ulivo, con la u.

È un albero da frutto il cui frutto sono le olive. Gli olivi o ulivi vengono coltivati negli oliveti.
Un oliveto (o uliveto) è pertanto un terreno piantato a olivi, ma potete chiamare così anche l’insieme degli olivi che vi sono piantati.

Ci sarebbe molto da dire sulle olive e sull’olio extravergine d’oliva, oggi mia madre vi ha proposto un suggerimento, quello di mangiarlo crudo sul pane. Questo però è consigliabile farlo solamente con l’olio extravergine d’oliva (spesso chiamato olio Evo nelle ricette) e non con olio d’oliva.

Qiello extravergine è il più pregiato. Meglio ancora se è fresco.
Le piante secolari sono le piante, cioè gli alberi che hanno uno o più secoli, cioè almeno 100 anni di vita. Gli ulivi secolari sanno esprimere il miglior olio possibile.

La Dieta mediterranea infine è un modo di alimentarsi, rappresenta uno stile di alimentazione, un regime alimentare famoso in tutto il mondo. Diffusa siorattutto nell’Italia centro meridionale.

Semplice fare la dieta mediterranea, se si hanno gli alimenti per farla: ogni giorno cinque porzioni di frutta o verdura, molta acqua (un paio di litri). Carne e pesce bisogna consumarne in musira moderata, preferendo la carne bianca alla rossa. La stessa cosa vale per le uova, i legumi, latticini, vino e dolci.

Riguardo ai grassi, l’olio extravergine è alla base della dieta mediterranea, ma non occorre esagerare. Neanche a dirlo, niente cibo spazzatura. Un saluto da Roma.

Continuate a seguire italiano semplicemente.

Donazione personale per italiano semplicemente

Se hai gradito questo episodio puoi aiutare Italiano Semplicemente con una donazione personale. Le donazioni sono utilizzate solamente per sviluppare il sito ed aiutare un maggior numero di persone nell’apprendimento dell’Italiano. Grazie. Giovanni

€10,00

Le specialità italiane: il radicchio rosso.

Audio

scarica il file audio in formato mp3 

Trascrizione

Giovanni: bentornati a tutti su italianosemplicemente.com, il sito per migliorare il proprio italiano. Io sono Giovanni ed oggi, per la nostra rubrica “le specialità italiane” ci occupiamo di… ve lo lascia spiegare da mia madre, che si chiama Giuseppina. Poi vi spiegherò qualche termine che potrebbe risultare difficile per qualche straniero.

Giuseppina: Oggi parliamo del radicchio rosso, un eccellente prodotto ortofrutticolo del nord Italia, una specialità con Indicazione geografica protetta.

Il radicchio è una varietà di cicoria caratterizzato da un colore rosso scuro intenso, con striature bianche, ha una consistenza croccante e un inconfondibile gusto delicatamente amarognolo.
Se volete, con un radicchio ed una arancia, prepariamo una deliziosa insalata, ricchissima di vitamine e Sali minerali che ci aiuteranno in queste giornate fredde .
Basta sfogliare, lavare e tagliare a pezzettini il radicchio rosso, sbucciare una bella arancia e farla a fettine.
Ora li mettiamo in un piatto e condiamo con sale ed abbondante olio extra vergine di oliva delle nostre colline, è pronta.
Domani vi racconto qualcosa sul nostro olio.
Giovanni: allora, grazie mamma. Mia madre vi ha parlato di un prodotto ortofrutticolo del nord Italia, una specialità con Indicazione geografica protetta.

Un prodotto “ortofrutticolo” – una sola parola – che viene dalle due parole orto e frutta.

Orto, nella lingua italiana, deriva dal latino, significa giardino, ma si tratta in particolare di un piccolo appezzamento di terreno recintato, un piccolo pezzo di terra – si dice anche così – in genere è adiacente alla casa, ciò vicino, attaccato alla propria abitazione, nel quale si coltivano piante da frutto e ortaggi, tra cui può esserci il radicchio rosso anche, ma anche semplice insalata, carote, patate eccetera. Quindi un prodotto ortofrutticolo è un prodotto che viene coltivato e quindi riguarda gli ortaggi e la frutta dal punto di vista della produzione e del commercio.
Indicazione geografica protetta invece indica che quel prodotto è un prodotto speciale.

