734 Spaziare

Spaziare (scarica audio)

Trascrizione

Giovanni: oggi vediamo un verbo molto interessante: spaziare.

Spero che nello spazio di qualche minuto sarò riuscito a terminare la spiegazione di questo episodio.

Ovviamente spaziare deriva da “spazio“.

Cos’è lo spazio? Difficile definire lo spazio in parole semplici.

Potrei dirvi che è una porzione di territorio, oppure che è il luogo dove si trovano tutti i pianeti, le stelle e l’universo.

Ma ognuno di noi occupa uno spazio su questa terra, giusto? Diciamo che tra i tanti usi del termine spazio, ciò che ci interessa dello spazio in questo caso è l’idea della grandezza.

Spaziare infatti significa muoversi liberamente in uno spazio vasto, grande.

Veramente non ha solo questo significato perché vuol dire anche disporre alcuni oggetti a una certa distanza gli uni dagli altri, similmente a distanziare, distribuire in uno spazio. Come a dire che bisogna creare una certa distanza tra un oggetto e l’altro.

Ma oggi voglio spiegare a voi non madrelingua il senso di cui parlavo prima.

Posso dire ad esempio che:

Gli uccelli spaziano nel cielo.

Allo stesso modo:

Gli animali selvaggi possono spaziare liberamente nella foresta.

Il mio sguardo può spaziare sul mare

Dunque anche uno sguardo può muoversi liberamente in uno spazio grande.

La cosa interessante è però che possiamo uscire dal concetto di spazio fisico e parlare in senso figurato, è questo l’uso di spaziare più interessante.

Gli studi di Leonardo da Vinci hanno spaziato dalla pittura alla scultura, dall’architettura, dalla filosofia alla scultura.

Ci sono attori che sanno fare tutto e spaziano dal genere comico al drammatico

Perchè fare satira ed ironia sempre e solo parlando di sesso? Perchè invece non spaziare e far divertire il pubblico anche parlando di altri argomenti?

Quando faccio gli esempi mi piace spaziare da un argomento all’altro.

La nostra azienda vuole offrire un servizio in grado di spaziare tra i più diversi ambiti, grazie al supporto di un team di persone specializzate ognuna in una particolare area di competenza.

Ho passato 10 anni in carcere. In questo periodo ho visitato molti luoghi diversi spaziando con la fantasia.

Bene, adesso credo sia chiaro. Adesso facciamo un ripasso parlando di rapporti di coppia. Cercate anche voi di non spaziare troppo con la fantasia ok?

Irina: raccolgo la provocazione. Dio disse alla donna di non mangiare il frutto proibito. Ma lei non gli ha dato retta. A Dio! Capisci? Figuriamoci a te!

Wilde: Non so vuoi, io penso che una vita in coppia, per funzionare bene, sia un continuo venirsi incontro, della serie: hai voluto la bicicletta non resta che pedalare.

Peggy: detto così sembra quasi che sia una vita interamente sacrificata, ma come dimenticare la prima settimana d’amore?

Marcelo: per me, mai deve essere sacrificata la vita in coppia. E’ nelle cose che possano esserci scontri, ma la si deve prendere con filosofia e con tutti gli annessi e connessi. Per me la cosa più importante è rispettare sempre chi condivide la vita con te, e mai buttare l’olio sul fuoco quando c’è maretta. Devi avere sempre cura delle parole che usi, specialmente a caldo in una discussione! E poi mai usare parolacce! Sono piccoli consigli dopo una vita di coppia con la stessa donna!

Bogusia: Marcelo non posso darti torto. Ci sto su tutto ciò che hai detto. La realtà è però ben diversa oggigiorno. La gente si dà alla fuga alla prima maretta, a discapito dei bambini, che ovviamente ne risentono. Gli adulti spesso e volentieri sono i soliti egoisti. Ma la vita è quello che è. Che vuoi farci.