206 – COME LA VEDI? – 2 minuti con Italiano semplicemente

Audio

Giovanni: Oggi in questo episodio n. 206 della rubrica due minuti con Italiano Semplicemente esauriamo i significati di “vedi tu“. Naturalmente parliamo del verbo vedere ma in senso figurato.

Abbiamo visto “vedi tu” nel senso di decidi liberamente, pensaci tu, per me è lo stesso. Poi abbiamo visto “te la vedi tu” che chiama in causa le responsabilità esclusive.

Oggi vediamo “vedi tu” (ma anche lui, noi, eccetera) quando si chiede o si esprime un’opinione. Di modalità ce ne sono molte in generale quando si parla di opinioni o pareri:

Tu cosa ne pensi?

Secondo te?

Mi interessa la tua opinione.

Vorrei sapere il tuo punto di vista in merito (ci stiamo avvicinando, è comparso il “vedere” con il “punto di vista”)

Come la vedi tu?

Tu come la vedi?

Stiamo parlando di “vederla“.

Vedere” una situazione (quindi vederla, “la situazione”) rappresenta il proprio punto di vista sulla situazione. Ci stiamo riferendo alla situazione, alla questione, alla faccenda. Si parla al femminile in questi casi: “vederla” e non “vederlo”

Tu come la vedi? o anche “come la vedi tu?

Cioè: cosa ne pensi? Qual è la tua idea in merito?

Già, perché non tutti la vediamo sempre allo stesso modo.

Io posso vederla in un modo, tu puoi vederla in un altro modo, lei può vederla ancora in un altro modo, noi possiamo vederla in modo del tutto diverso da voi. E loro?

Loro possono vederla ancora diversamente.

E tu? Come la vedi tu? La vedi ancora diversamente da tutti gli altri?

Insomma, avete capito che la vista si usa per dare il senso del “punto di vista“, perché ognuno ha il suo punto di vista diverso, poiché ognuno ha la propria esperienza, i propri interessi, cose che reputa più importanti e cose meno importanti.

Un modo un po’ più formale che utilizza sempre il verbo vedere per chiedere un’opinione è:

A tuo modo di vedere come possiamo fare?

A nostro modo di vedere, la vostra accusa è totalmente falsa!

Oppure (anche senza “modo di”)

A mio vedere questo caffè è troppo freddo

A suo vedere è stato accusato ingiustamente

Ora saluto tutti, anche i professori di lingua italiana che amano la grammatica insegnata in modo classico, e invece a mio modo di vedere la grammatica va insegnata in modo diverso e, se vogliamo, divertente. Ovviamente se la vedete diversamente da me fatemi sapere.

Ora ripassiamo qualche espressione già spiegata a ritmo di musica brasiliana e poi ascolteremo come la vede Emanuele.

Andrè: Brasile e Carnevale, un binomio inscindibile! Sta settimana con tutti gli annessi e connessi inizia la festa più popolare del mondo, e se vogliamo anche la più allegra! È anche la festa dove si beve più che mai, e ogni due per tre va in tilt la testa dei cosiddetti “foliões” , per me nulla quaestio a patto che nessuno vada all’aldilà per i festeggiamenti! Rio de Janeiro, São Paulo, Salvador e Recife sono le città dove si trascorrono gli eventi più animati. Le folle ballano senza remore! Direi che Il Carnevale sarebbe una festa perfetta sennonché c’è sempre qualcuno che fa stupidaggini e io sono costretto a dirvelo allora: ce ne sono tanti, ma che vuoi farci! Volendo, venite in Brasile per il Carnevale, portatevi i vestiti più osé e godetevi la festa perché durante il carnevale non se ne frega nessuno dei formalismi! Voci false e tendenziose vi potranno dire che si tratta di un evento pericoloso, comunque, se volete andare, a scanso di eventuali equivoci e di dubbi vi consiglio l’agenzia di viaggio di una mia amica che sicuramente vi darà manforte.

Segue la spiegazione di Emanuele…

.- – –

L’inizio e/o la fine di ogni episodio dei “due minuti con Italiano Semplicemente” servono a ripassare le espressioni già viste e sono registrate dai membri dell’associazione. Se vuoi migliorare il tuo italiano, anche tu puoi diventare membro. Ti aspettiamo!

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: