178 – LORO, COLORO O QUELLI? – 2 minuti con Italiano semplicemente

Audio

Gianni: allora ragazzi, per coloro che desiderano continuare con gli episodi dei due minuti con italiano semplicemente facciamo questo 178-esimo episodio. Coloro invece che non vogliono proseguire probabilmente non stanno neanche ascoltando: Loro evidentemente preferiscono utilizzare questi due minuti in modo diverso.

Ma quando usare loro e quando coloro? Poi c’è anche quelli. Come facciamo? Come distinguiamo?

Parliamo sempre di persone, giusto? Le stiamo indicando, stiamo identificando un gruppo di persone.

Noi è un gruppo che include me stesso, mentre voi include la persona o le persone con cui parlo.

Loro invece è la terza persona plurare.

Loro  come noi, e voi servono semplicemnete a indicare il gruppo di riferimento.

Siamo stati noi

Siete stati voi

Sono stati loro

Loro mangiano,  noi beviamo, voi pagate

Eccetera.

Resta da capire perché utilizzare coloro. La risposta è che coloro si usa solamente quando devo specificare una caratteristica di queste persone, quindi sto scegliendo un sottogruppo  una parte di un gruppo. Non sto quindi indicando un gruppo di persone. Come faccio con loro.

Inoltre si usa solamente con le persone, sia maschi che femmine. Per gli oggetti e gli animali si usa “quelli che” oppure “quelle che “. 

Quindi devo sempre specificare una caratteristica se voglio usare coloro. Non dimentichiamolo. Con “quelli” non vale la stessa cosa. Ogni volta quindi sarà sempre “coloro che” oppure “coloro i quali”  o “coloro le quali” se di sesso femminile. Con gli oggetti o animali è possibile solo usare  “quelli che”. Non si usa generalmente “quelli i quali”, se non parlo di persone. Sempre “quelli che”.

Coloro che hanno studiato lo dicano

Vado d’accordo solamente con coloro i quali hanno un buon carattere.

Coloro le quali hanno avuto il primo ciclo mestruale possono avere dei bambini. 

Se “quelli che” si usa con oggetti e animali, a volte è consentito usare “quelli/quelle che” quando di parla di persone, ma come detto non si usa normalmente “quelli i quali” o “quelle le quali”.

“Quelle che” sta per “le persone che”  e al maschile ad esempio “gli amici che” può diventare “quelli che”. “Coloro che” si può usare senza badare al sesso. Se voglio specificare uso “coloro i quali” o “coloro le quali”. Qualche esempio:

Alcune persone secondo me sono più belle di altre. Sono quelle che hanno gli occhi azzurri.

Le tue amiche mi stanno simpatiche.

Quali amiche?

Quelle che escono sempre con te.

Scegli tre amici nel gruppo. Quali posso scegliere?

Quelli che vuoi

Bisogna dire che sempre parlando di persone  amici, colleghi eccetera, non sempre posso sostituire quelli con coloro e viceversa.

Infatti “coloro che” e “coloro i quali” si usano solamente per fare una selezione, per specificare le caratteristiche volute da alcune persone e non per indicarle:

Quali persone hanno superato l’esame di italiano? Solo quelle che hanno studiato di più.

Vale a dire: solo le persone che hanno studiato di più. Sto facendo una specificazione, sto dicendo una caratteristica, quindi posso usare anche coloro:

Hanno superato l’esame solo coloro che hanno studiato di più.

La frase è corretta.

Invece se indico e basta non posso usare “coloro”.

Scegli tre amici nel gruppo. Quali posso scegliere?

Quelli là! Quelli laggiù. 

Non si può dire “coloro là/laggiù” ma solamente “quelli là/laggiù”. Perché mi sto semplicemente riferendo ad un gruppetto, senza specificare una caratteristica verbalmente.

Analogamente, è corretto se dico:

Quelli! (indicando delle persone col dito ad esempio)

E invece non è ammessa la risposta:

Coloro!

Infatti ancora una volta non è stata specificata nessuna caratteristica.

In tutti gli atri casi “coloro che” equivale a “quelli che” solamente usare coloro è un pochino più formale, si usa in argomenti più seri.

Quali amici scegli?

Quelli/Coloro che sceglierai tu.

Quelli/Coloro che hanno le caratteristiche da te scelte

Quelli/Coloro che riterrai opportuno

Quelli/Coloro che credi siano i più bravi.

Eccetera. Più serio è il discorso, più coloro è adatto.

Ora Ulrike dalla Germania e Sofie dal Belgio ci aiutano a ripassare alcune espressioni passate.

– Ciao Ulrike, tutto bene?
– Si si, *si tira a campare*. Da te invece?
– Tutto *a posto*! Ho appena preso un *ammazza caffè* e adesso *me la sento* proprio di fare una frase di ripasso. Che ne dici? Un piccolo dialogo?
– Va bene, *prendiamo il toro per le corna* allora! Senza *cincischiare*!
– Sono un po’ *combattuta* però. Quali espressioni si possono usare? Abbiamo solo *l’imbarazzo della scelta* ma non dobbiamo *sforare*. Il *troppo stroppia*.
– Non importa, *tutto fa brodo*
– possiamo anche chiedere a Gianni se ci sarà una riunione dei membri nel 2020. Speriamo non ci dia una *risposta sibellina*
– Me l’ha già dato *di straforo* la risposta, ma penso che *a stretto giro* tutti ne saranno al corrente.

– – –

Rauno (Finlandia 🇫🇮):

zio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.