Ricordare o ricordarsi?

Audio

scarica il file audio in formato mp3 

Trascrizione

C’è differenza fra “dimenticarsi” e “dimenticare”? Ed analogamente, si distingue tra “ricordare” e “ricordarsi”?

Questa è la domanda che mi ha posto una ragazza per email. Ha un nome cinese quindi non mi azzardo a pronunciare (Xiaoheng).

Allora che differenza c’è?

Faccio abbastanza fatica a spiegare questa differenza. dimenticare o dimenticarsi, ricordare o ricordarsi.

Mi viene in mente, così, di primo acchitto, che dimenticarsi è più familiare. Lo stesso vale per ricordarsi.

Poi se ci penso ancora un po’ penso che dimenticarsi si usa quando si parla di cose personali, di cose da fare o da dire.

Ti sei ricordato di fare la spesa? O ti sei dimenticato?

Qui sto usando dimenticarsi e ricordarsi.

In teoria si potrebbe anche dire:

Hai ricordato di fare la spesa? Oppure lo hai dimenticato?

Ma questa frase suona veramente male. Usare ricordarsi significa riferirsi ad una persona, quindi il mio primo pensiero era giusto.

In effetti quando la questione riguarda una persona a volte si fa fatica a usare ricordare e non ricordarsi che viene più naturale.

Ad esempio

Ti ricordi di me?

Come si fa in questi casi ad usare ricordare?

“Ricordi me?” Non va bene per niente. Non esiste proprio!

Come si fa a dimenticarsi di te?

Questo è un altro esempio in cui non si può usare l’altra forma.

A volte usare ricordarsi e dimenticarsi aumenta la componente emotiva, e aiuta a rendere bene l’idea:

Di questa epidemia ce ne ricorderemo a lungo.

Mi ricorderò per sempre di te

Ci sono occasioni in cui possiamo usare entrambe le forme.

Ad esempio:

Ricordati di andare a trovare nonna.

Ricorda di andare a trovare nonna.

Vanno bene entrambe ma la prima è sicuramente più usata e anche più naturale perché ci si rivolge più direttamente alla persona con cui si parla.

Mi ricorderò del tuo sorriso

Ricorderò il tuo sorriso.

Come prima: meglio la prima forma, meno distante, più confidenziale, più diretta.

Si ok, la frase si costruisce in modo diverso, è vero…

Ricordarsi di… Bisogna aggiungere “di” o del, della, eccetera. Ma non sempre:

Non riesco a ricordarmi del suo nome.

Si può anche dire:

Non riesco a ricordarmi il suo nome

Non riesco a ricordarmi come si chiama.

In questo caso meglio non mettere “di”, ma non è sbagliato dire “ricordarmi di come si chiama”

Ci sono poi occasioni in cui è meglio usare ricordare e non ricordarsi. Meglio, ma non obbligatorio. Quando?

Questo accade quando il tono è più “solenne” diciamo, spesso non si parla di una persona specifica. O quando si è nell’ambito dell’insegnamento, quindi parliamo di concetti e di nozioni:

Bisogna sempre ricordare cosa significa la guerra.

In effetti non c’è bisogno di viverla in prima persona, la guerra, come hanno fatto i nostri nonni ad esempio.

Ecco, i nostri nonni avrebbero detto:

Dobbiamo ricordarci cosa significa la guerra.

Per loro che l’hanno vissuta veramente ha molto più senso.

Analogamente, anche un professore, un insegnante, probabilmente userà ricordare e dimenticare.

Non bisogna dimenticare il teorema di Pitagora.

In effetti il teorema di Pitagora come tutte le cose che si imparano a scuola non sono esperienze di vita. Meglio usare ricordare e dimenticare in questi casi.

Avete visto che ragionando insieme abbiamo capito qualche differenza in più.

Ci sono dei casi però in cui ricordarsi non va bene.

Ti ricordo che oggi è il mio compleanno!

Queste giornate ricordano quelle vissute durante la guerra. Nessuno poteva uscire di casa.

Vorrei ricordare un episodio accaduto tanto tempo fa.

In questo caso si parla di ricordare ad altri, non a se stessi, e spesso neanche ad una persona specifica. Quindi ricordarsi non ha senso.

Anche “le giornate ricordano” significa “le giornate fanno pensare”, “portano alla memoria” . Alla nostra memoria quindi.

Quindi il ricordo viene anche in questo caso stimolato dall’esterno.

Lo stesso se dico:

Il concerto è stato organizzato per ricordare un grande artista scomparso tanti anni fa.

Per dimenticare e dimenticarsi non vale però. Dimenticare e dimenticarsi sono sempre riferiti a se stessi o a tutti. Mi sono dimenticato, ti sei dimenticato, hai dimenticato, dimenticare è sbagliato, eccetera.