Quando si fa la spesa al supermercato, possiamo vedere che su molti prodotti agroalimentari e quindi anche ortofrutticoli, ci sono delle scritte, delle etichette, dei marchi, come ad esempio IGP, oppure anche il marchio DOP o STG.

IGP, la prima delle tre sigle, significa proprio indicazione geografica protetta e significa che quel prodotto è un prodotto tipico di uno specifico territorio italiano: una specialità di un territorio italiano.

I prodotti che hanno una sigla indicazione geografica protetta sono quindi tipici, originari di una determinata area geografica e che, per questo motivo, sono più protetti degli altri prodotti ed hanno una maggiore qualità ed una maggior reputazione. Il marchio Igp è indice di qualità.

Di conseguenza sono prodotti anche tutelati giuridicamente.

Proprio come il radicchio rosso, dal gusto un po’ amaro, cioè amarognolo, che ha delle striature bianche, cioè delle strisce, delle righe, delle linee bianche. Se vi capita mangiatelo non solo perché è buonissimo ma anche perché ha notevoli proprietà antiossidanti ed è anche molto utile alle persone in sovrappeso, per combattere la stitichezza e la cattiva digestione.

Grazie per l’ascolto a tutti.

 

Donazione personale per italiano semplicemente

Se hai gradito questo episodio puoi aiutare Italiano Semplicemente con una donazione personale. Le donazioni sono utilizzate solamente per sviluppare il sito ed aiutare un maggior numero di persone nell’apprendimento dell’Italiano. Grazie. Giovanni

€10,00

Le specialità italiane: le salsicce. A cura di Giuseppina

Audio

Trascrizione

Giovanni: buongiorno amici di italiano Semplicemente. Inizia oggi una nuova rubrica, disponibile per tutti i visitatori di Italiano Semplicemente.

La rubrica è curata interamente da mia madre, Giuseppina, che vi parlerà delle specialità culinarie italiane. Tra le nostre specialità, mia madre ha deciso di iniziare dalle salcicce (o salsicce, più corretto). Parliamo di carne dunque. A te la parola mamma:

Giuseppina: Le nostre specialità. Un pochino per volta voglio farvi conoscere le nostre specialità alimentari, prodotti diversi in ogni regione e stagione che fanno parte della nostra cultura. Fa freddo, dunque iniziamo con le salsicce?

Nelle nostre campagne si allevano ancora maiali per uso famigliare e non appena viene l’inverno, purtroppo per loro, vengono abbattuti e le loro carni, trasformate in prodotti meravigliosi. Uno di questi, sono le salsicce.

salsicce.jpg
Un bel camino acceso, una griglia e non serve altro, pochi minuti e una pietanza
ottima è pronta.
Per le persone che non amano mangiare per ragioni religiose questo cibo, prometto che rimedierò con la specialità di domani.

fuoco_salsicce.jpg

Giovanni: bene, grazie della veloce spiegazione.

Giuseppina ci ha parlato delle salcicce, un prodotto ottenuto dalla carne del maiale.

La parola salsicce è il plurale di salsiccia. Molti preferiscono scrivere salsiccie, con la i, ma si tratta di un errore. A voce non ve ne accorgete però. Infatti le parole che terminano con CIA a volte è problematico scriverle al plurale. La soluzione sta nel guardare cosa c’è immediatamente prima di CIA. C’è una vocale? allora la seconda “i” di salsiccia rimane anche nel plurale, se invece c’è una consonante quella “i” se ne va:

Salsiccia – Salsicce

Robaccia – robacce

Pancia – pance 

Invece

camicia – camicie (con la i)

fiducia – fiducie

Socia – socie

Molto breve come episodio dunque, ma saranno tutti così questi episodi della rubrica “le specialità italiane“: veloci e snelli, da ascoltare quando si ha tempo ma non quando si ha fame… potrebbe essere controproducente…:-)  allora aspettiamo domani la prossima specialità italiana. Un saluto.

Donazione personale per italiano semplicemente

Se hai gradito questo episodio puoi aiutare Italiano Semplicemente con una donazione personale. Le donazioni sono utilizzate solamente per sviluppare il sito ed aiutare un maggior numero di persone nell’apprendimento dell’Italiano. Grazie. Giovanni

€10,00