Italiano Professionale – lezione 27: Spiegare un problema

Rappresentazione di un problema complicato. Photo by David Waschbu00fcsch on Pexels.com

File audio e trascrizione completa disponibile per i membri dell’associazione Italiano Semplicemente dell’associazione Italiano Semplicemente (ENTRA)

Se non sei membro ma ami la lingua italiana puoi registrarti qui.

Descrizione della lezione

La lezione n. 27 del corso di Italiano professionale è dedicata ai problemi, un argomento di cui si parla sempre al lavoro. Ogni forma di impiego richiede la risoluzione di problemi.

Abbiamo dedicato alcune belle lezioni nella prima sezione del corso, se ricordate, la sezione dedicata alle espressioni idiomatiche. Si è parlato di scontri e confronti (problemi relazionali) e anche dei problemi economici.

Vediamo insieme come introdurre un problema e i vari modi che esistono per spiegarlo nel dettaglio.

La lezione fa parte della sezione terza del corso di Italiano Professionale, dedicata alle riunioni e agli incontri.

Vediamo anche i maggiori verbi che si usano: spiegare, risolvere, dettagliare, dipanare, esporre dirimere e tanti altri.

Durata file audio: 15 minuti

226 – RENDERE CONTO A

Audio

Trascrizione

Nello scorso episodio abbiamo visto rendersi conto, rivolto a sé stessi: io mi rendo conto, tu ti rendi conto eccetera.

Ma possiamo non solo rendere conto a noi stessi, ma anche ad altre persone. Il significato cambia completamente.

Io rendo conto a te

Tu rendi conto a tua madre

Mio fratello deve rendere conto al suo capo

Eccetera.

Quindi: rendere conto a qualcuno.

Cosa significa? Significa dare delle spiegazioni a qualcuno riguardo a qualcosa.

Ma non si tratta di spiegazioni tipo delle lezioni, come può fare un insegnante. Si tratta di spiegare ciò che si è fatto, di descrivere l’attività svolta. Non si tratta di lezioni.

Ma perché dobbiamo spiegare a una persona ciò che abbiamo fatto?

Beh ad esempio perché siamo pagati e dobbiamo giustificare il nostro lavoro.

Ognuno di noi, se ha un lavoro, e se ha un capo, un dirigente, un direttore, deve rendere conto a questa persona.

Ognuno di noi in questi casi ha qualcuno a cui rendere conto delle proprie attività.

Quando si rende conto a qualcuno di qualcosa, si spiega, si riporta a questa persona, ciò che si è fatto perché si aveva un obbligo in questo senso.

Io rendo conto al mio capo delle mie attività.

Cioè io spiego al mio capo ciò che ho fatto, perché è questo il suo compito, è suala responsabilità del mio lavoro, lui a sua volta dovrà rendere conto a qualcun altro delle attività del suo ufficio.

È un’espressione che si usa per indicare il fatto che non si può fare come si vuole quando c’è qualcuno che ha la responsabilità delle nostre attività.

Se invece si ha piena libertà possiamo orgogliosamente dire:

Io non devo rendere conto nessuno!

Attenzione alla forma.

Io rendo conto a te di qualcosa

Si usano le preposizioni “a” per indicare la persona, e anche “di” se si specifica l’attività.

Non posso dire però:

“Io devo renderti conto”, ma “io devo rendere conto a te”.

In teoria sarebbero entrambe forme corrette, ma nella pratica si usa sempre “rendere conto a” per non confondere l’espressione con “rendersi conto” del passato episodio.

Va bene, avremo modo di usare questa espressione spesso nei prossimi episodi nelle frasi di ripasso.

Ripassiamo ora qualcuna delle espressioni precedenti:

Ulrike (Germania): Quando mi sono vista costretta a cancellare il mio solito viaggio di Pasqua in Umbria (😪), in Germania i responsabili sembravano ancora restii a prendere decisioni per combattere seriamente contro la divulgazione del corona virus. Presto hanno dovuto rendersi conto però che i bollettini giornalieri indicavano di giorno in giorno un crescendo di nuovi infezioni. Finalmente hanno reagito ed io ho sentore che prestissimo dovremo sottostare a tutte le misure proprio in conformità con le regole italiane. Saranno benaccette da parte mia.

.- – –

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!