Episodi 101-200: disponibile il kindle su Amazon (+MP3)

È finalmente online il secondo audio-libro con gli episodi 101-200 in versione Kindle.

Nel kindle trovate il link con la cartella dove scaricare tutti i 100 file audio in formato mp3.

Durata complessiva: circa 500 minuti.

Italia 🇮🇹

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/it/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

STATI UNITI

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/us/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

UK 🇬🇧

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/uk/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Germania 🇩🇪

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/de/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Francia 🇫🇷

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/fr/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Spagna 🇪🇸

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/es/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Olanda 🇳🇱

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/nl/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Giappone 🇯🇵

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/jp/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Brasile 🇧🇷

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/br/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Canada 🇨🇦

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/ca/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Messico 🇲🇽

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/mx/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Austria 🇦🇹

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/au/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

INDIA 🇮🇳

https://kdp.amazon.com/amazon-dp-action/in/dualbookshelf.marketplacelink/B084RVC8PC

Annunci

200 – QUALE – 2 minuti con Italiano semplicemente

Audio

Emanuele: due minuti con italiano semplicemente, episodio 200.

Giovanni: avete mai riflettuto sull’aggettivo o sul pronome “quale”?

Normalmente (quasi sempre) si usa per fare delle domande o quando si hanno dei dubbi:

Qual è la ragazza più bella del mondo?

Quale film ha vinto l’oscar quest’anno?

Eccetera.

In realtà si usa in molti altri modi (tale e quale, il quale, la quale, eccetera).

Oggi vorrei farvi concentrare su un modo particolare che probabilmente voi stranieri non conoscete ma che rende la frase più elegante e più convincente se state esprimendo un’opinione. Si tratta di esprimere un concetto particolare.

Mi riferisco infatti alle frasi non interrogative, ma quelle affermative, quando si vuole spiegare la funzione, l’incarico, il ruolo di una persona che giustifica un’azione. Quindi l’obiettivo è sottolineare un aspetto importante.

In questi casi “quale” è simile a “come”. Ma usare “quale” (o quali) ci aiuta a raggiungere l’obiettivo.

Vi faccio alcuni esempi:

Vorrei il tuo aiuto, quale massimo esperto in questa materia.

Mi rivolgo a te quale mio dirigente

Tu, attento quale sei, avrai sicuramente capito.

Forse tutti voi, quali miei affezionati ascoltatori, siete interessati a questo utilizzo di “quale”.

In questi casi è come dire: “in qualità di”, cioè “poiché hai questa qualità”, o anche “come”.

È come dire:

Vorrei il tuo aiuto, in quanto sei il massimo esperto in questa materia.

Mi rivolgo a te poiché sei il mio dirigente.

Tu, attento come sei, avrai sicuramente capito.

Forse tutti voi, poiché siete miei affezionati ascoltatori, siete interessati a questo utilizzo di “quale”.

Se invece la mia enfasi non si riferisce a qualità personali, ma a cose accadute e alla loro importanza, posso usare “quale” al posto di “che”.

Questo d’altronde accade anche in molte frasi interrogative (es: che/quale film vuoi vedere?).

Ad esempio:

È crollato il ponte! Quale tragedia! Quale disgrazia!

Bravo, quale figura hai fatto oggi, complimenti!

Complimenti, quale lezione hai dato al tuo amico strafottente!

Hai avuto una reazione quale non avrei mai immaginato!

In questo senso abbiamo già visto l’espressione “qual buon vento” nell’episodio 125.

In tutti questi casi si può usare “quale” per sottolineare una caratteristica, ad esempio la grandezza, la bellezza, qualunque cosa che vogliamo porre in risalto come unica, degna di apprezzamento o degna di nota comunque.

Ora, quale presidente dell’associazione italiano semplicemente, ho chiesto ad uno dei membri di realizzare una frase di ripasso, e Bogusia, quale membro e gentile qual è, mi ha subito accontentato.

Bogusia (Polonia): L’Italia e il gelato sono un binomio inscindibile. Vero? Può darsi che se siete stati a Firenze non siate riusciti a tenere a bada la voglia di gustarvi un bel gelato.
Forse una volta davanti alla gelateria vi ha colto alla sprovvista un gusto di nome Buontalenti?
Forse vi sentivate un’anima in pena, scervellandovi su che tipo di gusto fosse? Si dà il caso che il gusto Buontalenti, il gelato cremoso e vellutato sia stato inventato da un famoso fiorentino del ‘500: Bernardo Buontalenti. La vita di Buontalenti, era strana e al contempo molto creativa. Fortuna ha voluto che dopo una disastrosa frana in cui ha perso la vita l’intera sua famiglia, e stato adottato dai Medici.
È diventato un allievo del Vasari, tra l’altro.
E sulla falsariga di grandi artisti di allora, anche lui è diventato un famoso architetto, pittore e scenografo degli allestimenti delle feste dei Medici.
Neanche in ambito gastronomico era sguarnito di talenti e così è diventato l’uomo che ha fatto esordire il gelato nelle gelaterie proprio come lo vediamo oggi, con il suo aspetto cremoso e vellutato

.- – –

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

COPERTINA frasi idiomnatiche 2

199 – IL CHE – 2 minuti con Italiano semplicemente

Audio

Ciao ragazzi, oggi vorrei spendere solo due minuti su una nuova espressione italiana, due soli minuti, il che non significa che sia poco importante.