Bene, se non ho dimenticato nulla, l’episodio può finire qui.

Se volete potete date un’occhiata all’episodio sui verbi pronominali, che vi chiarirà ulteriormente le idee. Non ve lo ricordavate questo episodio vero? Allora vi metto un collegamento così fate prima.

Alla prossima. Grazie alla ragazza cinese della domanda.

Grazie a tutti per le vostre donazioni e se avete dubbi anche voi, non dimenticatevi che esiste Italiano Semplicemente.

Un abbraccio virtuale.

I verbi Pronominali (no panic!)

Audio

Trascrizione

verbi_pronominali_immagini

Oggi vediamo, come vi avevo promesso, i verbi pronominali.

Tranquilli, non spaventatevi, perché questa non sarà una noiosa lezione di grammatica. Renato, che saluto, mi ha chiesto di dire qualcosa sui verbi pronominali, ed io voglio aiutarlo. Non lo aiuterò però iniziando a parlare dei verbi pronominali spiegando le regole, le tipologie eccetera, perché ci sono centinaia di siti e pagine web in cui si fa questo. Quello che farò è utilizzare il mio solito metodo, quello delle sette regole d’oro. Non verrò meno ai miei principi quindi. Venire meno a dei principi significa cambiare il proprio comportamento, non applicare le regole che secondo me sono importanti. I principi sono generalmente le regole morali, ciò che guida il comportamento, quindi i principi riflettono il proprio pensiero; riguardo alla lingua italiana io dico sempre che i principi sono quelli descritti nelle sette regole d’oro di Italiano Semplicemente. Dico sempre che studiare la grammatica non serve per comunicare in italiano, non serve almeno all’inizio, è noioso e richiede tempo. Se vi spiegassi i verbi pronominali nel classico modo che tutti utilizzano, finirei per annoiarvi e la lezione verrà dimenticata in due o tre giorni. Invece se sarò divertente e piacevole avrete voglia di ascoltarla ancora.

Dunque caro Renato, spero che la cosa non ti dispiaccia e come hai detto tu, utilizzando proprio un verbo pronominale, spero che te la spasserai ascoltando la mia spiegazione. Spassarsela significa divertirsi, ed entrambi sono appunto due verbi pronominali. Io mi diverto è uguale a io me la spasso.

Bene, allora i verbi pronominali: brutta parola. Sembra quasi qualcosa che può spaventarci. No problem comunque. I verbi pronominali sono come i verbi normali, ed infatti ciò che cambia è solamente una cosa. La regola generale da ricordare, facilissima, è che un verbo normale diventa pronominale quando il verbo è rivolto a se stessi. Tutto qui.  Quasi tutti i verbi possono diventare pronominali, ma ci sono anche dei verbi che si usano solamente nella forma pronominale, ma l’uso di tutti questi verbi pronominali, caro Renato, si impara solamente parlando, ascoltando e parlando. Il nostro cervello lavora da solo, non ha bisogno di essere riempito di nozioni, la comunicazione è automatica, perché serve alla sopravvivenza.

Capisco che i maniaci della grammatica possono a questo punto dire: non è possibile, non si insegna italiano in questo modo! Ma io sono tutto d’un pezzo perché il metodo ha funzionato su di me e so quindi che funziona. Ho appena detto che sono tutto d’un pezzo, e quindi devo spiegare che Essere tutto d’un pezzo significa essere sicuri e non farsi venire dubbi.

Vediamo alcuni esempi: dicevo che un verbo diventa pronominale quando si riferisce a se stessi. Quasi tutti sono così. Cosa significa? significa che fare, cioè il verbo “fare”, diventa il verbo “farsi”. Ad esempio, vediamo la frase: “fare del male”, è una frase normalissima, e  fare del male significa compiere del male. Non c’è nessun verbo pronominale qui. Il verbo fare è utilizzatissimo in italiano, sia nelle frasi normali che in quelle idiomatiche.

Ma io posso anche dire che io “mi faccio del male“. Io mi faccio del male vuol dire che io faccio del male a me stesso.

Quindi io vi dico ad esempio che studiare la grammatica serve a “farsi del male”. Se voi studiate la grammatica fate male a voi stessi. ecco: non ho usato un verbo pronominale ora.

Ma posso ugualmente dire che se studio la grammatica anziché ascoltare io mi faccio del male: “faccio del male a me stesso” è uguale a “mi faccio del male”.

In generale si dice “farsi del male”. Studiare la grammatica è farsi del male. Questo è sicuro.

Io mi faccio del male se studio la grammatica

Tu ti fai del male se studi la grammatica

Lui si fa del male se studia la grammatica

Noi ci facciamo del male se studiamo la grammatica

Voi vi fate del male se studiate la grammatica

Essi (o loro) si fanno del male se studiano la grammatica.

