838 Cogliere la notte

Cogliere la notte (scarica)

Trascrizione

Siete mai stati colti dalla notte?

Il verbo cogliere lo abbiamo già incontrato nell’espressione “cogliere un’occasione al volo” e anche in “cogliere alla sprovvista”.

Abbiamo il senso della velocità e della prontezza nella scelta nel primo caso e quello della sorpresa nel secondo.

Tra l’altro, parlando di scelte, quando si colgono i frutti, (in senso proprio) anche in quel caso si sceglie quali frutti cogliere.

Vediamo oggi un bell’esempio di utilizzo del verbo cogliere dove abbiamo nuovamente il senso della scelta, oppure quello della sorpresa. C’è di mezzo la notte.

Sapete che anche la notte infatti si può cogliere, e a sua volta la notte può cogliere noi.

Es:

Ho colto la notte giusta per andare a vedere le stelle

Qui il senso è di scegliere. Ho scelto la notte giusta, quella più adatta. La mia scelta è stata la migliore.

Quando è la notte a cogliere noi, significa invece che ci sorprende inaspettatamente.

Es:

Mentre rientravo dalla passeggiata nel bosco, mi ha colto la notte e ho avuto problemi a trovare la strada.

Vedete che si intuisce che quando la notte ci coglie, ci coglie alla sprovvista, quindi ci sorprende inaspettatamente.

Arriva la notte e ci coglie di sorpresa. “Cogliere di sorpresa” è un altro esempio del verbo cogliere e può riguardare qualunque cosa che sia inaspettata e dunque ci sorprende.

Teoricamente, oltre alla notte, anche il giorno ci può cogliere, sebbene si abbiano meno occasioni per usare questa espressione.

Es:

Il conte Dracula è stato colto dalla luce del giorno!

Anche qui c’è la sorpresa, il conte Dracula non si è reso conto che stava arrivando l’alba.

Adesso ripassiamo qualche episodio precedente.

Irina: Avete sentito la raccomandazione del premio Nobel per la fisica italiano Gorgio Parisi? A suo dire, per risparmiare, si può spegnere il fuoco sotto la pentola della pasta prima che sia pronta.

Ulrike: Lo chef Colonna è subito andato in tilt e ha raccolto la provocazione dicendo che : «Se cotta così, la pasta assumerà una texture gommosa»

Peggy: Con la pasta non si scherza qui in Italia, anche se cio’ che ha detto il fisico ha il suo perché, anche in merito a questioni ambientali: a mali estremi estremi rimedi!

Karin: Ma dai Peggy! Anche in caso di ultima spiaggia, lasceremo la Terra per andare su Marte, ma il fuoco sotto la pasta degli italiani deve rimanere lo stesso, e questo è quanto!

Danielle: Esatto Karin, non c’è santo che tenga! Anche se capisco che Parisi abbia voluto ben fare presente dell’emergenza di cambiare i comportamenti quotidiani per ovviare ai problemi più grandi.

Danita: Eh, ha voluto assumere una posizione un po’ provocatoria di sicuro. Capace che l’ha fatto solo per aprire il dibattito in merito.

Esercizi

Risposte disponibili ai soli membri dell’associazione Italiano Semplicemente.

(Trovate l’esercizio di questo episodio nella cartella di Google Drive degli episodi 801-900)

ISCRIVITIENTRA

richiesta adesione iscrizione associazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.