Gli straordinari – ITALIANO PROFESSIONALE

Gli straordinari

File audio e trascrizione in PDF disponibili ai membri dell’associazione Italiano Semplicemente

ENTRA REGISTRATI

programma del corso di Italiano Professionale

iscrizione all’associazione Italiano Semplicemente

lavoro straordinario

TRASCRIZIONE

Questa lezione di italiano professionale la dedichiamo agli straordinari.

Gli straordinari” ,con l’articolo, è qualcosa di cui si parla esclusivamente in ambito lavorativo.

Ciò di cui stiamo parlando è di lavoro straordinario.

Il termine straordinario, lo sappiamo, è un aggettivo e indica normalmente qualcosa di molto positivo, di molto bello, di magnifico, di eccezionale.

Può trattarsi di una qualunque qualità che, quando diventa straordinaria, è fuori del comune e generalmente si tratta di qualcosa di positivo:

Giovanni ha una straordinaria virtù!

Maria ha una pazienza straordinaria!

Paolo è straordinariamente efficiente.

Romina è una donna con un’intelligenza straordinaria.

Si può anche usare da solo comunque:

Sei una persona straordinaria!

Giovanni è straordinario con i suoi figli.

Non solo virtù però:

Questi luoghi sono stato teatro di eventi di straordinaria violenza

Ciò che è straordinario infatti eccede, supera i limiti del normale o del comune, nel senso di un’eccezionalità rispetto alla prassi o al normale.

Non è quindi detto che si tratti di qualcosa di molto positivo o negativo.

Ciò che conta è il fatto che si va oltre la normalità, oltre l’ordinario.

Oggi c’era un traffico straordinario per via di un incidente. Solitamente da queste parti non c’è mai traffico.

In caso di avvenimenti straordinari il contratto si considera sospeso.

Quest’ultima potrebbe essere una clausola contrattuale. Si parla si fatti non prevedibili, inaspettati, rari, e dunque non parliamo di cose magnifiche, bellissime, stupende.

Tornando allo straordinario iniziale, quello con l’articolo, “lo straordinario” è, come dicevo, il lavoro straordinario.

Anche in questi caso non è né una qualità né un difetto. Per lavoro straordinario si intende il lavoro svolto oltre il normale orario di lavoro.

C’è dunque un lavoro ordinario e un lavoro straordinario.

L’orario normale di lavoro è fissato in 40 ore settimanali per legge. Poi c’è anche la possibilità che possa essere di durata inferiore. Questo si decide con la cosiddetta contrattazione collettiva.

Tutte le ore in più che vendono fatte, oltre le 40 ore settimanali sono dette ore di straordinario.

Si intende “lavoro straordinario” ma soprattutto nel linguaggio orale si omette il termine lavoro e si parla solamente di straordinario o di straordinari.

Quanto straordinario hai fatto questo mese?

Quante ore di straordinario puoi fare ogni mese?

Questa settimana ho fatto 10 ore di straordinario.

Gli straordinari, cioè le ore di lavoro straordinario, vengono pagati meglio rispetto alle ore ordinarie. Può essere il 15% in più, o il 20% o anche di più, dipende dal proprio contratto collettivo NAZIONALE, indicato con la sigla CCNL.

Tra le tipologie più pagate ci sono gli straordinari festivi e gli straordinari notturni.

La domanda è: gli straordinari sono obbligatori?

A volte sì, e si deve sempre guardare il proprio CCNL.

Ci possono infatti essere dei motivi, indicati nel contratto collettivo di riferimento per cui non si può rifiutare di farli.

Oppure se diventa importante perché altrimenti ci può essere un pericolo grave e immediato o danni alle persone o alla produzione.

O anche per eventi particolari collegati all’attività, come mostre o fiere.

A parte questo, in tutti gli altri casi è sempre necessario il consenso del lavoratore e l’accordo con il datore di lavoro; Insomma bisogna essere d’accordo in due.

Molti lavoratori in Italia fanno straordinari e lo fanno perché così guadagnano di più. Altri invece fanno straordinari perché sono costretti dal proprio datore di lavoro.

Poi tantissimi lavoratori, nonostante ne facciano molte ore al mese, non vengono neanche pagati se non con delle promesse…

Non per questo credo che l’Italia non si possa considerare una nazione straordinaria, siete d’accordo?