704 Scomodare

Scomodare (scarica)

Trascrizione

Giovanni: Mettetevi comodi, rilassati, tranquilli, perché oggi dobbiamo parlare del verbo scomodare e scomodarsi. Un verbo molto interessante, che difficilmente un non madrelingua utilizza.

Si usa in vari modi, anche in senso figurato, ed anche in senso ironico.

La comodità cosa c’entra?

Quando sono/sto scomodo, significa che sono seduto ma sto un po’ stretto, oppure ho un fastidio, un disturbo. Ma anche una sedia può essere scomoda se non è confortevole. Oppure posso stare in una posizione scomoda.

Può anche significare che una persona non si trova a suo agio.

in questa poltrona si sta scomodi

Ma io posso anche scomodare una persona. Significa causare disagio, fastidio o perdita di tempo a qualcuno; disturbare, importunare, e si usa specialmente in espressioni di cortesia.

Non vorrei scomodarla, ma dovrei passare

Non si scomodi, vado io ad aprire la porta.

In senso meno materiale, meno fisico, spesso si usa nei ringraziamenti o in frasi che si dicono per cortesia, specie se diamo del lei:
Grazie del pensiero, ma non doveva scomodarsi. Non c’era bisogno.
Ci spiace che si sia scomodato per venire a prenderci, avremmo preso un taxi, ma grazie mille!

In questi due casi appena visti (comodità materiale e casi di cortesia) c’è anche una modalità più formale:

Recare incomodo

Mi spiace recarvi incomodo

Scusate, signora, se son venuto a recarvi incomodo

Scomodare una persona però non si utilizza solo in senso materiale e in contesti di cortesia.

Infatti si può usare anche nel senso di “chiamare in causa“, un’espressione che abbiamo già incontrato, ma in questo caso si sta chiamando in causa questa persona senza necessità, senza un vero bisogno.

Chiamare in causa, se ricordate, ha il senso di interpellare o coinvolgere, o anche semplicemente citare in un discorso.

Quindi “scomodare” ha dentro di sé sia “chiamare in causa”, sia la non necessità di farlo. Si usa in particolar modo con personaggi autorevoli, famosi, proprio perché ci sono occasioni in cui non è il caso di chiamare in causa una persona famosa o autorevole o importante per cose di poco conto, cose poco importanti.
Vediamo qualche esempio:

Hai un raffreddore e vuoi chiedere un parere al primario dell’ospedale?
Direi che non è proprio il caso di scomodare il primario per un semplice raffreddore!

Allora adesso, per concludere, vi dico che non si può scomodare solamente una persona.

Infatti posso usare scomodare in frasi in cui si dà un consiglio, ad esempio, o si fa un rimprovero, quando si pensa che una cosa è esagerata. C’è a volte una nota leggermente ironica in questi casi.

Es:

Questa pandemia da Covid è confrontabile con le pandemie passate della peste, il colera, il vaiolo e il tifo? Oppure non è il caso di scomodare la storia?

Ci sono molte applicazioni sul cellulare che appaiono chiaramente invasive della privacy. Non ci dovrebbe essere bisogno di scomodare la legge per capirlo.

Adesso ripassiamo qualche episodio passato, e per questo scomoderò (non me ne vogliano) qualche membro dell’associazione Italiano Semplicemente. I ripassi però sono importanti perché come dicevano i latini, repetita iuvant. Mi spiace aver scomodato i latini per un semplice ripasso.

Anne France: si stanno avvicinando le nozze d’oro dei miei dirimpettai. Dopo 50 anni di matrimonio escono ancora insieme giorno e notte, e li si vede sempre camminare mano nella mano come un binomio inscindibile.

Irina: Meraviglioso davvero. Si dà il caso che, oggigiorno, è abbastanza raro percepire un’armonia duratura in una coppia. Purtroppo, litigano ogni due per tre prendendo presto una brutta piega nel loro rapporto.

Khaled: Mi sono sposato da due anni a questa parte. Per ora, grazie a Dio, vado ancora d’accordo con mia moglie. Se fortuna vorrà, supereremo anche la crisi del settimo anno.

Ulrike: Non c’è nessuna attinenza tra la fortuna e la relazione sana di una coppia. Dobbiamo avere contezza del fatto che empatia, comunicazioni corrette, rispetto reciproco e via dicendo danno supporto al legame interpersonale.

Edita: Grazie! Tutto ciò pronunciato da te mica è una passeggiata. Se mi gira bene, riesco ad agire in conformità a questi principi, al contrario, tali principi passano in cavalleria.

Lia: ragazzi, pur di ottenere un buon rapporto con il mio futuro marito, accetto di buon grado il consiglio di Ulrike, anzi trasmetterò queste idee anche a lui, e così, come si suol dire, avremmo una vita coniugale felice e contenta a tutti gli effetti.

Hartmut: Per favore, Lia! Si fa presto a dire vita coniugale. Pensa a trovare prima un fidanzato, e poi vediamo!

Peggy: Mamma mia! Che frecciata che le hai lanciato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.