Molto facile quindi non farsi del male, basta non studiare la grammatica.

Così come fare del male diventa farsi del male, allo stesso modo funzionano anche molti altri verbi, quasi tutti direi.

Ci sono però alcuni verbi che si usano solo nella loro forma pronominale. Io vi dico questo solamente perché l’ho letto su alcuni siti web. Non sapevo neanche che questi verbi si chiamassero in questo modo: pronominali, perché davanti c’è il pronome: mi faccio, ti fai, mi lavo, ti lavi, si lava, ci laviamo eccetera. Comunque Renato tu nel tuo esempio mi facevi alcuni esempi di verbi pronominali: svignarsela, battersela, filarsela, darsela, bersela, aspettarsela ecc.

Hai citato quasi tutti verbi che si usano solamente nella loro forma pronominale. Perché svignare non esiste, battere invece esiste, ma esiste anche battersi e appunto battersela, che ha tutto un altro significato, lo stesso vale per filare, che esiste ma non c’entra con filarsela , così come dare e darsela sono verbi diversi. Riguardo a bersela invece esiste bere, e bersela è la versione idiomatica , dal senso figurato. Lo stesso vale per aspettarselo,  o aspettarselo,  versione pronominale di aspettare.

Mi hai in particolare chiesto di spiegare il significato di questi verbi e il loro uso nei diversi tempi verbali.

Allora per fare questo vi racconterò una storia, una storia che mi riguarda, quindi una storia vera e userò, nel raccontare questa storia, tanti verbi pronominali, cercando di includere proprio i verbi che mi hai chiesto tu ed anche qualcun altro, sempre pronominale. Sentirete un piccolo suono ogni volta che pronuncio un verbo pronominale, in qualsiasi forma. Prima il suono, poi il verbo pronominale. Tutto ciò che sentirete è realmente accaduto proprio al sottoscritto.

Pronti? via!

Una volta, ai tempi dell’università, mi piaceva farmi del male.

Infatti spesso (io ho fatto l’università a Roma) andavo a fare gli esami e, non so perché, mi attraeva l’idea di non andare preparatissimo agli esami. Studiavo un po’, e non appena mi sentivo pronto, non appena sentivo che avevo delle possibilità di potermela cavare, mi buttavo! Provavo a fare l’esame, pur sapendo che avrei potuto farmi molto del male. Qualora infatti il professore mi avesse trovato impreparato avrebbe pensato: questo ragazzo adesso me lo mangio vivo! Io diciamo che sono sempre stato una persona ottimista, mi ritengo un ottimista di natura, quindi mi dicevo (dicevo a me stesso): rischio, o la va, o la spacca (ps: frase idiomatica).

E mi trovavo così a fare l’esame, di fronte al professore che si aspettava sicuramente uno studente preparato,  e non si aspettava di certo uno studente che amava farsi del male come me. Dico questo perché qualche volta mi sono fatto veramente del male: una volta un professore mi ha tenuto mezz’ora in più, dopo l’esame, per farmi una bella ramanzina, mi ha sgridato spiegandomi che non si andava a fare gli esami nella speranza che poteva andarmi bene, ma quando si fa un esame si deve essere preparati, altrimenti poi viene voglia di svignarsela.

Se il professore scopre che non sei preparato potrebbe sempre scapparci una brutta figura e il primo pensiero che viene in mente è battersela il prima possibile! Scappare, darsela a gambe levate!  Certo, filarsela non è una cosa positiva, ed è anche una cosa che non si può fare, ma io non pensavo a questa eventualità. Ma succede, e quando succede occorre starci. Io ero ottimista e mi aspettavo sempre che tutto andasse bene.

Di fatto, due volte in particolare mi è andata male. La prima volta il secondo anno di università: il professore mi fece delle domande ed io non sapevo assolutamente la risposta. Io allora mi aggiustavo la cravatta, cominciavo cioè ad innervosirmi, e non aspettandomi una domanda che non sapessi, dicevo semplicemente: non lo so!

Non lo so! Questa è veramente una cosa che ci si deve guardar bene dal dire, che cioè non si deve mai dire all’università, ma questo l’ho imparato col tempo: credo che bisogna cascarci almeno una volta nella vita. Guardatevi bene dal dire “non lo so” se il professore vi fa una domanda e voi non sapete come rispondere.

Un’altra volta invece oltre a non essermi preparato abbastanza, non mi ero neanche vestito in modo elegante, e vestirsi in modo elegante spesso è apprezzato dai professori.

Il professore in questo caso non mi ha neanche interrogato. Ha iniziato a prendersela con me e mi ha detto che io non rispettavo l’università, che non rispettavo l’istituzione dell’università. Io non mi aspettavo ovviamente una reazione del genere da parte sua. Prima mi ha detto che dovevo tagliarmi la barba, poi che è necessario vestirsi bene. Insomma ci ha dato dentro di brutto! Non è stato facile uscirne!