Infatti “il che” si usa moltissimo nella lingua italiana. “Il che”: questo è l’oggetto dei due minuti di oggi.

Spesso si sente dire infatti: il che significa, il che vuol dire, il che non esclude, il che in fondo, il che potrebbe, il che è positivo, il che è negativo, il che direi che … eccetera.

Si usa moltissimo dunque. Vediamo perché.

Le forme più usate sono probabilmente: “il che significa” e “il che vuol dire”, che nella maggioranza dei casi non si usano per dare delle semplici spiegazioni ma per esprimere conseguenze, per indicare qualcosa che ne consegue. In questi casi un modo alternativo e più formale a “il che significa” è “ne consegue“.

L’articolo “il” si riferisce alla cosa di cui si sta parlando, all’argomento di cui si discute.

Ad esempio se dico:

La parola cazzabubbolo, cosa significa? E’ un aggettivo che indica che un uomo è sciocco e presuntuoso. Quindi cazzabubbolo significa uomo sciocco e presuntuoso.

Non posso rispondere: “il che significa sciocco e presuntuoso” perché se uso “il che significa” devo esprimere una conseguenza, e non dare il significato.

Allora posso dire: significa sciocco e presuntuoso, il che significa che non si tratta di un complimento ma di un insulto.

La stessa cosa vale per “il che vuol dire“. Ad ogni modo “questo significa” è una frase alternativa con lo stesso senso.

Io sono nato nel 1971, il che significa che nel 2020 compio 49 anni.

Tu sei nata nel 1970, ne consegue che nel 2020 compi 50 anni.

Vedete che la seconda parte della frase è una conseguenze che deriva dalla prima parte della frase.

Spesso siamo al limite tra una spiegazione e una conseguenza, ma continuiamo ad usare “il che” perché diamo una spiegazione senza che ci sia una domanda:

Per il morbillo, molto contagioso, il numero riproduttivo basale è 18. Il che significa che ogni persona ne può contagiare altre 18.

Sto spiegando cosa significa “il numero riproduttivo basale” pari a 18 senza che nessuno me lo abbia chiesto.

Sono stanco, il che significa che me ne vado.

Ho sonno, ne deriva che vado a dormire.

Capite bene che per esprimere delle conseguenze posso usare anche perciò, quindi eccetera. Abbiamo dedicato un podcast molto lungo su questo concetto ma non abbiamo parlato di “il che”. Ne avevamo però accennato nel podcast dedicato all’espressione “al che“, espressione simile che vi invito a vedere se l’avete dimenticata.

Le altre espressioni che includono “il che” di cui vi parlavo prima hanno invece il senso di “questo“, quindi ci riferiamo sempre alla cosa di cui stavamo parlando.

il che non esclude: Le previsioni dicono che oggi pioverà, il che non esclude che invece possa nevicare . Quindi è come dire: “questo non esclude”, “la cosa non esclude”.

Il che in fondo: ormai sono un uomo, non sono più un bambino, il che in fondo non mi dispiace sai? (la cosa non mi dispiace, questo non mi dispiace in fondo)

il che potrebbe: ho 48 anni, il che potrebbe sembrare strano, ma è così. (questo potrebbe sembrare strano)

Lo stesso avviene anche in tutti gli altri casi.

Abbiamo sforato un po’ come al solito, il che non significa che non dobbiamo ripassare le espressioni precedenti.

Bogusia (Polonia): Può darsi che alcuni di noi siano soggetti al disturbo detto stitichezza. In gergo medico è detta “stipsi “.
Un intestino bloccato non è da prendere sotto gamba, perché può portare altri problemi di salute.
Lungi da me dall’elencarli. Si può combattere tenendo fede ad alcuni suggerimenti e rompendo subito gli indugi così la stipsi sparisce in men che non si dica. Per dare seguito a questi suggerimenti basta cambiare alimentazione.
1. Mangiare verdure 2. Fare il pieno di fibre con i kiwi, uno a colazione e uno dopo cena 3. Prugne e mele, anch’esse ricche di fibre insolubili 4. Fare movimento.
Ah, si, movimento, bisogna ovviamente ritagliarsi del tempo. O così o pomì. In fin dei conti, abbiamo già abbozzato troppo. Con questi suggerimenti alcuni di noi avranno proprio svoltato. Si può sgarrare ogni tanto? Certo . Se vi gira male ad esempio. Ma non sgarriamo troppo, sennò l’eccezione diventa la regola.

 

 

 

 

 

– – –

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

COPERTINA frasi idiomnatiche 2