Le bufale

Le bufale (scarica audio)

Nella lingua italiana, un modo molto originale per indicare una notizia falsa, è la “bufala“.

Tutti conoscete e usate probabilmente le fake news per indicare le notizie false diffuse sul web e sui gruppi whatsapp, telegram e via discorrendo.

Le bufale è l’equivalente italiano. Ma la bufala non è anche un animale? Sì, esattamente. Si tratta della femmina del bufalo, e la mozzarella di bufala è famosa in tutto il mondo.

Ma la bufala è anche appunto il nome che si dà alla notizia falsa, alla notizia priva di fondamento, che non ha alcun fondamento di verità. Si potrebbe definire anche una panzana, una frottola, ma nel linguaggio giornalistico bufala è molto più diffuso.

E’ curioso che la bufala, sempre al femminile, sia usata anche per descrivere qualcosa di scarso valore in generale, non solo una notizia.

Una qualunque cosa mal fatta, di nessun valore o interesse, pesante e anche molto noiosa può essere definita una bufala.

Avete visto un film che non vi è piaciuto per niente? Potete chiamarlo una bufala, senza problemi, soprattutto se le aspettative erano alte. Lo stesso accade se acquistate un prodotto che poi vi delude molto: una vera bufala, non lo acquistate, non fate il mio stesso errore. Somiglia anche al termine “fregatura“, qualcosa che vi ha ingannato dal suo aspetto, o da come è stato descritto da qualcuno. L’oggetto di una truffa può essere definito una bufala.

Siete stati imbrogliati? Vi hanno venduto un anello di diamanti e poi avete scoperto che era tutto finto? Avete sicuramente preso una bufala!

Anche un grosso errore anche detto errore madornale può essere definito una bufala. Povera bufala, che avrà fatto di male?

mozzarella di bufala
Foto di PDPhotos da Pixabay

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.