Io speravo la piantasse con questa storia dei vestiti e della barba, ma lui continuava: “io ci tengo molto alla forma” – diceva – “lei non me ne voglia per questo ma anche lei deve rendersi conto che non basta prepararsi, è importante anche la forma, come ci si presenta”. Insomma, per farla breve, mi ha bocciato senza neanche farmi una domanda.

Insomma, immaginatevi come io sia rimasto sconvolto da questa esperienza. E immaginatevi anche come io fossi vestito quando poi sono tornato a fare l’esame, che ho poi superato anche con un bel voto.

Insomma vi ho raccontato questa storia perché volevo dirvi che quando si rischia può capitare di spuntarla, spesso la si può fare franca, cioè può capitare che tutto vada bene, ma può capitare di non farla franca, di non riuscire a spuntarla, di non farcela, ma quello che conta è che alla fine l’obiettivo venga raggiunto e di coraggio ce ne vuole per sopportare fino alla fine prima di farcela.

Bene, credo che in questo racconto sono riuscito ad utilizzare tutte le forme possibili dei verbi pronominali, ce ne sono molte. Ho evidenziato i verbi utilizzati quindi chi legge ed ascolta nello stesso tempo può ascoltare il suono che segnala il verbo pronominale e nello stesso tempo può vedere che il verbo pronominale è stato messo in grassetto, cioè è più scuro; si nota perché è più scuro del resto del testo.

Spero Renato che sia riuscito oggi a suscitare il tuo interesse e quello degli altri membri della famiglia, e nello stesso tempo che io sia riuscito a farvi capire cosa siano i verbi pronominali. Ora potete anche dimenticare che esistono! La cosa importante invece è che ripetiate l’ascolto di questo file audio. Più volte (Repetita Iuvant: prima regola d’oro di Italiano Semplicemente). Ripetendo vedrete che non avrete bisogno di studiare le regole per saper esprimervi in italiano. Anche “esprimersi”  è un altro verbo pronominale, e quindi se siete capaci di comprendere e di dire correttamente la frase: “io riesco ad esprimermi in italiano” senza problemi vuol dire che avete capito e che non avete bisogno di studiare la grammatica dei verbi pronominali. Se poi siete appassionati di grammatica me ne farò una ragione. Anche qui ho usato un verbo pronominale: il verbo “farsene“.

Prima di completare l’episodio con l’esercizio di ripetizione voglio però ringraziare di cuore tutti coloro che hanno utilizzato lo strumento Donazione, e quindi che mi hanno aiutato con una loro donazione e questo mi rende molto felice perché significa in qualche modo che è apprezzato quello che faccio, e questo mi dà anche molta motivazione per andare avanti e fare nuovi episodi. Grazie quindi a Lya dalla Danimarca a Ulrike dalla Germania, che sono gli ultimissimi, ma mille grazie anche a Leyla, ad Anastasia ed agli altri che si uniranno in futuro. Mi rendo conto del vostro sforzo e spero di continuare anche in futuro a meritarlo.

Ora per concludere vi propongo il consueto esercizio di ripetizione (settima regola). Vi propongo di provare 3 verbi pronominali: i verbi fregarseneinfischiarsene e curarsene. Fregarsene, infischiarsene e curarsene sono tre verbi pronominali molto simili tra loro, e si usano tutti e tre per dire se siete o non siete interessati a qualcosa o a qualcuno.

Fregarsene di qualcosa vuol dire non essere interessati a questa cosa. Infischiarsene è la stessa cosa: non vi interessa, non vi importa nulla. Questi due verbi esistono solamente nella forma pronominale. Se dite al vostro fidanzato o fidanzata ad esempio la frase: “me ne infischio di te!“, vuol dire che a voi non interessa nulla di lui o di lei. Voi non siete interessati a lui: ve ne fregate, ve ne infischiate, non ve ne curate. Non curarsi di qualcosa quindi equivale a fregarsene, infischiarsene, ma occorre mettere il “non” davanti. Infatti non curarsi è una conseguenza di non essere interessati. Se  qualcosa non vi interessa come conseguenza non ve ne curate di questa cosa, non prestate attenzione a questa cosa.

Ok, iniziamo, non pensate alla grammatica ma limitatevi a ripetete: ascoltarsi (cioè ascoltare se stessi) fa bene al vostro italiano:

Io me ne sono sempre infischiato della grammatica!

Tu te ne sei sempre fregato della grammatica!

Lui non si è mai curato della grammatica.

Noi ce ne siamo sempre fregati della grammatica!

Voi ve ne siete sempre fregati della grammatica!

Loro non si sono mai curati della grammatica.

Ciao a tutti.

Video con sottotitoli